Giugno 26, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Jornada – Da ieri il centro storico è diventato un luogo non fumatori

Da ieri è vietato fumare in 11 punti del centro storico, compreso Zócalo, e nelle strade e nelle piazze circostanti.

Secondo la notifica pubblicata dall’Agenzia per la protezione della salute nella Gazzetta ufficiale, le persone che violano questa disposizione saranno punite con una multa fino a 2.886 pesos, la detenzione da 25 a 36 ore o il lavoro in comunità.

Tuttavia, il premier Claudia Sheinbaum ha sottolineato che ci sono sanzioni anche con il rinvio a un tribunale civile, come farebbero in qualsiasi altro luogo non fumatori, ma in questo caso, ha sottolineato, la spinta sarebbe quella di informare ed educare. “Siamo fiduciosi che le persone coopereranno una volta adeguatamente informate”, ha affermato.

I luoghi in cui è vietato fumare sono: Zócalo, plazas de la Mexicanidad (di fronte alla Corte Suprema di Giustizia della nazione), Manuel Gamio, del Seminario, del Empedradillo (vicino alla cattedrale) e situati di fronte al Monte Pietà. Via Madero e 20 de Noviembre (tra Zócalo e Venustiano Carranza), le porte degli edifici nella prima piazza della città.

L’Autorità del Centro Storico, il Sottosegretariato Comunale e Pubblico Programmi di Riorganizzazione e il Ministero della Salute saranno responsabili dell’adozione delle misure necessarie per mantenere tali luoghi liberi dal fumo, nonché della presentazione delle relative denunce e segnalazioni.

Il ministro del governo, Marti Patrice, ha dichiarato che l’avviso è entrato in vigore ieri, Giornata mondiale senza tabacco, ma che il lavoro mediatico proseguirà per più di un mese, al fine di sensibilizzare la popolazione.

“Perché la norma cominci è necessario dare molte informazioni, perché diventi una pratica e una cultura; quindi, questo è ciò che daremo la priorità: informare, affiggere segnaletica e informare attraverso i media, e che i dipendenti del governo che si trovano nel centro della città informino anche le persone che fumano che non hanno più niente”, dice.

READ  Gestore shock di sistema

Ha detto che era una misura salutare, ma anche per proteggere l’ambiente. “L’obiettivo è tutelare la circolazione in questi grandi spazi pubblici situati nel cuore del Paese, per tutte le famiglie, perché ragazze, ragazzi, anziani, donne e persone di ogni età vengono qui per impegnarsi in attività di vario genere, come civico, culturale, ricreativo, commerciale, ecc.