Dicembre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“La dipendenza dalla Cina per le materie prime è un pericolo per l’Europa”

La civiltà tecnologica è fortemente dipendente da tutti i tipi di dispositivi Materie prime trovate solo in Cina S Altri paesi con i quali i rapporti sono spesso difficili. E tutto sta peggiorando con la guerra in Ucraina e la situazione geopolitica. Cosa possiamo fare in Europa?

“Innanzitutto dobbiamo aumentare e rafforzare il settore delle materie prime in Europa, Investire e garantire che sviluppiamo costantemente le nostre capacità, rispetto alla domanda attesa. In particolare, con trasformazione ambientale. Perché quello che vediamo oggi è che la domanda e l’offerta di materie prime sono completamente separate”.

[Formar a un millón de profesionales en ‘deep tech’: la ambición de Europa para impulsar la innovación]

La risposta, specifica e precisa, è di Bernard Schafer, CEO di KIC per l’Istituto Europeo per l’Innovazione e la Tecnologia dedicato alle materie prime (EIT Raw Materials, nel suo nome inglese).

Schaeffer non ha bisogno di tirare fuori la lingua per esprimere il problema in tutta la sua schiettezza. R&I Gli ho parlato a Bruxelles, DURANTE L’EVENTO INNOVEITA proposito di una delle più grandi crisi che minacciano lo sviluppo e l’innovazione europei. Lascia che lo esprimano con le loro stesse parole.

“vedremo Moltiplica per 18 la domanda di litio nel 2030‘ continua Schaeffer. Vedremo la riproduzione X volte la domanda di litio per molti Altre materie prime che non abbiamo Qui e ci fa contare su Paesi che, dal canto loro, hanno anche un forte aumento della domanda interna».

estrazione e riciclaggio

Poi…? , Vittoria. “O no , Dobbiamo investire nel settore per fare mining. Allo stesso tempo , Investi nel riciclaggioper un’operazione di economia circolare.

La seconda cosa è che ovviamente dobbiamo assicurarci Crea nuove associazioni Per diversificare le nostre fonti di materie primeLasciatemi dire, con paesi sensibili che ci aiutano a evitare e ridurre i rischi che abbiamo accettato per così tanti anni con paesi come la Cina”.

[Las baterías del futuro exigen innovar con materiales más baratos y mayor autonomía]

“Dalla Cina importiamo il 90% del magnesio e oltre il 90% delle terre rare”, identifica Schafer. “Dal Congo, dipendiamo dalla fornitura di cobalto Abbiamo bisogno di altri paesi con i quali è meglio non mantenere un rapporto monopolisticoCome nel caso della Turchia, da cui importiamo il 90% del boro di cui l’industria del vetro ha bisogno per i pannelli solari…”.

READ  Twitter sta provando una nuova opzione per eliminare i follower senza bloccarli

Quando Schaeffer parla di mining è inevitabile che gli vengano in mente le polemiche e i rifiuti che emergono in Europa ogni volta che si parla di sfruttamento di un giacimento. Come nel caso della promessa La miniera di litio che Extremadura New Energies sta cercando di aprire a Caceres.

“È un punto interessante”, ammette. “Ci sono molti errori nell’estrazione mineraria all’inizio del processo. Non è quando inizi a scavare nel terreno, dovrebbe essere con un approccio globale delle autorità locali e della gente della zona. La prima cosa non è solo avere una narrativa corretta, ma Spiega alla gente che il mining non è male. Puoi agire in modo responsabile o puoi farlo in modo irresponsabile”.

‘Non nel mio cortile’

Lo spiega “in Europa Abbiamo la tecnologia più recente per farlo in modo responsabile con l’ambiente. Non solo non danneggi l’area durante lo scavo, ma puoi ricostruirla al termine del ciclo. Devi aprire la mente al fatto che Non danneggia l’ambiente Né alle persone che non sono responsabili”.

“Penso che le persone dovrebbero capirlo La materia prima è il nuovo petrolio, poiché si trattava degli anni ’70, era assolutamente necessario rilanciare l’industria. Questi materiali sono necessari per l’auto e per tutti i dispositivi nelle tue mani: iPad, laptop, cellulare. Devono avere cavi internet. Abbiamo bisogno di loro per tutto Questo”, dice.

[Las materias primas suben con fuerza en el inicio de octubre y ponen en jaque la moderación de la inflación]

“Se vogliamo avere tutte queste cose, non ‘se vogliamo’, perché Non credo che vogliamo che l’Europa torni ad essere una regione agricola del mondo– Abbiamo bisogno di materie prime. Quindi non si tratta se vogliamo il mio, ma se vogliamo il mio cCome vogliamo fare l’estrazione mineraria”, avverte.

READ  Elon Musk e Twitter: il modello dell'oligarca digitale

“Purtroppo, in molti casi la mentalità ‘Non nel mio cortile’Il che è irresponsabile”, continua. “È molto pericoloso perché in questo modo non si agisce contro la grande sfida di Riduci la tua impronta di carbonio e riduci il riscaldamento globale di 1,5 gradiPerché i paesi che non sono nel mio “cortile di casa” non rispettano gli standard di produzione energetica.

“La Cina utilizza enormi quantità di energia a carbone a produrlo ed è segno che noi in Europa siamo ancora irresponsabili, Esternalizzare la nostra impronta di carbonio ad altre aree piuttosto che mantenere la nostra produzione e catena del valore a casa in modo responsabile”, afferma Schaeffer.

Dipendenze di transizione verde

Senza fermarsi un attimo, fa notare che “Dobbiamo dare la priorità all’ottenimento delle materie prime Ciò ci consente di potenziare i sistemi di energia rinnovabile”.

“Prendete l’esempio di un generatore eolico offshore, che necessita di dieci volte più materiale di una turbina a gas per megawattora”, afferma. “Ci sono enormi correlazioni e dobbiamo accettare che avremo bisogno di più materie prime Non vogliamo adottare questo cambiamento verde Paesi geopoliticamente instabili O che abbiano bisogno di se stessi o addirittura diventino importatori netti, vista la loro domanda interna”.

Ma data la scarsità di alcuni minerali sul pianeta, la tecnologia sarà in grado di fornire alternative sintetiche in alcuni casi?

“In realtà, questo è il concetto di ciò che chiamiamo economia circolaredove il riciclaggio o la riparazione di alcuni prodotti riduce il consumo di materie prime per la loro sostituzione”, risponde Schaffer.

“Il problema è che questo non è sufficiente per ottenere i materiali di cui abbiamo bisogno mantenere la crescita In alcune grandi aree Come le energie rinnovabili, l’elettricità, l’elettronica dei veicoli… In molti settori che stanno crescendo a livello globale, questo può essere parte del puzzle, ma non è la soluzione definitiva.

READ  La Fed si sta preparando per un nuovo adeguamento dei tassi prima che rallenti

L’importanza del “dove”

L’ultima domanda è cosa sta facendo la CCI per CET al riguardo? “EIT Raw Materials è un consorzio della conoscenza e promuoviamo l’istruzione, l’innovazione e la tecnologia nelle idee imprenditoriali e nelle start-up. Parallelamente, gestiamo Unione Europea delle materie prime, che si propone di identificare Casi di investimento in EuropaPer aumentare la nostra produzione di materie prime”.

Schafer aggiunge che questa attività ha già generato investimenti intorno ad essa 12 miliardi di euro Ha l’obiettivo di ottenere diverse tipologie di materie prime, “dalle attività estrattive alle attività di riciclo”.

“Quello che possiamo fare è agire Broker a terraPer identificare, valutare e consigliare da un punto di vista commerciale, sulle opportunità di investimento in Europa e per raggiungere questo obiettivo, e per mobilitare finanziamenti per il settore”, ha affermato.

“Questo è ciò che facciamo dalla European Raw Materials Alliance. Abbiamo un mandato dalla Commissione europea, da settembre 2020, dal commissario Thierry Breton e dal vicepresidente Maros Shevsowicz, da Determina l’inventario futuro materie primevista la previsione della domanda nei settori industriali fino al 2032”.

Il tuo compito è determinare quali minerali saranno necessari e da dove proverranno. “Da dove” è molto importante perché Oggi provengono da paesi che abbiamo visto non abbastanza stabili. Abbiamo più di 600 partner di coalizione, tra cui ONG, governi, anche al di fuori dell’UE – come Canada e Australia – e aziende, come Rio Tinto e molti altri, nonché istituti di ricerca… È molto completo. Possiamo dire che nell’alleanza c’è un rappresentante Più del 90% di quelli nel settore delle materie prime Europeo”, conclude Bernard Schafer.