Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La guerra tra Israele e Gaza in diretta |  Il ministro della Difesa israeliano conferma che la guerra ha lasciato Hamas “sull’orlo della disintegrazione”.  internazionale

La guerra tra Israele e Gaza in diretta | Il ministro della Difesa israeliano conferma che la guerra ha lasciato Hamas “sull’orlo della disintegrazione”. internazionale

Martedì l’Assemblea generale delle Nazioni Unite discuterà un testo simile a quello a cui gli Stati Uniti si sono opposti in seno al Consiglio di Sicurezza

Questo pomeriggio l’Assemblea generale delle Nazioni Unite discuterà una risoluzione che chiede un immediato cessate il fuoco umanitario a Gaza, dopo più di due mesi di guerra tra Israele e Hamas. La sessione si tiene dopo che gli Stati Uniti hanno esercitato il loro potere di veto contro un documento simile presentato venerdì scorso al Consiglio di Sicurezza, che ha spinto Egitto e Mauritania a ricorrere all’assemblea, il cui voto non è considerato vincolante, ma ha un valore simbolico.

Infatti, il testo che verrà votato nell’Assemblea Generale, alla quale partecipano i 193 membri delle Nazioni Unite, contro i 15 membri del Consiglio di Sicurezza, è praticamente lo stesso testo della risoluzione alla quale gli Stati Uniti si sono opposti . Non c’è potere di veto per nessun Paese nell’Assemblea, quindi il documento verrà votato e approvato, come previsto. I testi approvati dall’Assemblea Generale non sono vincolanti, ma hanno importanza politica, e questo particolare testo rifletterà la visione politica di molti paesi riguardo all’attacco israeliano a Gaza, che ha ucciso più di 18.000 persone nella Striscia.

Il voto avrà luogo anche il giorno dopo che 12 rappresentanti del Consiglio di Sicurezza avranno visitato il lato egiziano del valico di frontiera di Rafah che collega l’Egitto a Gaza. Un inviato ha affermato che ciò che hanno potuto vedere era “peggiore di quanto si possa dire a parole”. “Ad ogni passo, gli Stati Uniti sembrano sempre più isolati dall’opinione principale delle Nazioni Unite”, ha affermato Richard Gowan, direttore dell’International Crisis Group delle Nazioni Unite, riferendosi al veto di venerdì e al fatto che Washington non ha inviato alcun rappresentante alle Nazioni Unite. il viaggio. A Rafah.

READ  Rio de Janeiro: i ministri degli Esteri del G20 sostengono l'accordo tra due paesi in conflitto tra Palestina e Israele

L’amministrazione americana sostiene Israele nella sua risposta militare agli attacchi di Hamas del 7 ottobre, che hanno provocato la morte di quasi 1.200 persone in Israele. Crede che un cessate il fuoco andrebbe a vantaggio delle milizie palestinesi e sostiene solo brevi pause nei combattimenti per consentire il rilascio degli ostaggi e l’ingresso di aiuti umanitari nella Striscia, dove la situazione per una popolazione civile di oltre due milioni di persone si sta deteriorando. “Catastrofico”, secondo le Nazioni Unite e le organizzazioni non governative che lavorano sul campo.

Lo scorso ottobre, l’Assemblea ha approvato, con una maggioranza di 121 voti favorevoli e 14 contrari (compresi gli Stati Uniti), con 44 astensioni, una risoluzione che chiede “una tregua umanitaria immediata, permanente e sostenibile che porti alla cessazione delle ostilità. ” Alcune fonti diplomatiche si aspettano che il testo ottenga un sostegno più ampio questo martedì. Joan ha sottolineato che “le dinamiche sono diverse. La durata e l’intensità delle operazioni israeliane a Gaza hanno convinto molti membri delle Nazioni Unite della necessità di un cessate il fuoco”. Il testo chiede inoltre il rilascio incondizionato e immediato di tutti gli ostaggi. (Reuters)