lunedì, Luglio 15, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

La Fed avvierà le discussioni sui tagli dei tassi di interesse, ma non…

Bloomberg – Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell e i suoi colleghi possono essere perdonati per essersi sentiti un po' come genitori in un lungo viaggio con i loro figli.

Gli investitori desiderosi di tagliare i tassi di interesse continuano a chiedere ai politici: “Siamo arrivati?” La risposta frequente finora è: “Presto, ma non ancora”.

Si prevede che lo farà il Federal Open Market Committee Mantenere stabili i tassi di interesse per la quarta riunione consecutiva Quando si riunirà a Washington il 30 e 31 gennaio. Tuttavia, il vero focus sarà su ciò che ci aspetta alla riunione del FOMC di marzo e oltre.

I politici lo hanno recentemente suggerito Siamo pronti a iniziare a discutere i criteri generali per abbassare i tassi di interesse Avendo dato solo un tocco leggero alla questione nell'ultima riunione di dicembre. Molti di loro hanno anche espresso la volontà di prendere in considerazione una riduzione dei tassi di interesse Nella prima metà del 2024 l’inflazione scenderà più velocemente del previsto.

Ma i funzionari non hanno dato indicazioni che intendano utilizzare il prossimo incontro per prepararsi ad un taglio dei tassi di interesse entro marzo, anche se ciò non esclude che ciò accada in risposta ai cambiamenti economici da qui ad allora.

La presidente della Fed di San Francisco, Mary Daly, ha dichiarato venerdì che è “troppo presto” per credere che siano in arrivo tagli dei tassi di interesse, affermando che prima di allentare la politica è necessario vedere ulteriori prove del fatto che l'inflazione sia su un percorso stabile per tornare al 2%.

“La Fed può essere paziente”, ha detto Ellen Zentner, capo economista statunitense presso Morgan Stanley, che prevede che il primo taglio dei tassi avrà luogo a giugno.

READ  L'investimento impegnato da BBVA in fondi per l'innovazione ammonta a 600 milioni di euro

Powell e i suoi colleghi possono prendersi il loro tempo perché Non taglieranno i tassi di interesse per combattere la crisi economica, Come spesso è successo in passato. Invece, calanceranno la politica per riflettere un improvviso e brusco calo dell’inflazione rispetto al suo massimo pluridecennale di un anno e mezzo fa.

“Con l'attività economica e i mercati del lavoro in buona forma e l'inflazione in graduale calo fino al 2%, non vedo alcun motivo per agire o ridurre così rapidamente come in passato”, ha dichiarato in una nota il governatore della Fed Christopher Waller. 16 gennaio.

I suoi commenti, insieme alle notizie di vendite al dettaglio più forti del previsto a dicembre, hanno portato gli investitori ad abbassare le loro aspettative per un taglio dei tassi a marzo. Ora vedono una possibilità leggermente inferiore al valore nominale, sulla base delle negoziazioni nel mercato dei futures sui fondi federali di venerdì. Solo una settimana fa, si stimava che le probabilità di una riduzione fossero circa tre su quattro.

Il risultato peggiore

Anche la storia conferma la saggezza della Fed nell’iniziare ad abbassare i tassi di interesse. Negli anni ’70, la banca centrale si spinse troppo oltre nell’allentamento della politica monetaria prima che l’inflazione fosse veramente sconfitta. Questo è un errore commesso anche da Paul Volcker, da molti considerato il più grande banchiere centrale americano, nel 1980, quando l’economia si indebolì. Solo per poi invertire la rotta e spingere gli Stati Uniti in una recessione più profonda.

Il risultato peggiore sarebbe che i politici tagliassero i tassi di interesse e li dovessero alzare nuovamente se l’inflazione aumenta, ha detto il presidente della Fed di Atlanta Rafael Bostic ai leader aziendali il 18 gennaio. “Non vogliamo seguire uno schema di alti e bassi o avanti e indietro”, ha detto.

READ  Motivi per acquistare prodotti scontati

Considerazioni di questo tipo probabilmente porteranno la banca centrale a rinviare i tagli dei tassi di interesse fino a maggio, secondo l’economista Claudia Saham, ex membro della Federal Reserve. Ma una volta avviato, può muoversi rapidamente, afferma Siham, che gestisce la propria società di consulenza ed è editorialista di Bloomberg Opinion.

“Se l’inflazione appare davvero positiva, “Potrebbero esserci tagli di 50 punti base nella seconda metà dell’anno”.Egli ha detto.

I politici riceveranno i dati aggiornati sulla loro misura preferita di inflazione venerdì prossimo, così come la prima lettura del PIL del quarto trimestre giovedì.

Anna Wong, capo economista di Bloomberg Economics, ha affermato di aspettarsi che la misura chiave dell'inflazione preferita dalla Fed sarà inferiore al 2% su base annua per uno, tre e sei mesi.

I funzionari hanno annunciato il mese scorso che avrebbero tagliato i tassi di interesse di 75 punti base nel 2024, secondo le loro previsioni medie.

Bostic ha detto venerdì a Fox Business che è disposto a cambiare le sue opinioni sulla tempistica dei tagli dei tassi di interesse sulla base dei dati, anche se vuole assicurarsi che l'inflazione sia “a posto”. Sulla buona strada per raggiungere l'obiettivo del 2% della banca centrale prima dell'allentamento della politica monetaria.

Una decisione che il FOMC dovrà prendere nella prossima riunione sarà se modificare o meno le indicazioni fornite sulle future azioni politiche nella dichiarazione post-riunione. A dicembre, i policymaker hanno lasciato la porta leggermente aperta alla possibilità di aumentare ulteriormente i tassi di interesse, dopo averli aumentati di oltre cinque punti percentuali da marzo 2022.

Non è chiaro se ciò sia ancora valido. Molti funzionari ritengono che i rischi di un ritorno dell’inflazione in accelerazione, e quindi la possibilità di aumentare nuovamente i tassi di interesse, siano diminuiti. Ma con i mercati obbligazionari e azionari in rialzo nella speranza di tassi di interesse più bassi, i membri più conservatori del FOMC potrebbero essere riluttanti ad abbandonare tale orientamento.

READ  La nuova Cina orientale ha perso il 90% del suo valore a causa della regolamentazione del settore dell'istruzione

Ha aggiunto: “Alla luce dell’allentamento delle condizioni finanziarie negli ultimi mesi, “Al momento non dovremmo escludere la possibilità di un altro aumento dei tassi di interesse”.Lo ha detto agli economisti il ​​6 gennaio il presidente della Fed di Dallas, Lori Logan.

Sullo sfondo delle deliberazioni della Fed si collocano le elezioni presidenziali di novembre. In un rapporto del 17 gennaio, gli economisti di Morgan Stanley Matthew Hornback e Seth Carpenter hanno contestato l’ipotesi secondo cui le imminenti elezioni influenzeranno la politica monetaria.

Ma ciò non significa che la banca centrale possa sfuggire alle critiche durante la campagna elettorale, soprattutto se Donald Trump, il principale contendente alla nomina repubblicana, teme che i tagli dei tassi di interesse da parte della Fed possano aiutare il presidente Joe Biden.

“La Fed sarà accusata di influenzare le elezioni, qualunque cosa decida”, ha aggiunto. Diane Swonk, capo economista di KPMG, ha dichiarato:

-Con l'assistenza di Steve Matthews.

Maggiori informazioni su Bloomberg.com

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles