Giugno 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La missione NuSTAR della NASA celebra 10 anni di studio dell’universo ai raggi X – Madrid Deep Space Communication Complex

Dopo un decennio di osservazione di alcune delle regioni più calde, dense e vivaci del nostro universo, questo piccolo ma potente telescopio spaziale ha molta vita davanti a sé.

L’array Nuclear Spectroscopic Telescope (NuSTAR) della NASA ha 10 anni. postato su 13 giugno 2012, questo telescopio spaziale rileva la luce a raggi X ad alta energia e studia alcuni degli oggetti e dei processi più energetici dell’universo, dai buchi neri che divorano gas caldo ai resti radioattivi delle stelle che esplodono. Ecco alcuni dei modi in cui NuSTAR ci ha dato uno sguardo all’universo ai raggi X negli ultimi dieci anni.

Detecciones de rayos X en el sistema solar 

Diversi colori della luce visibile hanno lunghezze d’onda ed energie diverse; Allo stesso modo, esiste una banda di raggi X (o onde luminose di energie superiori) che l’occhio umano non è in grado di rilevare. NuSTAR rileva i raggi X all’estremità superiore dell’intervallo. Non ci sono molti oggetti nel nostro sistema solare che emettono raggi X che Neustar può rilevare, ma il Sole sì: raggi X ad alta energia Viene dalle ciglia fini, o piccole esplosioni di particelle e luce sulla sua superficie. Le osservazioni di NuSTAR aiutano a fornire informazioni sulla formazione dei più grandi bagliori, che possono danneggiare astronauti e satelliti. Questi studi potrebbero anche aiutare gli scienziati a spiegare perché la regione esterna del sole, la corona, è più calda della sua superficie. Recentemente ho notato anche Neustar Raggi X ad alta energia da Gioverisolvi il mistero del perché non è stato scoperto in passato.

I raggi X del Sole (in verde e blu) nelle osservazioni NuSTAR della NASA provengono da gas a una temperatura di oltre 3 milioni di gradi Celsius. I dati del Solar Dynamics Observatory della NASA (in arancione) mostrano il materiale a una temperatura di circa 1 milione di gradi Celsius.
Credito: NASA/JPL-Caltech/GSFC.
Dando visibilidad a Agujeros Negros

I buchi neri non emettono luce, ma alcuni dei buchi più grandi che conosciamo sono circondati da dischi di gas caldo che brillano a diverse lunghezze d’onda della luce. Neustar può mostrare agli scienziati Cosa succede alla sostanza più vicina? In un buco nero, rivelando buchi neri Produce lampi luminosi S sbuffi di gas caldo Si estende per migliaia di anni luce nello spazio. la missione Cambiamenti di temperatura misurati Nei venti dei buchi neri che interessano la formazione stellare nel resto della galassia. Recentemente, l’Event Horizon Telescope (EHT) ha ottenuto le prime immagini dirette delle ombre dei buchi neri e NuSTAR ha fornito supporto. Insieme ad altri telescopi della NASA, NuSTAR ha scansionato i buchi neri alla ricerca di bagliori e cambiamenti di luminosità che influenzerebbero la capacità dell’EHT di visualizzare le ombre che proietta.

READ  Hai un Galaxy S22 Ultra? Beh, prega che non si rompe perché le riparazioni sono molto complicati.

Uno dei più grandi successi di NuSTAR in questo campo è stato realizzare il primo. Una misura inequivocabile della rotazione di un buco nero, in collaborazione con la missione XMM Newton dell’Agenzia spaziale europea (ESA). La rotazione è il grado in cui l’intensa gravità di un buco nero fa deformare lo spazio circostante e la misurazione ha contribuito a confermare aspetti della teoria della relatività generale di Albert Einstein.

Questa illustrazione mostra un buco nero circondato da un disco di accrescimento fatto di gas caldo e un getto che si estende nello spazio. Il telescopio Neustar della NASA ha aiutato a misurare la distanza percorsa da questi getti prima che “funzionano” e diventino sorgenti di luce brillante, una distanza nota anche come “regione di accelerazione”.
Credito: NASA/JPL-Caltech.
Encontrando agujeros negros ocultos

nessuna stella seleziona decine di buchi neri nascosti dietro dense nubi di gas e polvere. La luce visibile non può passare naturalmente attraverso queste nuvole, ma la luce a raggi X ad alta energia rilevata da NuSTAR può farlo. Ciò consente agli scienziati di stimare il numero totale di buchi neri nell’universo. Negli ultimi anni, gli scienziati hanno utilizzato i dati Neustar per scoprire Come sono intrappolati questi giganti? Con queste nuvole dense, in che modo questo processo influisce sul loro sviluppo e in che modo è associato l’oscuramento L’effetto di un buco nero sulla galassia circostante.

NuSTAR è il primo telescopio spaziale in grado di focalizzare i raggi X ad alta energia. Questo striscione colorato è stato realizzato per celebrare il decimo anniversario della missione.
Credito: NASA/JPL-Caltech.
Revelando el poder de las estrellas 'no muertas'

NuSTAR è una specie di cacciatore di zombi: è abile nel trovare cadaveri dalle stelle. Questi oggetti sono conosciuti come stelle di neutroni, che sono dense pepite di materiale rimasto dopo che una stella massiccia esaurisce il carburante e collassa. Sebbene le stelle di neutroni abbiano solitamente le dimensioni di una grande città, sono così dense che ne basta un cucchiaino Peserà circa un miliardo di tonnellate sulla Terra. La loro densità, unita ai loro forti campi magnetici, rendono questi oggetti molto energetici: la stella di neutroni nella galassia M82 emette l’energia di 10 milioni di soli.

READ  Avvertimento della NASA sull'enorme asteroide 4660 (perché "potenzialmente pericoloso" e cosa ha a che fare con la Terra l'11 dicembre)

Senza Neustar, gli scienziati non avrebbero scoperto quanto potrebbero essere energetiche le stelle di neutroni. Quando l’oggetto è stato scoperto in M82, i ricercatori credevano che solo un buco nero potesse generare così tanta energia in una regione così piccola. Il NuSTAR è riuscito a confermare la vera identità dell’oggetto Rilevando le pulsazioni dalla rotazione della stella, da allora ha dimostrato che molte sorgenti di raggi X ultraluminosi, precedentemente ritenute buchi neri, sono in realtà stelle di neutroni. Sapere quanta energia possono produrre ha aiutato gli scienziati a comprendere meglio le loro proprietà fisiche, che sono diverse da qualsiasi cosa si trovi nel nostro sistema solare.

Resolviendo los misterios de las supernovas

Durante la loro vita, le stelle sono per lo più sferiche, ma Note Neustar Ha mostrato che quando esplodono come supernove, diventano una catastrofe asimmetrica. Un telescopio spaziale ha risolto un grande mistero nello studio delle supernove mappando il materiale radioattivo di due starburst, tracciando la forma dei detriti e rilevando in entrambi i casi. Grandi deviazioni dalla forma sferica. Grazie alla visione a raggi X di NuSTAR, gli astronomi hanno già indizi su cosa sta succedendo in un ambiente che sarebbe praticamente impossibile da indagare direttamente. Le osservazioni di NuSTAR indicano che l’interno della stella era molto turbolento al momento dell’esplosione.

Más información sobre la misión

NuSTAR è stato lanciato il 13 giugno 2012. Il principale investigatore della missione è Fiona Harrison, presidente del Dipartimento di Fisica, Matematica e Astronomia del Caltech, con sede a Pasadena, in California. La missione Small Explorer, gestita dal Jet Propulsion Laboratory dell’agenzia nel sud della California per la direzione della missione scientifica della NASA a Washington, è stata sviluppata da NuSTAR in collaborazione con la Danish Technical University (DTU) e l’Agenzia spaziale italiana (SO). La parte ottica del telescopio è stata costruita dalla Columbia University e dal Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, e dalla DTU. Il veicolo spaziale è stato costruito da Orbital Sciences Corp. a Dallas, Virginia. Il centro operativo della missione NuSTAR si trova presso l’Università della California, a Berkeley, e l’archivio dati ufficiale si trova presso il Centro di ricerca dell’archivio di scienze astrofisiche ad alta energia della NASA. L’ASI fornisce la stazione di terra della missione e l’archivio dati mirror. Il California Institute of Technology gestisce il Jet Propulsion Laboratory della NASA.

READ  Lo schermo di gioco LG è stato abbassato in Worten

notizie originali (in inglese)

Edizione: R. Castro.