Febbraio 4, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La leggenda dei 47 samurai che hanno fatto la storia con un motore rotativo Mazda

Il motore rotativo Mazda è tornato, anche se non come lo conoscevamo ancora, e con un’applicazione al passo con i tempi. In ogni caso, è un buon momento per ricordare una storia leggendaria, che avevamo già avuto modo di raccontarvi circa sei anni fa, e che in questo momento è più che mai attuale. Storia aggiornata ovviamente con le ultime notizie da Mazda. S Una grande leggenda su come il motore rotativo sia diventato uno dei tratti distintivi di Hiroshima.

La passione di Mazda per il motore rotativo è una storia di onore, lealtà e giustizia.. L’onore di realizzare qualcosa di grande, qualcosa di sempre apprezzato in un settore in cui le probabilità sembrano essere ridotte al modello imposto dai grandi produttori, e almeno a causa della sua scala di produzione ed economia, Mazda non lo è.

La lealtà di Mazda va verso i suoi clienti, che ancora desiderano ardentemente il ritorno del motore rotativo, e verso i suoi dipendenti, che ancora una volta hanno l’onore di fare qualcosa di grande. Mazda deve rendere giustizia a una delle tecnologie che ha dato più soddisfazioni a quella di Hiroshima. La leggenda del motore rotativo Mazda è, per molte ragioni, la leggenda dei 47 samurai (i 47 rōnin).. La leggenda dei 47 ingegneri che hanno dato vita a un progetto entusiasmante, per Mazda e per l’intero settore. e la leggenda di 47 ingegneri che hanno lavorato e continuano a farlo, perché questo sogno possa essere, in tempi non meno complicati di Motore Felix Wankelavverarsi.

La leggenda del motore 47 rōnin e del primo motore rotativo Mazda

Se il numero è impreciso la colpa è di Mazda, che forse perpetuando il mito preferirebbe ricordarla così. Comunque sia, Mazda ricorda come 47 giovani ingegneri hanno combattuto come samurai per creare il primo motore rotativo. Ciò finirebbe in un’auto di produzione di massa.

Il numero è altrettanto importante. Lo stesso Kenichi Yamamoto, responsabile dello sviluppo di Mazda e considerato uno dei padri del motore rotativo, definì questi 47 ragazzi Shigeo Shishi Shisamurai 47, e 47 rōnin (vedi Wikipedia), per giustizia, in difesa del loro onore, e in una delle più grandi manifestazioni di fedeltà al Bushido, vendicarono la vita del loro padrone, anche assumendosi le terribili conseguenze che ciò avrebbe potuto comportare.

READ  Shein ha potenziato la sua capacità logistica dopo un accordo con China Southern Airlines
Felix Wankel finge di avere il suo geniale motore rotativo.

Motore Felix Wankel

All’inizio degli anni ’60, l’ex Toyo Kogyo, ora Mazda, propose di avanzare in una situazione postbellica molto complessa, distinguendosi dal resto dei produttori, sia stranieri che nazionali, con la tecnologia dissimile che tutti volevano. là in germania, Un prodigio di nome Felix Wankel concepì fin da giovane l’idea di un motore a combustione interna basato sul moto rotatoriosenza pistoni, ea questo aveva dedicato tutti i suoi sforzi negli anni del primo dopoguerra.

I macchinari industriali tedeschi di quegli anni faciliterebbero la ricerca e lo sviluppo di tecnologie che sarebbero poi state desiderate dall’intera industria automobilistica. La seconda guerra mondiale fermò questo progresso, il suo lavoro nell’industria bellica tedesca e la sua affiliazione al Partito nazionalsocialista gli sarebbe costato anche la fine in prigione dopo l’arrivo degli alleati.

Negli anni della ricostruzione tedesca lo era NSU Motorenwerkeche decenni dopo si unirà ad Auto Union e formerà quella che oggi conosciamo come Audi, salverà il progetto e presterà nuovamente denaro a Félix Wankel per sviluppare la sua tecnologia.

Primo motore rotativo Mazda

con un occhio alla germania, Mazda invierà presto i suoi ingegneri in Europa per cercare di risolvere i problemi tecnici che hanno impedito ai tedeschi di mettere in pratica il motore rotativo., un boudoir in stile dorito, o un plettro per chitarra, a cui Wankel ha accennato. Né avrebbe perso tempo a casa, poiché la Rotary Engine Development Division è stata fondata nell’aprile 1963.

Kenichi Yamamoto, che fino ad allora aveva gestito il progetto di sviluppo della nuova vettura, è a capo di un team che, secondo la leggenda, raggiungerà ben 47 ingegneri nelle aree di sviluppo, progettazione, sperimentazione e ricerca. Materiali. Mazda ricorda che durante il primo incontro del team, in un ristorante di Hiroshima, Yamamoto avrebbe iniziato il suo discorso a un team di giovani ingegneri con le seguenti parole:

Da domani, il nostro team di 47 ingegneri deve considerare questo laboratorio come la nostra casa, e il motore rotante deve essere sempre nella nostra mente, indipendentemente dal fatto che siamo svegli o addormentati.

Nacque così la leggenda dei 47 Samurai. Motore rotativo samurai Mazda.

READ  Le valute e le azioni latinoamericane avanzano, il dollaro perde lustro a causa dell'aumento della propensione al rischio di Reuters
MazdaCosmosport.

La sfida era enorme. Ma, con sorpresa di tutti, ci sono riusciti. Fu realizzata nel 1967 come coupé sportiva, e Mazda Cosmo Sportche sorprenderà non solo per la sua tecnologia, ma anche per la sua estetica.

Lontano dalla complessa storia dello sviluppo del motore rotativo Mazda e dei 47 samurai, mi scusi, ingegneri, che lo hanno realizzato, il rapporto di Mazda con il motore rotativo, lontano dall’immagine idealizzata che le moderne auto sportive fantastiche evocano per noi, e il La vittoria di Le Mans è stata complicata.

Mazda oggi può essere orgogliosa di essere l’unico produttore che ha auto prodotte in serie con motori rotativi, in diverse gamme e in tempi completamente diversi. Ma Può vantarsi dei suoi ringraziamenti per aver lottato contro la marea, superando molti imprevisti. I più notevoli sono quelli che si riferiscono alle normative sull’inquinamento.

Mazda divenne il primo e unico produttore giapponese a vincere la 24 Ore di Le Mans nel 1991 e lo avrebbe fatto con un motore rotativo.

Oltre al consumo di olio, che non deriva da un problema di progettazione, ma dal concetto stesso del motore Wankel, l’elevato consumo di carburante dei motori rotativi Mazda è un argomento che praticamente tutti continueranno a conoscere oggi. Altrimenti, hanno sentito parlare di questi motori.

Mazda ha lavorato su varie soluzioni tecniche per risolvere questo grosso problema di consumi ed emissioni per mantenere il motore rotativo nei suoi prodotti. E Mazda ottiene maggiori soddisfazioni dall’avere un folto gruppo di appassionati per i suoi motori. Ne siamo convinti anche tra gli ingegneri dei marchi concorrenti.

La soddisfazione è come Ha vinto la 24 Ore di Le Mans nel 1991. Fino ad oggi, nessun altro motore rotativo ha vinto Le Mans (e dal 2018 nessun altro produttore giapponese l’ha vinto).

READ  Perché Bill Gates ha investito in Mangrove Lithium, un'azienda senza clienti e senza profitto?

Nel 2015 abbiamo appreso che 50 ingegneri, o 47 + 3 samurai, come negli anni ’60, hanno lavorato instancabilmente per ripristinare la gloria del motore rotativo. Un motore rotante potrebbe essere il segreto meglio custodito di Mazda, o il suo segreto peggio custodito, a seconda di come lo guardi.. team di sviluppo per il nuovo motore rotativo che Mazda è stata soprannominata 16X, prima, e Skyactiv-R, in seguito, aveva lavorato, ormai, 8 anni su un nuovo motore. Quasi un decennio in cui Mazda, pur vedendo quanto sarà importante il ritorno del motore Wankel, ha escluso un ritorno, almeno a breve termine. e un decennio in cui le voci, con poco o nessun fondamento, hanno continuato ad apparire periodicamente.

Il problema per questi 50 ingegneri non è molto diverso da quello che Mazda ha dovuto affrontare dal lancio del Cosmo Sport.. Le emissioni, più che mai, hanno dettato le regole in qualsiasi sviluppo meccanico. Soprattutto, Mazda è ancora un giovane produttore, la cui attenzione nell’ultimo decennio è stata rivolta alla fattibilità dei suoi prodotti e, soprattutto, agli sviluppi non meno entusiasmanti che hanno implementato nei motori a combustione interna, in qualche modo controcorrente.

Masamichi Kogai, CEO di Mazda, ha affermato che questo sviluppo è stato una questione di lealtà verso i suoi clienti e dipendenti (vedi Notizie automobilistiche), in caso contrario, ha insistito sul fatto che ci sarebbero stati ingegneri che avrebbero abbandonato il marchio.

Ora, finirà per essere un’app Mazda seppukuPartire con onore dopo essersi conficcato un pugnale nello stomaco per preservare fedelmente e giustamente il futuro del motore rotativo?

Il problema più grande di Mazda era che, almeno con la tecnologia che conosciamo, Il suo motore rotativo non ha senso Come tale nel mondo in cui viviamo. In un momento in cui tutti i costruttori, grandi e piccoli, cominciavano a chiudere i loro sviluppi a combustione interna, per concentrare tutti i loro investimenti sul veicolo elettrico, Mazda non solo sviluppò motori diesel e benzina, quattro e sei cilindri, veramente innovativi, ma mise anche fuori per sviluppare un nuovo motore rotativo.

Negli ultimi dieci anni siamo stati molto attenti a tutte le novità di Mazda riguardanti il ​​suo motore rotativo. I vari progetti, prototipi e persino brevetti depositati da Mazda ci hanno spinto a considerare due possibili scenari. La prima, il ritorno del motore rotativo ma questa volta alimentato a idrogeno. Il secondo, che può essere utilizzato come generatore per alimentare le batterie dei veicoli elettrici.

Da questo venerdì possiamo raccontarvi esattamente come funziona il nuovo motore rotativo di Mazda.

La nuova era del motore rotativo Mazda

Il 13 gennaio 2023 è stata annunciata la nuova Mazda MX-30 e-Skyactiv R-EV, La prima Mazda a utilizzare un motore rotativo in oltre un decennio. In assenza di tanti dettagli tecnici che non vediamo l’ora di conoscere, Mazda ha confermato che questo motore rotativo, come ci aspettavamo, non si occuperà di muovere l’auto, ma fungerà solo da generatore per ricaricare alcune batterie, sfruttando questo. Ad eseguire questo tipo di motore a regime costante, e soprattutto le sue ridotte dimensioni.

Mazda ha creato un ibrido plug-in che può muoversi solo grazie al lavoro di un motore elettrico alimentato da una batteria da 17,8 kWh, che raggiunge un’autonomia elettrica di 85 chilometri. Ma, a sua volta, il motore rotativo può generare energia per ricaricare la batteria grazie al serbatoio di benzina da 50 litri, che ci assicura di poter percorrere lunghe distanze senza dover fare affidamento su una rete di caricabatterie veloci, o programmare di fermarci per ricaricare il batterie.