Maggio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Germania è pronta ad agire come “Stato garante” per la sicurezza dell’Ucraina

Mercoledì 30 marzo, il portavoce del governo tedesco Stephen Hebestreet ha affermato che il suo Paese è pronto a diventare uno “Stato garante” di un possibile accordo di pace tra Ucraina e Russia.

Durante una conferenza stampa a Berlino, Hepstreet ha riferito che il cancelliere tedesco Olaf Schulz e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky hanno discusso la questione nelle loro ultime telefonate.

“La Germania, come molti altri paesi, è pronta ad agire come garante della sicurezza dell’Ucraina”, ha affermato Hepstreet, ma ha osservato che la questione potrebbe essere oggetto di ulteriori deliberazioni perché molti dettagli rimangono poco chiari.

Martedì, durante i negoziati di pace a Istanbul, la delegazione ucraina ha espresso la volontà di negoziare uno “Stato neutrale”, ma ha chiesto garanzie di sicurezza per il proprio Paese.

Guarda anche: Dall’inizio della guerra in Ucraina sono morti almeno 145 bambini.

Il negoziatore ucraino David Arachhamia ha detto ai giornalisti che stanno cercando un accordo internazionale in cui paesi come Turchia, Germania, Canada, Italia, Polonia e Israele saranno garanti.

Dal 24 febbraio, 2.975 civili sono stati uccisi in Ucraina, con 1.151 morti, tra cui 54 bambini, e 1.824 feriti, come dettagliato dall’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (OHCHR).

Il numero di persone che sono fuggite dall’Ucraina a causa della guerra con la Russia ha raggiunto i quattro milioni, ha detto mercoledì 30 marzo l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati Filippo Grandi.

“I rifugiati dall’Ucraina ora raggiungono i 4 milioni, cinque settimane dopo l’inizio dell’offensiva russa”, ha detto su Twitter il capo dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.

“Sono appena arrivato in Ucraina. A Leopoli discuterò con le autorità, le Nazioni Unite e altri partner i modi per aumentare il nostro sostegno alle persone colpite e sfollate da questa guerra insensata”.

READ  Più di 300 morti e migliaia di feriti dopo il devastante terremoto ad Haiti

Più della metà dei rifugiati, circa 2,3 milioni di ucraini, sono entrati nella vicina Polonia, più di 595.000 in Romania, circa 384.000 in Moldova, più di 354.000 in Ungheria e circa 275.000 in Slovacchia, ha affermato l’agenzia delle Nazioni Unite.

* Tradotto da Daniel Gallego.


Il sito web dell’Agenzia Anadolu contiene solo una parte delle notizie presentate agli abbonati sull’AA News Broadcasting System (HAS) e in sintesi.