Febbraio 2, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La finanza come acceleratore per la transizione verso la sostenibilità | comp

La sostenibilità sta diventando una priorità nelle agende delle aziende e dei governi e riceve sempre più l’attenzione della società. Non si tratta solo di fermare le conseguenze del cambiamento climatico, ma l’obiettivo globale è costruire un mondo migliore. Alcune iniziative, come l’Accordo di Parigi o gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite, hanno gettato le basi e la maggior parte dei paesi sta allineando le proprie strategie nella stessa direzione.

Una delle decisioni più recenti dell’Europa è stata quella di progettare la ripresa post-pandemia sotto l’asse della sostenibilità. Il piano di ripresa, trasformazione e resilienza della Spagna è uno strumento per indirizzare i fondi dell’UE di prossima generazione per “riparare i danni causati dalla crisi COVID-19 e, attraverso riforme e investimenti, costruire un futuro più sostenibile”.

Il raggiungimento degli obiettivi richiede la partecipazione e il coinvolgimento di tutti. Gli esperti che hanno partecipato alla colazione organizzata da CincoDías in collaborazione con Cepsa, tenutasi sotto il tema Nuovi modelli di investimento per un’economia più responsabile, hanno discusso del ruolo che deve svolgere ciascuno degli attori economici, nonché delle prospettive future: il momento del finanziamento sostenibile.

Luisa Gómez, Global Head of Corporate and Investment Banking di BBVA, ha aperto la discussione analizzando la situazione attuale. “C’è una traiettoria in termini di finanza sostenibile, ma c’è stato un pre-Covid e un post-Covid, dove è diventato un trend strutturale e un modello di cambiamento del modello di business e l’assoluta necessità di competere con una produzione diversa e più efficiente schema», disse. L’esperto guarda al futuro con ottimismo, perché è “un trend che deve proseguire, con tante sfide davanti e che offre grandi opportunità per le imprese, la società e le istituzioni finanziarie”.

Antonio Lorenzo, Head of Corporate Finance Spain presso la Banca europea per gli investimenti, ha convenuto che “siamo di fronte a un cambio di paradigma, in un momento in cui la sostenibilità determinerà chi sono i vincitori e i perdenti, chi saprà adattarsi e chi quelli che non lo fanno”. Lo stiamo già vedendo, ad esempio, nel settore automobilistico. L’elettrificazione è qualcosa che esiste già e non pensavamo che sarebbe andata così veloce qualche anno fa”. Lorenzo ritiene che si siano aperte “grandi opportunità”. “È un cambiamento dal punto di vista dell’economia reale, ma anche degli investitori e del settore bancario, che dovranno svolgere un ruolo fondamentale quando si tratterà di finanziare progetti di sostenibilità e tutto ciò che è a favore dell’azione per il clima”.

READ  Cosa significa un dollaro digitale per il futuro del tuo portafoglio?

Per Carmen de Pablo, Direttore Finanza, Strategia, ESG e Corporate Governance di Cepsa, “La visione a lungo termine è dove deve esserci una transizione, un periodo in cui le aziende si adattano e in cui le istituzioni finanziarie sono supportate che ci consente di affrontare davvero la transizione. Tra le misure attuate dall’azienda, de Pablo ha affermato che “Cepsa investirà 8000 milioni in questo spostamento di cambiamento e nello sviluppo di nuove energie che possono dare la leadership alla Spagna, come l’idrogeno verde e i biocarburanti, dal momento che abbiamo già lanciato il primo progetto sostenibile voli da Siviglia, tutto nel campo delle energie rinnovabili e della mobilità”. D’altra parte, ha sottolineato la necessità di affrontare la biodiversità per migliorare le risorse naturali. “CEPSA si è impegnata a ridurre il consumo di acqua del 20% nelle aree a stress idrico entro il 2025”, ha affermato.

La cosa difficile dell’essere verdi

Ramon Puyo, Head of Sustainability and Good Governance di KPMG in Spagna, ha riconosciuto che “diventare green non è facile” e che è qualcosa che deve essere fatto in parte con “chiarezza e standard; c’è una difficoltà fondamentale che la sostenibilità non significano la stessa cosa per tutti”. Allo stesso modo, ha notato “l’importanza degli incentivi per cercare di raggiungere obiettivi ambientali” e che “devono essere abbastanza attraenti da incoraggiare gli investitori e le aziende a fare quel passo”.

Luisa Gómez ha dichiarato: “Negli ultimi anni, c’è stata una riluttanza da parte degli attori del mercato a continuare a finanziare determinati progetti che non soddisfano determinati criteri in termini di sostenibilità. La nostra filosofia è accompagnare il cliente nel muoversi verso quel futuro sostenibile. Per questo, dobbiamo sapere che c’è un impegno coerente da parte del consiglio di amministrazione e del comitato direttivo della società, e che ci sono obiettivi chiari e ambiziosi e l’investimento che li sostiene.

In tal senso, un rappresentante di Cepsa ha commentato la posizione dell’azienda: “Abbiamo impegni e obiettivi chiari, che ci poniamo in primis come azienda, dove vogliamo raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050, ed è chiaro che abbiamo bisogno quel periodo di transizione accompagnato da istituzioni finanziarie.” D’altra parte, ha mostrato come le questioni di sostenibilità fossero già state portate al massimo livello, al di là del comitato direttivo, così come la necessità di indipendenza energetica (apparsa dopo la guerra in Ucraina) in Europa e che “questo può essere raggiunto ‘essendo più sostenibili'”.

READ  Lagarde aumenta la possibilità di un aumento dei tassi di interesse oltre la neutralità Da Reuters

Un altro aspetto chiave discusso dai partecipanti all’incontro è stato il ruolo dei fornitori. “La trasformazione sostenibile sarà guidata da grandi aziende, che hanno la capacità di investire il volume necessario. Ma hanno un’altra responsabilità, e cioè nella catena di fornitura. È una questione molto importante in Spagna, perché non possiamo lasciare piccole e medie imprese in ritardo sugli obiettivi di sostenibilità, e ci sono già aziende che iniziano a discriminare”, ha spiegato Luisa Gomez.

Parallelamente, Ramon Puyo ha dichiarato: “Alla fine, che tu sia un investitore o un manager, ci sono due modi di guardare a tutto questo: uno è apportare cambiamenti sufficienti nei modelli di business in modo che il mercato non mi escluda , e l’altra, soprattutto, è che abbiamo una mostruosa opportunità tra di noi. Dobbiamo.” “Dobbiamo tutti cambiare, e la cosa fondamentale accadrà nei prossimi 10 anni. Le chiavi sono la convinzione, la coercizione , nel senso che c’è una regolamentazione sempre più intensa, di adeguatezza, perché c’è una ricompensa per gli investitori e per le imprese perché i mercati dei capitali e anche il mercato del lavoro premiano chi fa le cose meglio».

La Banca europea per gli investimenti stima che entro il 2025, un euro su due finanziati sarà green. Il 50% del nostro finanziamento, circa 60.000/70.000 milioni di euro annui in tutto il mondo, sarà green. Ed è questa l’importanza che vogliamo dare all’azione per il clima”, ha spiegato Antonio Lorenzo. Riguardo alla necessità di incentivi, Lorenzo ha affermato che “la BEI è un acceleratore di investimenti e questo è il suo obiettivo. È quello che vogliamo promuovere. E riassumendo, come istituzioni finanziarie, dobbiamo essere al passo con la transizione.

Per avere successo in questo campo, gli accordi sono altrettanto importanti, secondo Carmen de Pablo. “Dobbiamo scommettere su alleanze, consorzi, relazioni e nuovi partner che ci accompagnino nel viaggio e ci permettano anche di cercare di acquisire maggiore flessibilità e fornire quelle esigenze tecnologiche di cui abbiamo bisogno per i cambiamenti, per integrare la nostra attività con partner esterni e che tutti questi progetti possano essere finanziati”.

READ  L'inflazione dell'Eurozona è in espansione e continuerà ad aumentare, afferma Schnabel della BCE

Trasparenza, impegno e innovazione nella catena del successo

  • Informazione. “Bisogna lavorare sui dati, sui report, in modo che le informazioni sulla sostenibilità siano le stesse delle informazioni finanziarie, e siano completamente affidabili, e questo ci permetta di fare la misurazione appropriata per il finanziamento; questa è la grande sfida, a parte la standardizzazione, che speriamo converga a livello globale in modo che si assuma il costo della generazione di queste informazioni per le istituzioni finanziarie e le aziende”, ha spiegato Luisa Gómez. A questo proposito, Carmen de Pablo ha aggiunto che “questi dati devono essere verificati con un livello di domanda che deve essere uguale a quello della parte finanziaria”.
  • formazione scolastica. L’istruzione e la formazione sono un capitolo importante in termini di sostenibilità. “Ci sono così tante cose coinvolte nella sostenibilità che a volte è difficile individuare. C’è un lavoro importante da fare con la regolamentazione europea, che riguarda la definizione chiara di cosa ciò significhi, perché il problema che abbiamo è che non esiste una definizione univoca, non possiamo standardizzare perché il finanziamento sostenibile significherebbe decarbonizzazione e diversificazione Biologico, acqua, uguaglianza, generazione di talenti, inclusione delle donne… questa direzione”, secondo Antonio Lorenzo, se un’azienda vuole vivere la sostenibilità, deve avere quella cultura all’interno dell’organizzazione e viverla. In questo modo hai l’intera organizzazione completamente alleata”, ha riassunto Carmen de Pablo.
  • Tecnica. La sostenibilità richiede la tecnologia per raggiungere gli obiettivi. “Crediamo nel valore dell’investimento nelle nuove tecnologie. Il problema è che parte del rischio è un po’ più elevato per questi progetti per i quali è necessario un sostegno. Il finanziamento della tecnologia è fondamentale. L’energia deve essere disponibile e dobbiamo trovare un modo per farlo in quel modo.” ha spiegato Antonio Lorenzo.