Ottobre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Cina accusa gli Stati Uniti di aver violato il suo spazio aereo con elicotteri militari

Le tensioni tra Stati Uniti e Cina sono aumentate drasticamente dopo la visita di Nancy Pelosi a Taiwan all’inizio di agosto.Ciò ha spinto Pechino a compiere importanti manovre con le sue navi da guerra e aerei militari.

Secondo Taiwan News, che ha citato la trasmissione radiofonica, Dal 28 al 29 agosto, gli elicotteri militari statunitensi hanno violato lo “spazio aereo territoriale” della Cina. Il comandante dell’aereo da guerra cinese ha avvertito l’aereo militare statunitense sia in mandarino che in inglese.

Tutte le emissioni sono state divulgate e documentate dalla pagina Facebook di Taiwan ADIZ di appassionati militari. L’ADIZ di Taiwan afferma che il 28 e 29 agosto, aerei da combattimento cinesi hanno intercettato aerei militari statunitensi e che alla fine hanno lasciato lo spazio aereo cinese.

Secondo un rappresentante taiwanese dell’ADIZ, il 28 agosto un elicottero Sikorsky MH-60 Seahawk della US Navy ha attraversato la linea di 12 miglia nautiche che separa il mare territoriale della Cina da Taiwan.

Si diceva che un aereo militare statunitense in avvicinamento alla costa orientale della Cina dallo Stretto di Taiwan alle 8:14 avesse sentito una trasmissione radiofonica che diceva: “Questa è l’aviazione cinese, ti stai avvicinando al mio spazio aereo, parti subito o ti intercetto“.

Alle 8:38 il pilota dell’aereo americano si è sentito dire: “Sono un aereo militare statunitense che svolge attività militari legittime nello spazio aereo internazionale ed esercita questi diritti garantiti dal diritto internazionale. Opero nel dovuto rispetto dei diritti e dei doveri di tutte le nazioni”.

I due piloti hanno ripetuto lo stesso messaggio per l’ora successiva. “Questa è la PLA Air Force; è entrata nello spazio aereo territoriale cinese, in grave violazione della sovranità cinese; l’annunciatore PLA Air Force ha detto alle 10:32 in mandarino e inglese.

READ  Nuovi interventi per migliorare lo spazio pubblico a Gava Mar

L’Esercito popolare di liberazione ha volato di nuovo intorno alle 10:00 del 29 agosto, avvertendo un aereo militare statunitense che si stava avvicinando al territorio cinese e che doveva partire immediatamente. L’aereo statunitense ha proseguito la sua rotta anche dopo essere stato avvertito di aver attraversato “lo spazio aereo territoriale cinese” e che doveva partire immediatamente.

È probabile che gli elicotteri MH-60 Seahawk siano gli incrociatori missilistici guidati di classe Ticonderoga USS Antietam (CG 54) e USS Chancellorsville (CG 62). Il 28 agosto queste due navi da guerra sono entrate nello Stretto di Taiwan. Entrambe le navi hanno due elicotteri Sikorsky SH-60B o MH-60R Seahawk LAMPS III.

La Marina di Taiwan scambia avvertimenti

Nel frattempo, i media di Taiwan lo hanno riportato Le interazioni radio con le navi militari cinesi sono diventate di routine.

Li Kuangping, capitano della nave Chang Chen della Marina di Taiwan Comunica frequentemente con le navi della Marina cinese via radioDurante lo svolgimento di missioni di monitoraggio delle navi in ​​mare, le due parti emettono avvertimenti per evitarsi a vicenda, secondo l’agenzia di stampa di Cipro.

“Anche se conosciamo la posizione dell’altro, non possiamo essere d’accordo”, ha detto. A volte, anche i piccoli pescherecci cinesi chiedevano alla nave militare cinese di attaccare per prima e saltare qualsiasi dialogo, ha continuato il capitano. Ha detto che la Marina ha scelto di ignorare messaggi di questa natura.

Il 30 agosto, presidente Tsai Ing-wen Ha visitato Penghu per ispezionare la Tien Chu Air Force Unit, la Air Defense Corporation del Penghu Defense Command, il 7th Radar Squadron dell’Air Force e la 146th Fleet della Marina, e per offrire loro parole di incoraggiamento prima dell’escalation delle attività militari cinesi vicino Taiwan.

READ  Viaggia nello spazio senza lasciare Llananes
Fregata Cheng Kong – Wikipedia

La nazione insulare deve anche fare i conti con i continui attacchi di droni dalla Cina. Il 31 agosto, tre droni cinesi hanno invaso tre isole nella provincia di Kinmen, costringendo l’esercito taiwanese a usare proiettili veri contro i droni per un secondo giorno.

Alle 8:40 di quella notte, il Kinmen Defense Command (KDC) lo annunciò Tre droni “civili” cinesi hanno violato lo spazio aereo sopra le isole di Liu, Dadan e Kauyu. Per respingere i droni, i soldati taiwanesi hanno risposto sparando proiettili e razzi.

Secondo il KDC, I droni sono volati via rapidamente in direzione di Xiamen, in Cina. La leadership ha annunciato che sarebbe rimasta in allerta e avrebbe monitorato costantemente la situazione.

Inoltre, alle 17:59 del 30 agosto, un altro drone ha violato lo spazio aereo limitato sull’isola di Erdan, ha sfidato gli avvertimenti delle forze taiwanesi ed è volato a Xiamen entro un minuto. Lo scontro di martedì ha segnato la prima volta che le forze di Kinmen hanno usato proiettili veri contro i droni cinesi.