Maggio 22, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Colombia vive con sospetti elettorali 70 giorni prima delle elezioni presidenziali

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 mar 2022 – 16:03

Jaime Ortega Carrascal

Bogotà, 20 marzo (EFE). – Un problema La Colombia non si è presentata con le elezioni legislative del 13 marzo: dubbi sulla trasparenza del suo sistema elettorale dopo il fiasco in cui si è svolto lo spoglio dei voti di Senato e Camera, a soli 70 giorni dalla cruciale presidenza elezione.

La prima protesta è arrivata dalla coalizione storica di destra, che ha denunciato il “fraudolento” che in circa 29.000 tavoli non è apparso un solo voto, situazione chiaramente impossibile non solo perché sono pari al 25% del totale ma perché il potere è. È stata la più votata domenica scorsa.

Quella denuncia, e altre simili di altri partiti, mettono in discussione l’integrità del Registro nazionale, l’ente che organizza le elezioni, che ancora dopo una settimana non spiega cosa è successo e lo attribuisce a “errori” di vario genere mentre gli analisti politici concordano nel notare che è impossibile parlare di “frode”.

Finora il cancelliere nazionale, Alexandre Vega, non ha dato risposte convincenti su quanto accaduto, aggiungendo preoccupazione per la correttezza dell’organizzazione elettorale solo quando il Paese è alle soglie di un’elezione presidenziale che potrebbe cambiare il suo corso politico.

Il 29 maggio i colombiani torneranno alle urne per eleggere un presidente e lo faranno ancora il 19 giugno nel caso fosse necessario un secondo turno, elezioni in cui i sondaggi d’opinione premiano l’ex guerrigliero, ex sindaco di Bogotà e il senatore Gustavo Petro, capo dello storico statuto.

La sinistra riprende i voti

READ  Il Costa Rica torna a pieno regime mentre la quarta ondata di coronavirus si allontana

Lo scrutinio post-elettorale ha aggiunto quasi 400.000 voti allo storico statuto al Senato, che le conferisce altri tre seggi, per un totale di 19, ma ha aperto le porte alle richieste di partiti che hanno ridotto i loro voti, come il Centro Democratico di Uribesta, che ieri ha chiesto un riconteggio.La possibilità di modifiche alle schede elettorali è stata respinta dalla giuria.

“In queste circostanze, nessun candidato dovrebbe essere dichiarato eletto fino a quando non sia stato condotto un riconteggio completo e pubblico delle votazioni separatamente, con una revisione delle schede o emendamenti alle schede elettorali e nei moduli di consolidamento”, ha chiesto il Centro Democratico in una dichiarazione, citando sette fallimenti elettorali.

La democrazia colombiana, con i suoi difetti, non vedeva una situazione del genere da più di 50 anni, quando una manovra del governo nelle elezioni presidenziali del 1970 diede la vittoria al conservatore Michel Pastrana, davanti al generale in pensione Gustavo Rojas Pinilla, che guidava il conteggio dei voti. .

Anni dopo, le presunte frodi in quelle elezioni diedero origine al movimento di guerriglia del 19 aprile (M-19), che prende il nome dalla data in cui si tennero le elezioni e di cui Pietro faceva parte.

imbroglione fantasma

Per coincidenza o meno, il mantello dello scetticismo su queste elezioni è stato sollevato per la prima volta il 3 febbraio dall’ex presidente Andres Pastrana, figlio di Misael Pastrana, in connessione con la visita di Petro a Madrid dove ha parlato, tra gli altri, con i membri della multinazionale spagnola Indra, che fornisce una piattaforma per il controllo.

“Le ragioni dell’incontro sospetto di Petro oggi a Madrid con il presidente Indra, appaltatore e fornitore di software per l’ufficio del registro e il Consiglio elettorale nazionale, devono essere chiarite per il Paese prima delle elezioni”, ha scritto Pastrana all’epoca.

READ  L'Iran ha abbandonato le pressioni politiche ed economiche degli Stati Uniti - Prinsa Latina

Indra ha più volte assicurato “la sicurezza del processo elettorale”, ma Pastrana insiste sul fatto che è “una cosa del tutto innaturale” lasciare Petro e il registratore “giorno per giorno con mezzo milione di voti salvati”.

Ancora più sorprendentemente, la denuncia iniziale di Pastrana è stata ripresa dalla vicepresidente e cancelliera Marta Lucia Ramirez, che in una lettera a Vega ha espresso preoccupazione per la presunta mancanza di garanzie nel voto all’estero, un processo che si basa su due istituzioni ufficiali: l’Ufficio del registro e il Dipartimento di Stato che lo gestisce.

Vista l’incertezza che circonda il processo, il presidente Ivan Duque ha convocato martedì prossimo una riunione del calendario delle garanzie elettorali, di cui fanno parte l’Ufficio del registro e il Consiglio elettorale nazionale, oltre al controllo del governo e dei partiti politici partecipanti e movimenti. Organi e osservatori elettorali.

Qualunque sia l’esito di quell’incontro, sarà molto difficile, dopo tutto quello che è successo, per i perdenti non contestare i risultati delle elezioni presidenziali con accuse di frode, con tutto ciò che ciò significa in un paese instabile come la Colombia. . EFE

joc / jga / sì

© EFE 2022. La ridistribuzione e la ritrasmissione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il preventivo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.