Dicembre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La campagna di Lula per Rio e il Nordest ha evidenziato la settimana in Brasile

È stato candidato alla presidenza del Partito dei Lavoratori a Rio de Janeiro e in quattro località del nord-est come Bahia, Sergipe, Alagoas e Pernambuco.

L’idea dei responsabili della campagna dell’ex leader sindacale era quella di guadagnare terreno a Rio ed estendere il vantaggio sul leader di estrema destra Jair Bolsonaro, suo avversario alle urne, negli stati del nord-est.

“Faremo di nuovo programmi di inclusione sociale e metteremo punti culturali a Rio de Janeiro. Il leader del PT, che ha visitato il comune di Belford Roxo, nella Baixada Fluminense, ha affermato la complessa comunità tedesca.

L’ex leader sindacale ha rispettato il tour dopo aver attirato la folla in manifestazioni e manifestazioni tenute nelle regioni di São Bernardo do Campo, Guarulhos e Campinas, tutte a San Paolo, e a Belo Horizonte, la capitale dello stato di Minas Gerais (sud-est) .

Per il Partito Laburista le elezioni si vincono per strada ed è necessario occupare le piazze ei viali per assicurarsi la vittoria alle urne.

Come parte del suo tour, Lula ha poi guidato eventi pubblici e marce in capitali come Aracaju (stato di Sergipe), Maceio (Alagoas) e Recife (Pernambuco), tutte nel nord-est.

Questo cittadino (Bolsonaro) non governa questo paese. Trascura il vaccino. L’ex sindacalista di Pernambuco, lo stato in cui è nato e ha lasciato il Paese, ha detto che se smettesse di essere ignorante, parlando con la scienza e seguendo l’OMS, avremmo molti meno morti (circa 700mila) per Covid-19. Sette anni di fuga da siccità e carestia.

Lula ha mostrato la sua fiducia nella sua vittoria alle elezioni, inviando un messaggio a Bolsonaro, che “non governa più, solo viaggia e mente”.

READ  Il presidente serbo avverte di un crollo che potrebbe portare a un conflitto USA-Russia

Ha predetto che avrebbe dovuto consegnare umilmente la fascia presidenziale nel gennaio 2023, quando si svolgerà la cerimonia del trasferimento del potere.

Lula, che ha ricevuto il 48,4 per cento dei voti al primo turno, affronterà Bolsonaro, il candidato del Partito Liberale che aspira a essere rieletto e che ha ottenuto il secondo maggior numero di voti il ​​2 ottobre con il 43,2 per cento dei voti. .

Nessuno dei candidati al potere in quel primo turno ha ottenuto la maggioranza assoluta dei voti, ovvero più della metà dei voti validi (esclusi i voti nulli e i voti non validi), come richiesto dalla legislazione brasiliana per essere eletto.

mem/ocs