Febbraio 5, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La deforestazione in Amazzonia è aumentata del 94% durante l’amministrazione Bolsonaro

Area devastata dagli incendi nello stato del Mato Grosso. La deforestazione sta facendo diventare l’Amazzonia una regione vulnerabile, con impatti negativi sulla biodiversità, la regolazione del clima e le precipitazioni. Foto: EFE.

La deforestazione in Amazzonia sotto il governo del presidente uscente Jair Bolsonaro, iniziata nel 2019 e che terminerà entro otto giorni, è aumentata del 94% rispetto agli anni precedenti la sua amministrazione, secondo uno studio.

Nel suo rapporto annuale, l’Istituto sociale e ambientale ha affermato che l’amministrazione di Bolsonaro “significa la più grande battuta d’arresto ambientale del secolo, con un aumento del 94% della deforestazione rispetto agli anni precedenti la sua amministrazione”.

Secondo i dati di un’organizzazione non governativa (ONG), il motivo principale dell’improvviso aumento è direttamente correlato allo smantellamento degli enti di gestione ambientale.

Inoltre, lo sciopero ha colpito la delimitazione delle terre indigene e l’attività di vendita di grandi estensioni territoriali alle multinazionali.

Lo studio ha riportato un tasso di deforestazione del 157% nelle terre indigene, come parte della promozione dell’illegalità ambientale nelle terre ancestrali da parte dell’amministrazione Bolsonaro.

Ha aggiunto che il bilancio della deforestazione nelle aree protette nel governo di Bolsonaro “ha un bilancio catastrofico”.

“I dati di Brodes mostrano che queste aree sono sotto forte pressione e che l’aumento del degrado delle foreste nelle terre indigene ha raggiunto il 157%”, ha osservato.

Guarda anche: http://www.cubadebate.cu/fotorreportajes/2019/08/22/alarma-tambien-en-onu-por-incendios-en-la-selva-amazonica/

(con informazioni da Granma)

READ  Le domande di rifugiati dei cubani in Brasile hanno battuto un record nel 2022