Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Federal Reserve rivelerà i verbali di luglio dopo che il CPI non è una “vittoria” contro l’inflazione

Non c’è dubbio che annulla tutto Inflazione USA A luglio, questa settimana è finita perché i mercati reagiscano con ottimismo, come se potesse essere escluso L’aumento dei prezzi nel paese aveva raggiunto il suo massimo.

Tuttavia, le voci sono già uscite all’interno Riserva Federale degli Stati Uniti Con il pretesto che “molto Presto per dichiarare vittoria “sull’inflazione. Queste sono le parole del presidente della Minneapolis Federal Reserve Bank Neil Kashkari, che ha dovuto calmare il sentiment del mercato dopo aver appreso circa l’8,5% dei dati CPI negli Stati Uniti (sei decimi in meno rispetto al dato del mese scorso).

Qashqari sostiene anche l’aumento dei tassi di interesse di riferimento Altri 150 punti base nel 2022 e continuano ad aumentare nel 2023 Spingere l’economia americana in recessione. Inoltre, il responsabile del Federal Reserve Board di Minneapolis considera “irrealistico” che i prezzi inizieranno a scendere all’inizio del prossimo anno.

Come ha detto venerdì scorso Mary Daly, presidente di San Francisco, L’inflazione negli Stati Uniti rimane “troppo alta”. Il presidente della Fed sceglie una mossa di 50 punti base alla riunione di settembre, sebbene sia disposta a considerare un altro aumento di 75 punti base se la situazione lo richiede. E James Pollard di St. Louis vuole vedere i tassi nello stato alla fine del 2022 al 4%.

Se il resto dei membri della Federal Reserve Condividi o non condividere questa retorica aggressiva Si saprà mercoledì prossimo quando l’autorità pubblicherà il verbale della riunione di luglio. In questo incontro è stato raggiunto un consenso Aumento dei tassi nel paese di 75 punti baseil secondo consecutivo da questa profondità e il quarto cambiamento rialzista finora quest’anno.

Al momento, il mercato sta scontando che ci saranno più rialzi nel 2022 fino a chiudere l’anno tassi al 3,5%, contro un range 2,25-2,5% a cui è attualmente impostato. Ciò rappresenta un aumento di oltre 100 punti base fino al 31 dicembre. In effetti, il consenso di mercato compilato da Bloomberg stima che un altro rally di oltre 50 punti potrebbe raggiungere la data del 21 settembre.

Nonostante il fatto che l’inflazione abbia aperto le porte alla Fed per staccare il piede dall’acceleratore, Tasso di disoccupazione negli Stati Uniti fermo al 3,5%, che è meno di un decimo della cifra che questo indicatore ha mantenuto negli ultimi quattro mesi. Ovvero che la creazione di 528.000 posti di lavoro a luglio (che ha superato di oltre il 30% le aspettative del mercato) potrebbe dare una scossa al mercato perché il buon dato sull’occupazione “si spiega con la Fed perché i suoi rialzi dei tassi non rallentano l’economia. La ripresa consentirà loro di essere più audaci nell’aumentare i tassi di interesse per combattere l’inflazione. Dietro cosa estremista Qualunque sia la Fed il prossimo mese, non sono previsti cambiamenti nella tabella di marcia del presidente Powell per il resto dell’anno, come hanno capito da Federated Hermes.

L’inflazione non scende in Europa

Potrebbe essere dentro I prezzi negli Stati Uniti salgono Prima e dopo, ma nell’area dell’euro l’inflazione è ancora in aumento. Sebbene i dati CPI di luglio siano già stati anticipati due settimane fa, giovedì prossimo verranno pubblicati i dati definitivi, in cui non sono previste modifiche, secondo il Bloomberg. Quindi, tutti gli Stati membri Registrerà un aumento dell’8,9% Rispetto all’8,6% del mese precedente.

Lo stesso accadrà con il PIL combinato, che rimane allo 0,7% per il secondo trimestre del 2022. In altre parole, i prezzi salgono nell’area dell’euro e la loro crescita L’economia non mostra segni di stanchezza. Tuttavia, gli investitori continuano a mostrare segnali di pessimismo, come riportato dall’ultimo indice di fiducia ZEW in Germania e per il sondaggio di agosto (che sarà pubblicato martedì) si manterrà sullo stesso livello (intorno al -53%).

Anche nel Regno Unito il CPI di luglio verrà rilasciato la prossima settimana. Il mercato prevede un aumento dell’inflazione nel Paese al 9,8% (quattro decimi in più rispetto al mese precedente). Inoltre, il PIL è salito ieri per il secondo terzo dell’anno. In questo caso si è registrato un aumento del 2,9%, simile a quanto previsto dal mercato. “Si tratta del primo dato trimestrale negativo dal primo trimestre del 2021 Il PIL ne risente già rialzi dei tassi da parte della Banca d’Inghilterra, ma sono diminuiti meno del previsto”, stima Bankner.

CommentiIl WhatsAppIl WhatsAppFacebookFacebookTwitterTwitterLinkedInLinkedIn

READ  Telefonica e Repsol lanciano il loro business nel fotovoltaico e creano una struttura operativa | comp