Febbraio 2, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Bolivia rafforza il controllo degli speculatori

Riferendosi in dichiarazioni a Prensa Latina alla situazione creata dai gruppi di potere di Santa Cruz che hanno minacciato di boicottare l’arrivo di carne e altri alimenti nel resto delle province dopo l’incarcerazione del governatore di Santa Cruz, Luis Fernando Camacho, Silva ha sottolineato che è importante coordinarsi con altri organi dell’apparato statale.

Per precauzione, Camacho è stato imprigionato per quattro mesi nel carcere di massima sicurezza di Chonchoro a La Paz per non ostacolare le indagini sul caso del primo colpo di stato a cui ha partecipato alla rottura dell’ordine costituzionale in Bolivia nel 2019 sotto inchiesta .

Secondo quanto rivelato dal ministro del governo, Eduardo del Castillo, l’allora capo della Commissione civica di Santa Cruz trasferì quattro milioni e mezzo di boliviani (più di 640mila dollari) all’interno di quella cospirazione che portò all’imposizione di un de governo di fatto e 38 morti, centinaia di feriti e migliaia di violazioni Diritti umani nella repressione di chi chiedeva il ripristino della democrazia.

Silva ha dichiarato a questa agenzia di stampa che, sulla base della supervisione e della supervisione, la sua amministrazione mantiene uno stretto coordinamento con altri organi dell’apparato statale come il viceministro del commercio interno e dello sviluppo rurale e la società di aiuti alla produzione alimentare (IMAPA).

Ha sottolineato che l’obiettivo è per i piccoli produttori e uomini d’affari che “mettono le loro spalle nel paese per poter consegnare i loro prodotti ai diversi mercati della Bolivia”.

Ha esortato i residenti a richiedere il listino prezzi al momento del loro acquisto e a denunciare ogni manifestazione di speculazione e speculazione.

Ha sottolineato che se vengono scoperte violazioni, le leggi prevedono pene fino a 10 anni di reclusione per guadagni illeciti, multe elevate e sospensione temporanea o permanente dell’istituto.

READ  Ambasciatore cinese: L'economia vietnamita gode di grande apertura e vitalità

“Le sanzioni amministrative o penali sono pronte per essere attivate quando viene rivelata una chiara violazione dei diritti degli utenti o dei consumatori e che siamo tutti boliviani”, ha sottolineato Silva.

Il Capo dello Stato, Luis Arce, ha incaricato i ministri dello Sviluppo rurale, Remy González; e Sviluppo Produttivo, Néstor Huanca, per raddoppiare i controlli per garantire la produzione ed evitare affari e speculazioni.

“Entrambi i ministri sono in costante contatto, trattative, accordi con i produttori”, ha spiegato Silva, “e questo è ragionevole perché consente di garantire che i piccoli produttori possano immettere i loro prodotti sul mercato”.

Il viceministro ha ribadito la sua convinzione che i tentativi di impedire l’accesso al cibo da Santa Cruz ad altre regioni, così come l’instabilità in quel dipartimento, saranno risolti molto presto e la Bolivia continuerà come ha fatto finora.

“Nessun male dura 100 anni”, ha concluso alla Prensa Latina.

lam/jpm