Ottobre 19, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Jornada – I codici preispanici non viaggiano dall’Italia al Messico per evitare danni

città del Messico. Codici fiorentino (1588) e Cosby (1665) Chi si trovava in Italia non poteva recarsi in Messico perché, in un’intervista, affermavano gli esperti che “considerando l’età e il materiale, trasportarli era un rischio elevato; rischiavano danni irreparabili”. Giorno Ambasciatore del Messico in quel paese, Carlos Garcia de Alba Zepeda.

Quei manoscritti (prima in custodia della Biblioteca Laurentiana di Firenze) e poi presso l’Università di Bologna sono stati richiesti in prestito dal governo messicano nell’ottobre dello scorso anno, direttamente in coordinamento con la co-presidente Beatrice Guterres-Mல்லller Historical Memorial, che farà parte della mostra più grande La grandezza del Messico Si apre al Museo Nazionale di Antropologia lunedì prossimo come parte del progetto Ricordi 2021, Messico tenositlon, sette secoli.

Tuttavia, proseguiva il diplomatico, “Con il Codice Magliapecciano (XVI sec., ora parte del Centro Bibliodeca Nacionale di Firenze), abbiamo avuto l’autorità di riprodurli con la massima definizione; Ci è stata data una riproduzione fedele di questi tre simboli”.

Altri 22 pezzi sono “Diversi stili, produzione, tempo e aree di origine messicana”, come “Ritorno”, grazie alla collaborazione del governo italiano di Mario Draco. Questi oggetti saranno “in mostra con alcuni dei pezzi già restituiti in Italia a partire dal 2013”.

Il capo della missione diplomatica non ha approfondito ulteriormente le caratteristiche dei 22 tasselli del “rimarrà in Messico per sempre” perché ha ritenuto che invece di evidenziarne uno, l’atteggiamento dovesse puntare su una cooperazione trasparente. Forze del governo italiano e Panineros che affrontano altri paesi e cause legali di fronte a vendite e aste di merci dal Messico.

Opere sequestrate, in perizia

Oltre alle 17 opere sequestrate all’asta della Casa di Belle Arti Pertolami lo scorso 16 settembre, Garcia de Alba ha dichiarato: “Ci sono altri due siti da bonificare dal governo italiano, che sono già governati da un’agenzia nazionale”. Antropologia e Storia (INAH), con sede nelle città di Angona e Udin.

READ  Record di epilessia criptato nel Regno Unito del valore di $ 250 milioni

“Per preservare il patrimonio culturale, i Carabineros ci hanno avvertito che sospettavano frammenti ispanici prima del messicano e ci hanno detto di controllare i dati; siamo stati avvisati in primavera.

L’intero processo di restauro richiede solitamente da sei a 12 mesi. Dobbiamo riconoscere la velocità e l’efficienza con cui lavorano gli esperti INAH, perché ci inviano conferma poche settimane dopo che abbiamo inviato la richiesta di informazioni, oppure dicono che sono copie poco interessanti. Questo è un lavoro tecnico complesso che può essere svolto solo da esperti. “

L’ambasciatore ha ribadito che l’Italia è un Paese pioniere e leader nella conservazione del patrimonio mondiale, dal 1969, un anno prima dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO), esisteva già una legge specifica sulla tutela dei beni storici e eredità culturale.

“L’unità per la conservazione del patrimonio culturale da questo quadro giuridico è stata creata nel sistema Carabineros, che trascende i governi e i regimi di quel paese. Sono responsabili dell’applicazione e della supervisione di questo quadro giuridico e hanno personale altamente professionale e formato che segue questi problemi.

Per questo non è la prima volta che l’Italia recupera parti di valore storico al Messico; Almeno dal 2013 abbiamo documentato quattro ritorni da regioni molto diverse. Il voto del 2017 è il voto precedente e il 3 maggio il generale Roberto Ricardi, capo delle suddette forze dell’ordine, ci ha consegnato 22 valori archeologici, tutti importanti.

Per i beni culturali

Ha ringraziato il Ministero degli Affari Esteri e il Consulente Legale INAH per la loro tempestiva azione nell’interrompere l’asta il 16 settembre: “Ci hanno informato della vendita e ci hanno consigliato di provare a fermare il processo. L’avviso mi è arrivato mentre ero in di turno in Toscana, Italia, ma grazie alla professionalità delle forze dell’ordine e del generale Ricardi si sono subito attivati ​​sulla vicenda e per un po’ l’asta è stata interrotta, bloccata, sospesa e lo stesso Ricardi si è assunto la sorveglianza del processo.

READ  Marcos Alonso: "In Spagna mi conoscono meno che in Italia o in Inghilterra" | Gli sport

“L’asta è stata sospesa e sono stati confiscati 17 pezzi appartenenti al paese messicano e siamo rimasti in contatto per tutta la giornata fino a quando non ha confermato che otto pezzi erano già nelle mani dei suoi collaboratori. In quel momento è stato dato il giudizio. Il nostro avvertimento è stato ricevuto, ma non sono stati consegnati agli acquirenti.” Quindi i pezzi sono nelle mani della polizia. Ed è in corso un processo legale e istituzionale per dimostrare che sono autentici e che sono stati rubati illegalmente dal Messico. Questa è una situazione esemplare, e la sottolineo perché l’Italia ha mostrato senso di responsabilità per l’unità su questo tema.