Maggio 19, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La lunga standing ovation in una città aveva una spiegazione

La lunga standing ovation in una città aveva una spiegazione

Il Festival di Cannes sta per iniziare e i timer sono pronti ad accogliere la standing ovation.

Da nessuna parte la durata degli applausi in piedi alle anteprime ad alta tensione è registrata e analizzata in modo più accurato che a Cannes. Un film ha ricevuto una standing ovation di otto minuti? O il pubblico è rimasto in piedi per quattro o cinque minuti?

In che modo una scala così rara risuona in tutto il mondo a pochi minuti dalla sua prima? E perché tutti stanno in piedi così a lungo? Le mani di qualcuno si sono stancate?

Tali gioiose manifestazioni di entusiasmo sono diventate un segno distintivo di Cannes, e talvolta un espediente di marketing per i film che cercano di riverberare lontano dal Boulevard de la Croisette. Se Cannes, il festival cinematografico più grande e famoso del mondo, rappresenta l’eccesso cinematografico, i suoi fragorosi applausi potrebbero sembrare rappresentare il suo più grande eccesso. Nessuno ha bisogno di una pausa bagno?

Meno noto, tuttavia, è il modo in cui Cannes modella e distorce gli applausi. Quando il pubblico si alza dopo l’inizio dello spettacolo al Grand Théâtre Lumière, il più grande schermo di Cannes, non si limita ad applaudire il film che ha appena visto.

Subito dopo la fine del film, entra un cameraman e comincia a filmare il regista ei membri del cast che sono seduti al centro del palco. Questo video viene riprodotto dal vivo sullo schermo per tutti all’interno, poiché la telecamera, spesso con molta pazienza, porta in primo piano ogni attore iconico. L’applauso non è solo per il film, è anche per ogni star.

READ  Russell Crowe e l'influenza di 'Il Gladiatore': 'Ho cambiato il modo in cui le persone mi vedevano'

Quando “Indiana Jones e il quadrante del destino” è stato recentemente presentato in anteprima a Cannes, la telecamera ha regalato a Mads Mikkelsen, Phoebe Waller-Bridge, Ethan Isidore, Harrison Ford e al regista James Mangold i loro momenti speciali per godersi i complimenti. Alla fine, le pubblicazioni con i giornalisti all’interno del teatro per misurare il tempo hanno registrato una standing ovation di cinque minuti. Variety l’ha descritta come un’accoglienza “tiepida”.

In altre parti del mondo, una standing ovation di cinque minuti sarebbe la risposta da sogno. A Cannes, a quanto pare, è quasi buono come un espresso vecchio di un giorno.

In effetti, le recensioni per “Dial of Destiny” sono state contrastanti. Ma è anche possibile che il pubblico, o le star del film, fossero stufi dopo il film di 142 minuti, preceduto da un commovente omaggio a Ford. Il giorno successivo, una Ford chiaramente emotiva ha descritto l’esperienza come “indescrivibile”.

“Il calore di questo luogo, il senso di comunità e l’accoglienza sono inimmaginabili”, ha affermato Ford. “Mi fa sentire bene.”

Gran parte della durata dell’applauso ha a che fare con il fatto che le star del film stiano spingendo verso di esso o guardando nella telecamera. Alla premiere di “Flowers of the Killer Moon” di Martin Scorsese, dopo che la troupe del film ha scattato dei primi piani, Leonardo DiCaprio e altri nel film hanno continuato ad applaudire, anche se la maggior parte del pubblico si è fermata. I membri della tribù Osage partecipanti hanno poi aggiunto vita agli applausi con forti grida celebrative.

Alla fine, i nove minuti di “Flowers of the Killer Moon” sono stati sufficienti per essere il momento clou del festival di quest’anno. Il film epico di Scorsese sta attirando i titoli dei giornali che ogni regista di Cannes desidera. I film non hanno una seconda possibilità alla prima impressione, dopo tutto.

READ  TikTok Viral: cosa ha fatto "Burrita Burrona" prima di diventare famosa in rete | cammello asino | adesivi | MX | tdex | le risposte

E per coloro che sperimentano tali risposte direttamente, possono essere molto emotive. Nel 2015, la storia d’amore degli anni ’50 di Todd Haynes “Carol” si apre a Cannes con una standing ovation di 10 minuti.

“Non credo che abbiamo fatto il conto che ci fosse una standing ovation di 20 minuti a Cannes”, dice Christine Vachon, la produttrice del film. “Ma quando ciò accade e il film viene celebrato dopo tanto lavoro, ovviamente è incredibilmente gratificante”.

La standing ovation più lunga registrata a Cannes appartiene a “Il labirinto del fauno” di Guillermo del Toro, che ha una durata di gala di 22 minuti, il tempo sufficiente per guardare un episodio di “Seinfeld” (senza pubblicità). “Fahrenheit 9/11” di Michael Moore, sulla strada per vincere la Palma d’oro al Festival di Cannes del 2004, è stato elogiato per i suoi 20 minuti. Il film di 18 minuti “Mud” di Jeff Nichols (The Kid and the Runaway) è stato acclamato nel 2012.

Gli applausi che sfidano il cronometro non sempre si traducono in qualità. “The Paperboy” di Lee Daniels non è considerato un classico moderno, ma ha ottenuto una standing ovation per il suo successo di 15 minuti nel 2012.

Cannes è sempre stata nota per le sue risposte emotive. Alcuni film molto apprezzati, come Apocalypse Now di Francis Ford Coppola, sono stati fischiati al festival. Ma è più probabile che i fischi vengano ascoltati durante le esibizioni della stampa che alle anteprime di gala ufficiali. In questi, un caloroso benvenuto è in una certa misura una questione di etichetta.

Al festival di quest’anno, i film più popolari sono stati ben accolti. May December di Haynes con Natalie Portman e Julianne Moore ha quasi eguagliato la risposta a “Carol” con una standing ovation di otto minuti. Il dramma storico di Karim Ainouz “Firebrand”, con Alicia Vikander e Jude Law, ha ottenuto lo stesso risultato. Vikander ha descritto il ruggito ad alto decibel della folla come un’esperienza commovente e indimenticabile.

READ  Enjambre torna a Los Angeles per un'esibizione esclusiva con l'orchestra

“Stavo tremando un po’”, ha detto Vikander. “Ti eccita davvero.”