Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La crisi energetica mette in standby la chiusura della centrale termoelettrica del nord

La crisi energetica e la possibilità di un inverno senza gas complicano la trasformazione ambientale che il governo intende attuare. È stata la Germania ad annunciarlo per la prima volta Riaprono le centrali a carbone come un modo per ridurre la sua dipendenza energetica dalla Russia. Seguono Italia, Austria e Francia, che ricorrono anche al nucleare nel loro piano di emergenza; E ora la Spagna, indirettamente, Ripensare se la chiusura delle centrali termiche sia urgente come sembravaPerché non siano utili nei periodi cruciali del periodo più freddo dell’anno.

Ministro della Trasformazione Ambientale, Teresa RiveraAnnunciato 2 settimane fa Può paralizzare la chiusura della centrale termica di As Pontes Lugo – che il 22 giugno ha smesso di bruciare carbone – Nel caso sia necessario essere pronti per garantire la fornitura di energia elettrica. Tuttavia, la decisione è nelle mani Cavalcare un (ex Red Eléctrica), che si occuperà di valutare se la chiusura danneggi l’offerta futura con una decisione che non è stata ancora rilasciata. Né il governo, strettamente impegnato nelle rinnovabili, né Endesa, proprietaria dell’impianto, hanno mostrato interesse a tenerlo aperto per i costi che ciò comporterebbe.

Questa notizia è stata particolarmente rilevante nella regione delle Asturie, una regione mineraria che comprende due delle quattro centrali termoelettriche ancora in funzione in Spagna: passaggioche fornisce servizi all’industria asturiana e Il frutteto di Ribera, nei pressi di Oviedo, entrambi operati da EDP. Un terzo viene aggiunto a loro in quartieri (Cadice) e un altro dentro MaiorcaGestito da Endesa. Hanno tutti una data di chiusura, che sarà al massimo nel 2026. Lo spiega un alto funzionario dell’emirato Le condizioni della stazione termale di Soto de Ribera non sono le stesse di As PontesPerché “con la chiusura ufficializzata, non c’è niente che la fermi, quindi è ancora aperta”.

READ  Il Gruppo Renault collabora con Terrafame per fornire una fornitura sostenibile di nichel su PortalAutomotriz.com

Il caso di Soto de Ribera è esattamente un esempio di come farlo Il nuovo contesto energetico ha cambiato i piani del settore. Nel 2019 è stata chiusa per una lunga stagione e, dopo averne annunciato e chiesto la chiusura nel 2020, la nuova situazione energetica ha permesso al carbone di tornare ad essere competitivo, portando alla riapertura dell’impianto nel 2021. Oggi I lavori continuano, nonostante quest’anno fosse prevista una chiusura. Come nel caso di As Pontes, Redeia ne ha consentito lo scollegamento dall’impianto elettrico perché “conforme alla sicurezza dell’impianto”.

Lo conferma la stessa fonte del governo asturiano La società non ha ancora concluso le necessarie procedure amministrative per lo smantellamento Parte del Gruppo 3, capace di generare 341 megawatt di potenza netta attraverso il carbone: “Lo terranno aperto finché saranno risarciti”. L’impianto di Abuno rimarrà aperto per continuare a convertire i gas di ferro e acciaio di ArcelorMittal in elettricità, garantendo la fornitura di energia all’industria asturiana.

EDP ​​ha fatto qualche settimana fa un piano per Rifare Soto de Ribera Cosa succede creando un file Hub batteria e accumulo di energia, oltre all’installazione di un giardino solare e di un elettrolizzatore che promuove l’utilizzo dell’idrogeno come fonte di energia. Questa riforma è in linea con l’accordo raggiunto da governi, sindacati e società di gestione per promuovere nuove industrie di trattori che consentano lo sviluppo economico e la creazione di posti di lavoro in linea con standard di transizione equi. Né l’EDP né i ministeri competenti (industria e trasformazione ambientale) hanno risposto alle richieste di La Información.