Aprile 23, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La matematica non prevede molto sul futuro dei discorsi di Natale del Re

La matematica non prevede molto sul futuro dei discorsi di Natale del Re

L’estinzione delle barrette di cioccolato è qualcosa che la matematica può prevedere. Prevedono anche che, se tutto resta com'è, i discorsi di Natale del Re non dureranno altri 50 anni, e che tra breve solo chi avrà la televisione potrà vederli.


Nel 1983, Stephen Jay Gouldun brillante biologo evoluzionista dell'Università di Harvard, ha pubblicato un articolo che analizza la riduzione delle dimensioni delle sue caramelle preferite d'infanzia, le barrette di cioccolato. Hershey. Ha studiato l'evoluzione del volume e del prezzo dei lingotti, che sono diminuiti di volume dal 1950 in poi mentre il loro prezzo è aumentato rapidamente.

Gould ha stimato matematicamente che entro il 1998 una barretta di cioccolato Hersey peserebbe 0 grammi (non conterrebbe affatto cioccolato), ma il suo prezzo di mercato sarebbe di circa 47 centesimi.

Questa previsione però non va presa alla lettera, poiché Gould la espresse in tono sarcastico per illustrare le tendenze del marketing e della produzione: Nel 1998, quindici anni dopo la previsione di Gould, la tavoletta di cioccolato Hershey's più piccola disponibile era di 28 grammi, che costava 69 centesimi. . La barretta da zero grammi non è mai stata commercializzata.


Oggi, quarant'anni dopo la previsione di Gould, le tavolette di cioccolato Hershey più piccole disponibili sono da 15 grammi, che costano 59 centesimi. In futuro potrebbero essere prodotte barrette di cioccolato più piccole, ma è improbabile che venga raggiunto il limite di zero grammi.

La domanda giusta

Ma sulla base di questa esperienza possiamo fare un'analisi più rigorosa riguardo ad un'altra, più importante questione: che ne sarà dei discorsi natalizi del re di Spagna?

La scorsa vigilia di Natale Filippo VI Ha mandato il suo consueto messaggio di Natale. Nel massiccio sforzo di diffusione è stato battuto un record: un totale di 30 canali televisivi diversi lo hanno trasmesso contemporaneamente.

READ  Perché i negozi limitano l'acquisto di carta igienica nel paese?

È servito a poco. Il messaggio natalizio del Re perse ancora una volta gran parte del pubblico. In questa occasione è stato visto da 700.000 telespettatori in meno rispetto all'anno precedente. È stato il secondo numero di spettatori più basso della storia da quando si è iniziato a misurare il numero di spettatori nel 1992.


Oggi solo uno spagnolo su otto vede il messaggio natalizio del Re. E che, secondo diversi esperti televisivi, molte persone vivono nella cosiddetta “”Pubblico ricettivo“: Guarda il messaggio del Re perché in TV non c’è quasi nient’altro, e lui accende la TV a quell’ora per abitudine. Ancora più preoccupante è che il pubblico del messaggio natalizio del Re ricade soprattutto tra gli under 25.

Tendenze al ribasso

Dall’inizio di un’attenta registrazione, l’ascolto dei messaggi natalizi di Juan Carlos I e Felipe VI ha registrato una notevole tendenza al ribasso nel corso degli anni, soprattutto a partire dal 2017, anno della sfida all’indipendenza catalana.

Sono finiti i tempi in cui i messaggi natalizi del Re raggiungevano quasi il 95% del pubblico, come è successo nel 2020. Era l'anno del confinamento per il coronavirus in cui è subentrato il Re emerito. Juan Carlos IHa lasciato la Spagna dopo che i suoi conti bancari sono stati scoperti nei paradisi fiscali.

Da allora, il pubblico del discorso di Natale del re ha iniziato a diminuire, in gran parte a causa dell'emergere di altri programmi televisivi più attraenti che condividono la fascia oraria con il discorso reale.

Molti professionisti della TV commentano “Piccolo comitato“ Qualsiasi programma che perde 700.000 spettatori in un anno smetterà di trasmettere. Sorprendentemente, la tendenza è esattamente opposta: più spettatori si perdono, più le reti televisive trasmetteranno il messaggio natalizio del Re.

READ  Ascend e Samsung SDI raggiungono l'accordo sull'annullamento del brevetto Trinohex® Ultra

fino a quando?

Di fronte a tali tendenze, qualunque studioso curioso si chiederà per quanto tempo il messaggio natalizio del Re continuerà a perdere pubblico e, allo stesso tempo, quante reti televisive trasmetteranno i futuri messaggi natalizi dell'attuale Re.

La matematica può aiutarci. I matematici ricorrono spesso alla strategia di portare i modelli all’estremo. Seguendo questa strategia, la domanda diventa chiara: se il Discorso di Natale del Re ha un pubblico sempre più piccolo, ma sempre più reti televisive lo trasmettono… quando si arriverà al punto in cui l'audience tende a zero, ma il numero di canali che trasmettono è massimo (tendente all'infinito)?

La portata politica di questo approccio sportivo è rilevante per il futuro della Spagna, anche se possiamo considerarlo solo come un indicatore (piuttosto che globale).

Strumento sportivo

Potente strumento matematico e Analisi di regressione, può aiutarci a raggiungere questo obiettivo. È un processo statistico che ci permette di capire come una variabile dipende da un'altra. Ad esempio, vogliamo studiare in che modo la nostra età influisce sulla nostra ricchezza. L’idea è semplice: in generale, col tempo, diventiamo un po’ più ricchi. Possiamo usare la regressione per trovare la relazione tra età e ricchezza. Per fare questo, ci rivolgiamo a coppie di dati: quanti soldi avevamo a 18 anni, quanto avevamo a 19,…, e quanto avevamo a 65…

Se lo facciamo con un campione rappresentativo della popolazione (molte persone provenienti da classi sociali e luoghi diversi), possiamo capire in che misura l’età influisce sulla ricchezza totale delle persone. Semplificando molto, possiamo capire cosa significa regressione tracciando questi punti (età di ricchezza) su un grafico in cui sull'asse orizzontale è rappresentata l'età mentre sull'asse verticale è rappresentata la ricchezza. La nuvola di punti risultante mostra la relazione tra età e ricchezza. Nel complesso possiamo vedere la tendenza.

READ  L'acquisizione e la gestione dei dati ambientali come strumento chiave per una trasformazione sostenibile

Naturalmente la matematica utilizza procedure diverse (es I minimi quadrati sono appropriati) per determinare la relazione tra due variabili. Ma l’idea intuitiva alla base dell’analisi di regressione è semplice. Tuttavia, il rigoroso approccio matematico alla regressione si rivela uno strumento molto prezioso perché permette di comprendere come evolvono insieme due variabili e, grazie a ciò, di prevederne i valori futuri.

Previsioni notevoli

Applicando l'analisi di regressione agli ascoltatori del discorso di Natale del Re negli ultimi 30 anni, otteniamo risultati sorprendenti. Se le cose continuano così, non dovremo aspettare molto per raggiungere la situazione estrema. In soli 50 anni, quasi 120 reti televisive trasmetteranno il vero messaggio natalizio il cui pubblico sarà molto vicino allo 0 telespettatori.

Al massimo, nessuno spagnolo sentirebbe il vero messaggio di Natale, anche se lo trasmettessero tutte le reti televisive del paese. Ma senza arrivare a tanto, la regressione prevede anche che non dovremo aspettare più di qualche anno affinché l’intero pubblico del messaggio natalizio del Re diventi un “pubblico prigioniero”.

Continuità della monarchia

Forse questo disinteresse per i messaggi reali non è altro che un sintomo della domanda crescente che la monarchia genera tra gli spagnoli, soprattutto tra i più giovani che, secondo varie statistiche, la maggior parte la respingono. Diversi sondaggi condotti negli ultimi anni indicano inoltre che la maggioranza degli spagnoli preferirebbe votare un referendum sulla continuità della monarchia.

In questo contesto vale la pena chiedersi: esiste uno strumento matematico in grado di prevedere quanto durerà la monarchia? Lo vedremo presto qui a Tendencias21.