Maggio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra ha portato l’inflazione a marzo a raggiungere il 9,8%, il tasso più alto dal 1985| Economia

L’indice dei prezzi al consumo (CPI) è aumentato del 3% a marzo rispetto al mese precedente e ha fissato il tasso interannuale al 9,8%, il livello più alto dal maggio 1985. Si tratta di una brutale escalation dovuta all’aumento del costo di tutte le componenti di il carrello della spesa, spinto dagli effetti della guerra in Ucraina. Pertanto, l’IPC interannuale lega la quindicesima tendenza al rialzo consecutiva, secondo i dati preliminari pubblicati mercoledì dall’Istituto nazionale di statistica (INE), che è passato dall’1,3% di marzo 2021 a quasi il 10%.

Secondo le statistiche, l’aumento dell’indice dei prezzi al consumo tra gli anni per il mese di marzo al 9,8% è dovuto agli aumenti generalizzati della maggior parte delle sue componenti, tra cui l’aumento dei prezzi di energia elettrica, carburante, carburante, cibo e bevande analcoliche e l’aumento di questa cifra. Rispetto a marzo 2021.

Pertanto, l’aumento dei prezzi dell’energia dovuto all’invasione dell’Ucraina da parte di Putin ha innescato questo tasso, che era già fuori controllo a livelli storici. Ma il salto qualitativo rispetto a febbraio con l’aggiunta di 2,2 punti percentuali del tasso annuo, e il confronto con lo stesso mese dell’anno scorso hanno portato a un aumento di 8,5 punti.

L’indice dei prezzi al consumo (CPI) è aumentato del 3% a marzo rispetto al mese precedente e ha aumentato il suo tasso su base annua dal 7,6% di febbraio al 9,8%, il tasso più alto in 37 anni, in particolare dal maggio 1985, quando era… 9,9%. Secondo i dati avanzati pubblicati lunedì dall’Istituto nazionale di statistica (INE), l’IPC inter-anno segna con i dati di marzo il suo 15° tasso di positività consecutiva.

READ  L'unico operatore a basso costo di Telefónica è O2

L’Istituto Nazionale di Statistica include nell’anteprima dei dati dell’IPC una stima dell’inflazione core (senza prodotti alimentari né energia grezza), salita a marzo al 3,4%, più di sei punti in meno rispetto alla media complessiva dell’IPC. Tuttavia, se confermato, sarebbe il livello più alto da settembre 2008.

I dati definitivi saranno pubblicati il ​​13 aprile. In anticipo i dati pubblicati questo mercoledì, i prezzi nei negozi Si raccolgono fino al ventunesimo di ogni mese ei mesi centrali fino al venticinque.

effetto di guerra

Il capo del governo, Pedro Sanchez, dopo aver appreso di questa cifra, ha sottolineato che l’aumento dell’inflazione di marzo al 9,8% su base annua è un “numero negativo” che colpisce l’economia e la società spagnola, e che è “a 73 %” all’impatto della guerra in Ucraina.

“Il 73% si spiega con il prezzo esorbitante dell’energia e del cibo non trasformato, il tutto esacerbato dalla guerra in Ucraina”, ha detto durante la sua apparizione davanti a una sessione plenaria per riferire sui recenti vertici europei e Nato e sulle relazioni con il Marocco.

Sanchez è convinto che il piano nazionale di risposta alla guerra, approvato ieri in Consiglio dei Ministri con decreto, consentirà di “invertire la curva (inflazione) e stabilizzare il costo della vita”.