Ottobre 26, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Columbia Britannica ha nuovamente alzato il suo tasso di interesse di riferimento, al 6,25%, a fronte di un’inflazione “alta”.

Entro la fine dell’anno, l’aumento dei prezzi al consumo in Brasile dovrebbe raggiungere l’8,35%, secondo il sondaggio Focus, una stima ben al di sopra dell’obiettivo ufficiale di inflazione del 3,75% e del suo tetto del 5,25%. afp_tickers

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 settembre 2021 – 21:46

(AFP)

La banca centrale brasiliana ha nuovamente alzato il suo tasso di interesse di riferimento di un punto percentuale questo mercoledì, al 6,25%, a fronte di un’inflazione “alta”.

In linea con le attese del mercato, l’aumento programmato dell’MPC è il quinto consecutivo dei tassi di interesse negativi nell’anno e il secondo di queste dimensioni dopo l’aumento di agosto.

L’autorità monetaria ha iniziato ad aumentare i tassi di interesse a marzo, lasciandosi alle spalle un minimo storico del 2%, poiché Selic è stato posizionato dall’agosto 2020 per rilanciare l’economia colpita dalla pandemia.

Continuerà così: “Per la prossima riunione, il Comitato si aspetta un altro emendamento della stessa dimensione”, ha affermato il Comitato nella sua dichiarazione rilasciata al termine della sua riunione di due giorni.

“L’inflazione al consumo rimane alta”, ha affermato la British Columbia Commission, citando pressioni su cibo, carburante e soprattutto elettricità a causa di fattori come il tasso di cambio, i prezzi delle materie prime e le condizioni meteorologiche sfavorevoli.

L’adeguamento del tasso è stato al rialzo per l’aumento dell’inflazione, che ad agosto ha raggiunto il 9,68% in 12 mesi.

– Decisione attesa –

La decisione coincide con la media attesa da società di consulenza e istituzioni finanziarie. Alcuni stavano scommettendo su un guadagno maggiore dell’1,25%.

“Non è stato sorprendente, anche se è stato un forte aumento. Lo stesso capo della banca centrale ha affermato che avrebbe fatto tutto il necessario per tenere sotto controllo l’inflazione e cercare di convergere verso l’obiettivo ufficiale”, ha affermato l’economista Igor Lusina. .

Prima dell’incontro, il presidente della BC Roberto Campos Neto ha messo in bella mostra qualsiasi potenziale di aumento superiore all’1%, garantendo che l’organizzazione abbia un orizzonte a lungo termine e “non abbia bisogno di rispondere a dati ad alta frequenza” , come indicatore di inflazione mensile.

Il mercato di Selic prevede una crescita dell’8% quest’anno, secondo i dati di un sondaggio Focus pubblicato da BC.

“Ulteriori aumenti del tasso di Selic sono previsti nei prossimi incontri, considerando che l’inflazione potrebbe raggiungere la doppia cifra entro la fine dell’anno”, ha affermato Lucena.

Entro la fine dell’anno, l’aumento dei prezzi al consumo dovrebbe raggiungere l’8,35%, secondo l’indagine Focus, una stima ben al di sopra dell’obiettivo ufficiale di inflazione del 3,75% e del suo tetto del 5,25%.

Come molti economisti, Lucena avverte che tassi più elevati potrebbero influenzare la ripresa. “È un altro fattore che smorza la crescita economica, causando il declino dell’economia. Ciò riduce la capacità dell’economia di riprendersi e mantiene alto il tasso di disoccupazione (con cifre) sopra i 14,5 milioni di disoccupati”.

La crescita prevista per quest’anno è di circa il 5%. Per il 2022, quando l’effetto differito dei tassi sarà più pronunciato, è prevista un’espansione dell’1,6%.

READ  Otto domande e risposte sulla crisi energetica | mercati