mercoledì, Giugno 19, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

La conferenza chiede l’istituzione di un meccanismo internazionale per accelerare gli aiuti umanitari

Mar Morto (Giordania) – (AFP) – La conferenza internazionale su Gaza, tenutasi martedì in Giordania, ha chiesto di facilitare e sostenere la creazione di un meccanismo delle Nazioni Unite all’interno di Gaza per accelerare la consegna di spedizioni di aiuti umanitari nel mezzo di una grave crisi crisi di cui soffre. Il settore palestinese che è sotto attacco israeliano.

La Giordania, l’Egitto e le Nazioni Unite hanno organizzato questo incontro, che ha riunito i leader di oltre 70 paesi e organizzazioni della regione del Mar Morto, a sud-ovest del Regno Hascemita, e nella loro dichiarazione finale hanno chiesto che questo meccanismo “acceleri e semplificare la fornitura di assistenza, continuando a garantire l’accesso degli aiuti alla loro destinazione”.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken e il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez erano tra i presenti all’incontro, ospitato dal re giordano Abdullah II. il presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi; e il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres.

Il ruolo “insostituibile” dell’UNRWA

I paesi ospitanti hanno chiesto di “fornire il sostegno necessario e finanziamenti permanenti, trasparenti e a lungo termine per consentire all’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNRWA) di adempiere ai suoi obblighi ai sensi del mandato delle Nazioni Unite e di continuare le sue attività e servizi fondamentali e vitali al popolo palestinese”. .” Persone a Gaza e in tutte le aree delle sue operazioni”.

Hanno inoltre sottolineato il ruolo “importante e indispensabile” dell’UNRWA, in particolare nel fornire assistenza e servizi vitali ai rifugiati palestinesi “nonostante le sfide che devono affrontare e le difficili condizioni di lavoro senza precedenti”.

Hanno inoltre condannato gli attacchi contro il personale delle Nazioni Unite e altri operatori umanitari, compresi più di 250 attacchi contro le scuole dell’UNRWA e altri edifici che ospitano sfollati, e l’uccisione di almeno 193 membri del personale dell’UNRWA presso le Nazioni Unite.

READ  Il Messico aggiorna l'elenco dei paesi che possono entrare senza visto: include Cuba?

Hanno sollecitato “un’indagine completa su ognuna di queste morti”.

Nella conferenza stampa tenutasi a conclusione del convegno, il ministro degli Esteri giordano Ayman Al-Safadi ha sottolineato che il messaggio di questo incontro è quello di “chiedere un cessate il fuoco e sottolineare l’importanza del ruolo delle organizzazioni umanitarie, in particolare” dell’UNRWA. Tuttavia Israele ha mosso diverse accuse contro questa agenzia, oltre ad accusare alcuni dei suoi membri di aver partecipato all’attacco del 7 ottobre.

Ciò ha spinto la maggior parte dei paesi donatori a tagliare i finanziamenti, anche se molti li hanno già ripresi per mancanza di prove.

Il sostegno all’UNRWA in particolare è stato uno degli argomenti discussi da Pedro Sanchez durante l’incontro, poiché ha considerato il suo “lavoro più essenziale che mai”, oltre a notare la necessità di fare pressione su Hamas e Israele affinché raggiungano una tregua.

Aiuti senza ostacoli all’intera Striscia di Gaza

Gli organizzatori hanno sottolineato che l’accesso immediato, sicuro e senza ostacoli agli aiuti umanitari deve essere consentito, facilitato e consentito, nella quantità e qualità richieste e su larga scala, a Gaza e in tutto il suo territorio, attraverso le vie più dirette alla popolazione, comprese eliminare tutte le barriere e le restrizioni imposte alla fornitura di aiuti all’umanità e garantire un passaggio sicuro e senza ostacoli.

Martedì, in particolare, il governo di Gaza controllato da Hamas ha riferito che solo 224 camion di aiuti umanitari erano arrivati ​​nella Striscia, soprattutto nel nord, nell’ultima settimana.

L’Agenzia delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari ha confermato che il 96% delle donne e dei bambini – dai 6 ai 23 mesi – a Gaza non consumano i nutrienti di cui necessitano quotidianamente a causa della mancanza di diversità nella dieta.

READ  Fino a 40 terremoti di prima mattina: preoccupa l'aumento dell'attività sismica sull'isola di La Palma

Nella conferenza stampa, Al-Safadi e il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry hanno accusato Israele di essere una “forza occupante” per aver ostacolato gli aiuti, e hanno invitato lo Stato ebraico ad aprire i valichi di terra.

Il ministro degli Esteri egiziano ha spiegato che stanno attualmente lavorando per riaprire il valico di Rafah, che è stato chiuso da quando Israele ha preso il controllo del lato palestinese del valico, settimane fa.

Blinken ha affermato in un discorso durante la conferenza che Israele sta compiendo “passi importanti” per aprire più valichi di frontiera, “ma può e deve fare di più”.

“Come abbiamo comunicato direttamente al governo israeliano, è necessario accelerare le ispezioni dei camion e ridurre i ritardi per fornire maggiore chiarezza, abbreviare l’elenco delle merci vietate e aumentare i visti d’ingresso per gli operatori umanitari ed elaborarli più rapidamente per creare documenti chiari e canali più efficienti per il trasporto delle merci”. Lo hanno affermato le organizzazioni umanitarie.

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles