Maggio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Cina invierà il suo prossimo equipaggio nello spazio a giugno

Domenica, un funzionario cinese ha affermato che la Cina invierà altri tre astronauti nella sua nuova stazione spaziale a giugno, dopo il ritorno dell’ultimo equipaggio questo fine settimana da sei mesi nella posizione orbitale.

L’equipaggio di Shenzhou 14 trascorrerà sei mesi alla stazione di Tiangong per aggiungere due moduli alla struttura, ha detto in conferenza stampa Hao Chun, direttore del Manned Space Engineering Bureau cinese.

L’ambizioso programma spaziale cinese ha messo in orbita i suoi primi astronauti nel 2003 e ha trasportato droni sulla Luna nel 2013 e su Marte l’anno scorso. Le autorità hanno parlato di una possibile missione con equipaggio sulla luna.

L’unità di base del Palazzo Tiangong, o Palazzo Celeste, è stata lanciata nell’aprile 2021. I piani prevedono che la sua costruzione sia completata quest’anno.

Hao ha detto che l’unità Wentiana verrà rilasciata a luglio e l’unità Mengtian verrà rilasciata a ottobre.

L’equipaggio di Shenzhou 13 è atterrato nel deserto del Gobi, nella regione settentrionale della Mongolia Interna.

Durante la missione, l’astronauta Wang Yaping ha eseguito la prima passeggiata spaziale di una donna cinese. Anche Wang, il leader Zhai Zhigang e il collega Ye Guangfu hanno offerto lezioni di fisica a distanza agli studenti delle scuole superiori.

La Cina è stato il terzo paese al mondo a lanciare un astronauta nello spazio da solo, dopo l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti. Tiangong è la terza stazione spaziale cinese, dopo i suoi predecessori lanciati nel 2011 e nel 2016.

Il governo ha annunciato nel 2020 che il primo veicolo spaziale riutilizzabile della Cina era atterrato dopo un volo di prova, ma non sono state rilasciate foto o altri dettagli.

READ  IceGiant ProSiphon Elite, dissipatore da 2kg, si prepara per Alder Lake

La Cina è esclusa dalla Stazione Spaziale Internazionale a causa delle riserve statunitensi perché il suo programma spaziale è gestito dal ramo militare del Partito Comunista che governa il Paese.