Ottobre 20, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Cina liberalizza i prezzi dell’energia a carbone di fronte a una crisi dell’offerta – El Periodico de la Energía

Autorità nazionale per la riforma e lo sviluppo (CNRD, che è il principale organismo di pianificazione economica in Cina) ha annunciato oggi che Liberalizzazione dei prezzi dell’energia sono nato con carbone ante la crisi di approvvigionamento vissuta dal paese, che lo ha causato Interruzioni di corrente e razionamento nelle diverse province.

In un comunicato pubblicato sul proprio sito web, l’Autorità ha indicato che i prezzi di “tutta” l’energia elettrica prodotta dal carbone – questione che rappresenta quasi il 70% della produzione energetica nazionale – saranno determinati attraverso operazioni di mercato.

Allo stesso modo, il Consiglio ha indicato che aumenterà la forcella delle fluttuazioni dei prezzi di mercato dell’energia elettrica al 20%, che è stata finora limitata a un massimo del 10% e diminuirà al 15% rispetto ai prezzi di riferimento.

Il carbone stabilisce prezzi record in Cina tra inondazioni e crisi dell’offerta

Secondo un esperto citato dalla rete televisiva statale CGTN, la flessibilità mira a motivare le aziende elettriche ad aumentare la loro produzione e “garantire la sicurezza e la stabilità della generazione elettrica”.

In una conferenza stampa, Ping Shaozong, un funzionario del Consiglio nazionale per la rivitalizzazione e lo sviluppo, ha osservato che la riforma “rifletterà la domanda e il consumo di energia e, in una certa misura, ridurrà le difficoltà operative per le compagnie elettriche e incoraggerà gli impianti (elettrici) ad aumentare la fornitura.”

La Cina in un momento in cui la domanda di energia del settore industriale dalla ripresa dopo l’epidemia è abbinata a un aumento significativo del costo del carbone: i contratti futures più scambiati sullo Zhengzhou Futures Exchange (al centro) si sono chiusi ieri a prezzi record, più del doppio quello che hanno fatto all’inizio dell’anno.

READ  Planeta Huerto misura l'impatto delle sue spedizioni di e-commerce per compensare le emissioni - El Mercantil

Inoltre, le gravi inondazioni degli ultimi giorni nelle province produttrici di carbone come lo Shanxi hanno temporaneamente chiuso dozzine di miniere di carbone.

Secondo la società di consulenza Macquarie, la produzione di carbone è aumentata del 4% su base annua tra gennaio e agosto, mentre la produzione di elettricità è aumentata dell’11%, mentre la domanda di energia è aumentata del 13,5%.

Questo ha costretto le compagnie elettriche a vendere sottocosto, portando infine a blackout in province come Liaoning o Jilin (nord-est) e razionamento del settore industriale in importanti poli produttivi come Zhejiang (est) o Canton (sudest).

Il Consiglio Nazionale per la Ricerca e la Democrazia, infatti, ha rilevato oggi che il limite del 20% sopra citato non si applicherà alle imprese dei settori ad alto consumo di energia elettrica.

La CGTN rileva che, viste le preoccupazioni sull’impatto dei problemi energetici sull’inflazione, Ping ha sottolineato che non si tradurrebbe in un aumento dei prezzi al consumo e che nel caso dei prezzi alla produzione l’impatto sarebbe “limitato”.

Le autorità nazionali hanno già annunciato ulteriori misure per garantire l’approvvigionamento per l’inverno, ordinando alle banche di dare priorità ai prestiti alle miniere, alle compagnie energetiche o ad altri per aumentare la produzione e il trasporto di carbone.


Visualizzazioni dopo:
13