Aprile 16, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La crisi con Israele non influenzerà gli incontri del G20 in Brasile

La crisi con Israele non influenzerà gli incontri del G20 in Brasile

L'incontro dei capi della diplomazia si terrà il 21 e 22 febbraio a Rio de Janeiro.

“In effetti, questo appello alla pace che il Presidente (Lula) ha lanciato fin dall'inizio è molto importante”, ha osservato Lirio.

Secondo lui “la buona notizia che abbiamo oggi è che dobbiamo votare il progetto di risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU, l'organo responsabile della gestione delle questioni di pace e sicurezza, nel senso di richiedere un cessate il fuoco, sulla questione di Gaza”. ».

Per il diplomatico: “Si tratta di una proposta che il Paese ha già presentato anni fa, con un progetto di risoluzione al Consiglio di Sicurezza. Ha ribadito che “Si tratta di una priorità assoluta per il governo brasiliano”.

Egli ha sottolineato che ora la questione riguarda la votazione del Consiglio su una possibile proposta in questo senso.

“La difesa della pace da parte del governo brasiliano è una difesa che si applica a tutti i conflitti. “Questa è la posizione chiara del governo brasiliano, che è quella di chiedere la pace”.

Le relazioni del Brasile con Israele non stanno attraversando un buon periodo.

Tel Aviv ha dichiarato il presidente Luiz Inacio Lula da Silva persona non grata dopo una dichiarazione rilasciata domenica scorsa ad Addis Abeba, in Etiopia, in cui ha paragonato il genocidio nella Striscia di Gaza all'Olocausto promosso dal regime nazista guidato da Adolf Hitler durante il suo governo. Seconda guerra mondiale.

A questo proposito, l’ex ministro degli Esteri brasiliano Celso Amorim ha definito illogica la decisione israeliana.

“Questo è ridicolo. Serve solo ad aumentare l'isolamento di Israele. Lula è ricercato in tutto il mondo, e in questo momento la persona che non è ricercata è Israele”, ha detto al portale G1 l'attuale consigliere speciale del presidente per gli affari internazionali. Ha spiegato che la sua opinione è un'opinione personale.

READ  L'Egitto respinge l'attacco israeliano a Rafah e mette in guardia sulle sue conseguenze

Il capo del partito laburista, Glessy Hoffman, ha dichiarato sui social media che sta “manipolando (il primo ministro Benjamin) Netanyahu”.

Per il rappresentante federale “non c’è niente di peggio di ciò che soffre il popolo palestinese, vittima di una politica di sterminio guidata dal pregiudizio e dall’odio”.

Ha avvertito che il governo di estrema destra di Israele sta portando il paese all’isolamento internazionale e al rifiuto della civiltà.

“Dovrebbero vergognarsi dei loro crimini contro l’umanità. Fermate il massacro! Hoffman ha sottolineato che “sedersi al tavolo deve costruire la pace e rispettare il diritto di tutti i popoli alla sovranità e alla giustizia”.

nbj/ocs