Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Fed alza i tassi di interesse di 75 punti base e prevede di chiudere l’anno al 4%

Dopo una riunione di due giorni, la Fed ha deciso di aumentare il tasso di intervento di 75 punti base al 3,25%, portando il nuovo massimale di politica monetaria al 4% per la fine dell’anno. Un’occupazione stabile e un’inflazione relativamente stabile hanno dato alla banca centrale più spazio di manovra per dare all’economia statunitense un atterraggio più controllato.

Tale cambiamento rappresenta un salto significativo rispetto alle previsioni della banca di giugno, riflettendo una lotta più dura contro l’inflazione dopo che la crescita dei dati core per agosto è stata più forte del previsto.

Non fermerà prematuramente la sua battaglia di fronte a dati economici più deboli. Il motivo per un rally più robusto è stato rafforzato dal rapporto CPI di martedì, che ha mostrato che le misure dell’inflazione core sono aumentate più del previsto.

“Ci aspettiamo che la Fed continui a salire fino a quando i numeri di inflazione osservati non diminuiranno con il rilascio del CPI di agosto, aggiungendo una significativa urgenza al compito degli esperti”, ha affermato Robert Dent, capo economista statunitense presso Nomura Securities International Inc.

La decisione, presa all’unanimità, alza la fascia obiettivo per il tasso sui fondi federali dal 3% al 3,25%, il livello più alto da prima della crisi finanziaria del 2008, e da quasi zero all’inizio di quest’anno.

Powell è stato vago su quanto sarebbero stati alti i tassi di interesse, dicendo a luglio che la Fed avrebbe stabilito la politica riunione per riunione. Ciò rende le previsioni del grafico dei prezzi target del FOMC un obiettivo primario per gli investitori. Il leader terrà una conferenza stampa mercoledì, 30 minuti dopo la decisione di politica monetaria.

READ  Truffe di criptovaluta "Campagna di sensibilizzazione sulla truffa di criptovaluta di Cointelegraph

I funzionari prevedono che il tasso di riferimento aumenterà al 4,6% entro il 2023, sulla base della stima mediana nella previsione trimestrale aggiornata insieme alla dichiarazione. Ciò suggerisce che un quarto aumento consecutivo di 75 punti base potrebbe essere sul tavolo per il prossimo incontro di novembre, una settimana prima delle elezioni di medio termine.

La previsione, che mostrava un andamento dei tassi più ripido rispetto a quanto fornito dai funzionari a giugno, sottolinea la determinazione della Fed a raffreddare l’inflazione nonostante il rischio che l’aumento degli oneri finanziari possa spingere gli Stati Uniti in recessione. Prima del rilascio, i trader si aspettavano che i tassi raggiungessero il 4,5% all’inizio del 2023 prima di scendere di circa mezzo punto entro la fine dell’anno.

Powell e i suoi colleghi, criticati per la lenta risposta iniziale alle crescenti pressioni sui prezzi, si sono rivolti aggressivamente per recuperare il ritardo e ora stanno attuando la politica più restrittiva dai tempi della Fed sotto Paul Volcker quattro decenni fa.

La Federal Reserve e il FOMC pubblicano le previsioni economiche della riunione del FOMC del 20-21 settembre: https://t.co/jSYuWdxnbm

Riserva federale 21 settembre 2022

La previsione aggiornata mostra anche che il tasso di disoccupazione sale al 4,4% entro la fine del prossimo anno e lo stesso entro la fine del 2024, rispettivamente dal 3,9% e dal 4,1% della previsione di giugno. Le stime della crescita economica nel 2023 sono state abbassate all’1,2% e all’1,7% nel 2024, riflettendo un maggiore impatto di una politica monetaria più restrittiva.

Durante la decisione, l’inflazione è stata più forte del previsto ad agosto. I dati del Dipartimento del Lavoro hanno mostrato martedì che l’indice dei prezzi al consumo è aumentato dello 0,1% da luglio, dopo essersi appiattito il mese precedente. Rispetto all’anno precedente, i prezzi sono aumentati dell’8,3%, in leggero rallentamento.

READ  Stephanie Sutton (Artemis): "Abbiamo ancora alcuni mesi difficili nel settore delle piccole imprese".

Inoltre, le vendite al dettaglio negli Stati Uniti sono aumentate inaspettatamente ad agosto dopo il calo del mese precedente, poiché il quadro della spesa sottostante si è rivelato più contrastante.

I dati del Dipartimento del Commercio di giovedì hanno mostrato che il valore degli acquisti al dettaglio complessivi è aumentato dello 0,3% il mese scorso dopo un calo dello 0,4% rivisto al ribasso a luglio. Escludendo la benzina, le vendite al dettaglio sono aumentate dello 0,8%. I dati non sono stati adeguati all’inflazione. La stima mediana in un sondaggio Bloomberg tra gli economisti prevedeva un calo dello 0,1%.