martedì, Giugno 25, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

La missione dell’OAS in Guatemala proseguirà nonostante la sospensione del processo di transizione: cresce la tensione tra Almagro e la Procura

Nell’ultimo incontro della Missione dell’OAS in Guatemala con il Procuratore Consuelo Porras, il Segretario Generale Luis Almagro è stato registrato senza preavviso dal Pubblico Ministero. Foto: MP

(Washington, Stati Uniti) Le ultime ore dentro Guatemala Erano di nuovo disturbati. La settimana è iniziata bene, ma nel giro di poche ore è andata fuori strada. Lunedì il presidente eletto Bernardo Arevalo Il secondo incontro transitorio si è tenuto con il presidente ad interim, Alessandro Giamatti, dove ha ottenuto molte informazioni di prima mano con dati sull’amministrazione. Tutto ciò è osservato dal Segretario Generale Organizzazione degli Stati Americani (OAS), Luis Almagro.

Ventiquattr’ore dopo, tutto ciò che c’era di buono in quell’incontro era sparito. La prosecuzione Martedì le forze di sicurezza hanno fatto irruzione nella sede della Corte elettorale suprema Cominciarono ad aprire le cassette in cui erano conservati i votiQuesto è qualcosa che l’Organizzazione degli Stati Americani, il governo eletto e la Corte stessa hanno considerato una questione Un attacco diretto alla democrazia

La legge elettorale del Guatemala prevede che l’unico organo autorizzato a gestire i voti sia il Tribunale Supremo Elettorale, e questa irruzione, effettuata da funzionari della Procura accusati di corruzione, rappresenta un altro duro colpo a un processo elettorale che è stato in gran parte controverso a causa dell’ingerenza giudiziaria .

Bernardo Arévalo (Reuters/Cristina Chicoin)

La notte dello stesso giorno, Arévalo convocò una conferenza stampa nella quale riteneva che gli eventi compiuti dalla Procura (MP) presso le strutture della Borsa di Tokio facessero parte di un’operazione “Il colpo di stato è in corso.”

Il Presidente eletto ha chiesto le dimissioni del procuratore Consuelo Porras, così come del procuratore che attua queste procedure, Rafael Corochici, e del giudice Freddy Orellana. Chi ha contribuito a questi movimenti? Boras, Corochichi e Orellana sono sulla lista nera degli Stati Uniti che segnala i funzionari corrotti nella regione e gli è vietato entrare nel paese nordamericano.

READ  L'Avana e Washington intensificano il loro impulso diplomatico alla vigilia del Vertice delle Americhe | internazionale

“I guatemaltechi, leader del colpo di stato, devono dimettersi. Il procuratore Consuelo Porras, il procuratore Rafael Corrocheci e il giudice Freddy Orellana, in un’alleanza dannosa, hanno creato una nuova escalation nel colpo di stato in corso”, ha detto Arevalo in una conferenza stampa.

Ciò che ha sorpreso alcuni funzionari diplomatici di Washington che seguono da vicino ciò che sta accadendo in Guatemala riguardo alle azioni del presidente eletto è: La decisione di sospendere il periodo transitorio. Ciò, in particolare, rappresenta una sfida per l’Organizzazione degli Stati americani.

Il Presidente eletto del Guatemala, Bernardo Arévalo, con il Presidente uscente, Alejandro Giammattei, e il Segretario Generale dell’Organizzazione degli Stati Americani, Luis Almagro, nel secondo incontro transitorio svoltosi lunedì 11 settembre (Presidenza del Guatemala)

L’organizzazione, promossa dagli Stati Uniti e da paesi come Canada, Cile, Antigua e Barbuda e altri, ha prestato molta attenzione a quanto accade nel Paese centroamericano. Dopo diverse sessioni del Consiglio Permanente in cui è stata analizzata la situazione, lo scorso agosto i paesi hanno rilasciato una dichiarazione unanime in cui condannavano quella che consideravano “un’intimidazione” da parte della Procura Generale contro la Corte Elettorale Suprema e il governo eletto.

A seguito di questa decisione, l’Organizzazione degli Stati Americani ha avviato una nuova missione di monitoraggio per monitorare il processo di transizione. Almagro è a capo di quella missione ed era nel paese per presenziare agli incontri tra Giamatti e Arévalo.

Come spiega L informazione Fonti dell’organizzazione, La missione guidata da Almagro continuerà nonostante lo stop del processo di transizione.

Gli informatori hanno indicato l’Organizzazione degli Stati Americani, Continuerà a monitorare e controllare il processo di transizione anche se non ci saranno incontri tra il presidente ad interim e il presidente eletto. Una fonte stima che la missione, invece, dovrebbe raddoppiare gli incontri, per mantenere i contatti con Giammattei e le sue squadre di governo, e con Arévalo.

READ  La missione dell'Etiopia presso le Nazioni Unite condanna il massacro di oltre 100 bambini ad Afar

La tensione tra Almagro e i pubblici ministeri è aumentata dopo la settimana scorsa, in un incontro tenutosi martedì 5 settembre. Il Segretario Generale è stato registrato senza preavviso dai funzionari guatemaltechi. Quando glielo hanno detto, il segretario generale si è alzato e ha lasciato la riunione, ha detto Kurochichi martedì.

Il Consiglio Permanente dell’Organizzazione degli Stati Americani, con il consenso unanime di tutti i paesi delle Americhe, aveva chiesto ad Almagro di incontrare nuovamente il rappresentante per confermare ai pubblici ministeri che “l’importanza della separazione dei poteri è essenziale per l’esercizio della democrazia e che l’utilizzo del sistema legale come strumento di intimidazione e di alterazione scorretta dei risultati elettorali è inaccettabile”.

Almagro ha portato questa lettera e i querelanti hanno risposto durante la riunione e successivamente. Dopo l’incontro, Boras ha rilasciato una dichiarazione alla stampa in cui non ha accettato domande e ha affermato che “nessuna autorità può essere considerata intimidatoria”.

Ma la cosa più tesa è avvenuta durante quell’incontro, come si è scoperto in seguito. Corochici ha rimproverato Almagro per l’atteggiamento scettico dell’OAS nei confronti del suo lavoro. “La sua posizione mi sembra molto avventata e la interpreto come una chiara ingerenza nel mandato costituzionale del Pubblico Ministero.“Korochichi glielo ha detto, secondo un video dell’incontro pubblicato dalla procura su TikTok.

“Lo interpreto come una chiara ingerenza nel mandato costituzionale che ha il Pubblico Ministero di indagare, come se qualcuno dicesse che non indagano su Simela, non ne vale la pena, signor Segretario, glielo dico con il massimo rispetto, l’indagine continuerà .” Kurochishi ha insistito sul fatto che l’indagine continuerà “per seguire il mandato costituzionale che abbiamo”.

Sono aumentate le tensioni tra l’OAS e la Procura Generale del Guatemala dopo un recente incontro in cui il Segretario Generale si è registrato senza preavviso.

Come mostrato in un altro video pubblicato dal rappresentante, Almagro gli ha risposto. Alzò la mano e chiese di intervenire “per una mozione d’ordine” e disse: “Questo non è mai stato chiesto. Non abbiamo mai chiesto che nessuno fosse indagato”. Lo si sente nel video che la Procura ha tradotto e diffuso.

READ  Il presidente Bukele invierà un messaggio ai salvadoregni

Poi si sente, con una voce migliore perché il pubblico ministero aveva un microfono, la risposta di Kurochichi. “Sì, è così che lo spiego.”Lo ha detto il pubblico ministero.

“Non puoi spiegarlo perché ti sto dicendo esplicitamente di no.” disse Almagro, chiaramente seccato.

Quando il segretario generale dell’OAS ha scoperto che veniva registrato senza permesso, si è alzato e ha lasciato la riunione, ha detto lunedì Kurochichi.

Dopo l’irruzione di martedì 12 in alcuni uffici della Borsa di Tokyo dove venivano conservati i voti elettorali, il pubblico ministero ha fatto nuovamente riferimento ad Almagro. Ha detto che il suo ufficio presenterà presto le presunte prove contro il movimento Simela e che vorrebbe che fosse presente il Segretario Generale dell’Organizzazione degli Stati Americani.

“Vorremmo che Luis Almagro fosse presente a questo incontro, quando presenteremo questi risultati, così come altri attori della società, quindi se la lotta è contro la corruzione e l’impunità, beh, deve iniziare da noi”. Ha detto Kurochichi dopo il raid, secondo quanto ha detto Stampa libera.

Il procuratore anti-corruzione Rafael Corrocheci (AP Photo/Moisés Castillo)

Martedì sera la missione di monitoraggio dell’Organizzazione degli Stati americani ha rilasciato una nuova dichiarazione in cui condanna i raid e l’apertura delle urne.

“Queste azioni costituiscono un’ulteriore prova che il Pubblico Ministero, lungi dall’adeguare le sue procedure agli standard democratici, ha intensificato la strategia di screditare il processo elettorale e intimidire le autorità elettorali, i funzionari elettorali e migliaia di persone che, con enorme impegno civile, hanno condotto due giorni del voto”, ha affermato l’OAS in modo pacifico e trasparente.

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles