Ottobre 2, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Cappella Herrera del Carracci, caso chiuso

Annibale Carracci (1560-1609) fu paragonato in vita a Michelangelo e Raffaello, e fu l’unico serio rivale di Caravaggio a Roma. Ma come spesso accade con i vecchi maestri, la moda è svanita drammaticamente e la sua stella non è riemersa fino al XX secolo; Nessuno oggi contesta il suo status di grande figura barocca. Ciò che non è raro è che un importante corpus di opere di un artista correlato, in questo caso gli affreschi da lui realizzati per la Cappella Herrera nella Cappella degli Spagnoli a Roma, Scompare Per secoli anche grandi studiosi come il newyorkese Donald Posner lo considerarono irrecuperabile nel 1971 e lamentarono che l’ultimo capitolo della sua carriera non sarebbe mai stato conosciuto. Ma tornarono di nuovo, felicemente riuniti al MNAC, sradicato per la prima volta nel 1830.

La storia dei dipinti commissionati dal banchiere valenciano, Juan Enriquez de Herrera, ad Aníbal Carracci dopo la guarigione del figlio malato, è un prodigio e uno studioso allo stesso tempo. La trama su cui Andres Ubeda, curatore e vicedirettore del Museo del Prado – dove è stato effettivamente presentato lo scorso marzo – ha impiegato diversi anni per svelare e ci sono ancora alcune zone oscure. Herrera affidò l’incarico al Carracci, e fu certamente consigliato da uno dei suoi principali committenti, la famiglia Farnese, il cui palazzo l’artista bolognese e il fratello Agostino realizzarono un ciclo di affreschi che furono elogiati con lo stesso entusiasmo dell’opera di Raffaello in Vaticano . Il banchiere scelse la chiesa di Santiago de los Españols al centro di Piazza Navona a Roma e la volle dedicare a San Diego de Alcala, al quale pregò per la guarigione del figlio.

READ  Juliana Velasquez vince il Latin Grammy come Best New Artist

I dipinti furono demoliti nel 1833 e raggiunsero Barcellona nel 1850; Sette circostanze misteriose sono andate a Madrid

Dopo secoli di decadenza in quella che era la Cappella della Corona di Castiglia nella Città Papale, gli affreschi furono rimossi nel 1833 e portati in Spagna nel 1850, dal porto di Civitavecchia a Barcellona. “La regina Elisabetta II diede i dipinti all’Accademia reale catalana di belle arti di Sant Jordi per ordine reale, ma senza sapere come o perché solo nove di loro rimasero qui mentre sette di loro, i più giovani, si recarono a Madrid”, ricorda Ubeda. Altri quattro affreschi sono andati alla Cappella della Corona d’Aragona a Roma, la Basilica di Santa Maria de Montserrat, di cui tre mancano.

aaaaaa

Saverio Cervera

Nella mia presentazione alla stampa, Abeda cerca di rispondere a una domanda: perché è così complicato. I motivi sono molteplici. Dei tanti riferimenti fatti a Roma ai suoi tempi, tutti lodati, al fatto che erano fautori di un momento rivoluzionario nella pittura – “ci sono state rivoluzioni artistiche in ogni momento, non solo nelle avanguardie”, osserva. Amin – pittura promossa da una generazione di giovani artisti tra cui lo stesso Carracci, il quale, insoddisfatto della preziosità dominante che dominava l’arte del suo tempo, proponeva di uscire di nuovo per dipingere dalla natura e dipingere la vita con la forma.


Leggi anche

Wade Adel

Presentazione della mostra

Gli affreschi sono stati restaurati nelle officine MNAC e Prado, che d’ora in poi li restituiranno alla loro collezione permanente. In contrasto con la presentazione a Madrid – in seguito si recherà a Palazzo Barberini a Roma – la collezione viene presentata al MNAC con un montaggio architettonico che ricrea la decorazione originaria della chiesa collocando gli affreschi a diverse altezze. La mostra prevede, all’interno delle sale rinascimentali e barocche – nonostante il suo ingresso privato dalla Sala Ovale – la presentazione di un grande dipinto di Gaspar van Wittel in prestito dal Thyssen Mostra Piazza Navona nel 1699-, con tanto di dipinto dell’artista. Disegni introduttivi, alcuni da La collezione privata della regina Elisabetta II d’Inghilterra.

READ  Terminator ritorna come un videogioco di sopravvivenza: primo trailer e dettagli
un

un

Saverio Cervera

Malato cronico, Carracci visse l’ultima crisi mentre dipingeva la chiesa, e dovette affidare la direzione del progetto a Francesco Albani, con il quale collaborò fin dall’inizio. Il banchiere, sapendo che gli affreschi non gli lasciavano la mano, si sentì tradito e si arrabbiò, ma non aveva motivo di lasciarsi ingannare: “I fratelli Karachi lavoravano così, non importa chi mettesse il pennello, ci provarono tra l’uno e l’altro altri non avrebbero notato la differenza. Ci credevano. E lo facevano in questo modo perché ci credevano. L’importante è l’idea. E l’idea era nei disegni di Karachi”, conclude Abeda.