Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Bolivia segnala 574 nuovi casi di coronavirus, in attesa di ulteriori vaccini Pfizer

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 ottobre 2021 – 02:27

La Paz, 22 ottobre (EFE). – La Bolivia ha registrato 574 nuove infezioni e cinque decessi per COVID-19 venerdì, alla vigilia di ricevere un’importante donazione dei vaccini Pfizer che consentiranno di compiere progressi nell’immunizzazione degli adolescenti di età compresa tra 16 e 17 anni.

Con i nuovi dati riportati, il Paese ha accumulato 509.276 risultati positivi e 18.896 decessi per malattia dal marzo dello scorso anno, quando furono scoperti i primi contagi sul territorio boliviano.

Il numero di casi attivi è attualmente 18.721 e il numero cumulativo di persone guarite è 471.659, secondo la stessa fonte.

La Bolivia ha attraversato tre picchi di infezioni e si ritiene che stia lentamente entrando in un quarto attacco che potrebbe colpire principalmente le persone che non sono ancora vaccinate.

Per quanto riguarda le vaccinazioni, il ministero ha spiegato che finora 3.545.019 persone hanno ricevuto la prima dose di vaccini antivirali, mentre le seconde 2.835.027 e 919.918 sono state immunizzate con farmaci monodose.

Inoltre, secondo il rapporto, 156.157 persone di età superiore ai 18 anni e persone con malattie sottostanti hanno ricevuto una terza dose di richiamo.

La vaccinazione contro il COVID-19 in Bolivia è iniziata alla fine di gennaio da operatori sanitari di prima linea ed è stata gradualmente estesa ad altri settori, anche da luglio a quelli con più di 18 anni e alle donne in gravidanza.

Per questo sabato, si prevede che oltre un milione di vaccini Pfizer donati dal governo degli Stati Uniti saranno consegnati attraverso le Nazioni Unite per immunizzare adolescenti di età compresa tra 16 e 17 anni, con il previo consenso dei loro genitori o tutori.

READ  Resa del caribù 0,1% all'apertura

Il presidente Arce ha assicurato ai media di aver adempiuto al suo “dovere di cittadino” venerdì dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino Sputnik V, che, ha affermato, è già sufficiente per coloro che hanno ricevuto le prime dosi del farmaco per poter completare la loro immunizzazione. Tavolo.

Arce ha chiesto di vaccinare le persone che non l’hanno ancora fatto, e ha osservato che la possibilità di ricevere una terza dose di richiamo è “aperta” a coloro che ne fanno richiesta. EFE

GB/gcf

(Foto)

© EFE 2021. È espressamente vietata la ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il previo ed espresso consenso di EFE SA.