Ottobre 20, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La fame ha raggiunto livelli senza precedenti tra le donne in gravidanza e in allattamento nel Tigray, in Etiopia

MADRID, 1 ottobre (stampa europea) –

Quasi otto donne in gravidanza e in allattamento su dieci nella regione del Tigray, nel nord dell’Etiopia, soffrono di malnutrizione, un livello senza precedenti dall’inizio del conflitto nella regione e che mostra la delicata situazione umanitaria dall’inizio del conflitto a novembre. 2020.

Le Nazioni Unite stimano che 5,2 milioni di persone abbiano bisogno di assistenza in varie regioni settentrionali del Paese africano, poiché le forniture continuano a fluire. Nella settimana tra il 21 e il 28 settembre sono arrivati ​​solo 79 camion per l’assistenza, mentre 100 camion al giorno sarebbero dovuti entrare per far fronte alle necessità.

L’Ufficio per il Coordinamento degli Affari Umanitari giudica “critica” la situazione alimentare. È particolarmente preoccupante in alcuni gruppi, come le donne incinte e quelle con bambini nella prima infanzia, dove delle 15.000 persone esaminate in uno studio, più di 12.000 – il 79% – erano gravemente malnutrite.

Il peggior quadro della fame colpisce anche il 2,4 per cento dei bambini sotto i cinque anni, quattro decimi al di sopra del livello di emergenza. Anche la percentuale di bambini moderatamente malnutriti supera la soglia critica del 15 per cento, intorno al 18 per cento, secondo l’ultimo rapporto delle Nazioni Unite.

Il divieto sulle forniture commerciali imposto dalla fine di giugno ha anche ridotto l’offerta e aumentato i prezzi dei prodotti di base, nel contesto, ad esempio, di funzionari non pagati. Il petrolio è aumentato del 400 percento, il sale del 300 percento e il riso del 100 percento, osserva OCHA.

Il piano di risposta umanitaria, sviluppato dalle Nazioni Unite in collaborazione con i suoi partner, richiede ancora 270 milioni di dollari (circa 233 milioni di euro) per coprire i bisogni umanitari negli ultimi quattro mesi del 2021.

READ  Hanno ratificato la nullità degli accordi della precedente legislatura del Venezuela - Prensa Latina

Ma il governo etiope mette in dubbio questo tipo di valutazione e accusa persino le Nazioni Unite di interferire nei suoi affari interni. E ha ordinato, giovedì, l’espulsione dei rappresentanti di alcune sue agenzie, con una mossa che ha suscitato critiche da parte della comunità internazionale.

Nel frattempo, l’amministratore delegato Abi Ahmed sta difendendo le sue operazioni contro il Fronte di liberazione del popolo del Tigray, che ha iniziato ad attaccare a novembre in risposta a un attacco a una base militare.