Dicembre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La moda si protegge dai prodotti contraffatti nel metaverso | Affare

Dal podio di Milano al podio di New York e da lì al Metaverso. Le maison di haute couture non presentano più esclusivamente i loro modelli nelle sfilate di moda, ma lo fanno anche in un tipo di mondo virtuale che, come se fosse un videogioco, cercano di entrare letteralmente nelle persone attraverso occhiali 3D. Dolce & Gabbana, Tommy Hilfiger o Karl Lagerfeld sono state alcune delle aziende che hanno partecipato alla prima Metaverse Fashion Week, che si è tenuta quest’anno a Piattaforma di realtà virtuale decentralizzata.

L’obiettivo di alcuni di questi marchi è quello di mescolare l’abbigliamento fisico con quello digitale per decorare avatar di modelli costruiti da diverse aziende o videogiochi, un settore in cui sono sbarcati Valentino, Gucci o Balenciaga. Secondo Morgan Stanley, infatti, nel 2030 il metaverse raccoglierà il 10% delle vendite del lusso, con un valore stimato di 50.000 milioni di euro. Tuttavia, questo universo pone molte sfide legali. Il primo riguarda come proteggere i disegni intoccabili dall’imitazione.

Un bivio che Pronovias ha recentemente affrontato, utilizzando il quale ha disegnato tre abiti icone Non materiali di consumo o NFT sulla scia di matrimoni che si svolgono nei metaversi. Ispirate al lusso di Versailles, queste cartelle mostrano diversi stili di abiti da sposa nel mondo materiale: dal taglio principessa al taglio sirena, passando per il genere grande taglia. Come spiega Ana Fornes, avvocato dello studio spagnolo, la prima cosa che hanno fatto è stata “estendere la registrazione del marchio Pronovias per includere gli NFT”, ovvero certificazioni che attraverso crittografia e tecnologia blockchain Determina chi possiede in modo univoco queste risorse digitali Proteggili dalla contraffazione virtuale.

READ  Dragon Ball Super: la reazione dei fan alla nuova apparizione di Gohan in Super Hero | Sfera del drago | anime | quanto | Messico | gioco sportivo

Il compito era come fare il merletto vergine. Questo è perché Bella valutazione internazionaleche raccoglie prodotti e servizi che possono essere registrati tramite un marchio, non fa riferimento al metaverso perché è un progetto per il mondo Non in linea in linea (non in linea in linea). Inoltre, poiché nel diritto dei marchi prevale il principio di specializzazione, se un marchio è registrato solo nella classe Nice 25, che si riferisce all’abbigliamento, alle calzature e ai copricapi delle persone, ci sono dubbi sul fatto che la tutela si estenda anche ai prodotti tessili digitali.

Secondo le linee guida dell’Ufficio europeo della proprietà intellettuale (EUIPO), che entreranno in vigore dal 2023, l’avvocato di Pronovias raccomanda di “richiedere nuove registrazioni”. Pertanto, le NFT di moda immateriali devono essere protette da un’affermazione Nice di Classe 9, che definisce icone come “file digitali scaricabili”. Tuttavia, il corpo richiede di “scendere nei dettagli” e specificare nello specifico ciò che si desidera proteggere, ad esempio “un vestito o un velo in un formato digitale presentato in NFT”. Inoltre, le categorie 35, 41 e 42 sono importanti rispettivamente per mantenere la “commercializzazione” di questi prodotti. icone Negli ambienti virtuali, “servizi di intrattenimento, come l’organizzazione di una parata nel metaverso” e “l’architettura del computer dietro NFT”, spiega Forns.

Hermes e Nike

Se le mode immateriali non vengono registrate correttamente, le aziende potrebbero dover affrontare cause legali come Metabirking, avverte Christina Mesa, partner per la proprietà industriale e intellettuale di Garrigues. A gennaio, Hermes ha intentato una causa a New York contro di essa Mason Rothschild, produttore di NFT che emulano l’iconica borsa Birkin una casa Francese. Hermès sostiene che l’artista non abbia utilizzato il suo marchio e la forma distintiva di Birkin, il che potrebbe creare confusione nei consumatori. Al contrario, Rothschild sostiene che gli NFT non sono una copia, ma una creazione artistica risultante dalla loro libertà di espressione. Sebbene non sia stato ancora emesso alcun verdetto, il mondo di Diritto della moda (Moda giusta) Non vedo l’ora. “Fare opere d’arte è una cosa e fare una serie è un’altra. Il problema qui è che c’è profitto”, dice Mesa, poiché Rothschilds ha prodotto cento Metaperkin, che sono stati venduti per un valore stimato di oltre $ 1 milione.

READ  Il pioniere del grunge Mark Lanigan muore a 57 anni

Un’altra importante causa legale che il settore della moda digitale ha dovuto affrontare dall’inizio di quest’anno è quella tra Nike e la società di e-commerce StockX, aggiunge l’avvocato di Garrigues. La piattaforma presentava una serie di NFT ispirati alle sneakers fisiche, che potevano essere ottenute acquistando e riscattando il token. Inizialmente, Nike ha affermato che la piattaforma stava utilizzando il suo marchio senza il permesso di vendere NFT, che avevano prezzi diversi, fino a otto volte il prezzo delle scarpe da ginnastica Nike. In seguito ha affermato che alcune delle scarpe da ginnastica fisiche vendute da StockX erano false. Tuttavia, la piattaforma afferma di non violare i diritti di Nike, che sta cercando di “minare il suo modello di business”.

afferma Mariano Santos, partner per la proprietà industriale e intellettuale di Bird & Asfour. Non invano, secondo gli ultimi dati dell’EUIPO, a partire dal 2020 le perdite per frode in Spagna per le aziende ammontavano ad almeno 2.200 milioni di euro all’anno, mentre nell’Unione Europea nel suo insieme ammontano a 19.000 milioni. Un buco che, senza una soluzione precauzionale, crescerà con il metaverso.

paese mattutino

Sveglia con l’analisi di oggi di Port Berna Gonzalez

lo ricevette