Febbraio 2, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La NASA mostra l’inverno su Marte: cubetti di ghiaccio, paesaggi ghiacciati, nevischio e temperature gelide

aggiornato

Perché l’inverno raggiunga Marte, devono passare molti mesi a causa della sua orbita ellittica, rendendo un anno su questo pianeta equivalente a circa due anni sulla Terra.

Dune di ghiaccio su Marte.NASA/JPL-Caltech/Università dell’Arizona

il una pentola Mostra com’è l’inverno Marte, dove la neve ha la forma di un cubo, il paesaggio gela e il gelo è accompagnato da temperature sotto lo zero. Nello specifico, le temperature più fredde si raggiungono ai poli pianeta rossoDove raggiunge i 123 gradi sotto zero.

Nonostante il freddo, nessuna regione di Marte riceve più di pochi centimetri di neve, e la maggior parte cade in aree molto pianeggianti, quindi non ci sono grandi cumuli di neve. Perché l’inverno raggiunga Marte, occorrono diversi mesi a causa della sua orbita ellittica, rendendo un anno sul pianeta l’equivalente di circa due anni sulla Terra.

Tuttavia, il pianeta presenta fenomeni invernali unici che gli scienziati hanno potuto studiare grazie a Esploratori robotici Dalla NASA Marte. Pertanto, la neve marziana è di due tipi: acqua e ghiaccio di anidride carbonica o ghiaccio secco.

“Se non vedi l’ora di sciare, dovrai andare su un cratere o una scogliera, dove la neve può accumularsi su una superficie inclinata”, ha spiegato lo scienziato del laboratorio della NASA nel sud della California. Sylvain Piceau.

La neve si verifica solo nelle estremità più fredde di Marte: ai poli, sotto la copertura nuvolosa e di notte. Le telecamere sui veicoli spaziali in orbita non possono vedere attraverso quelle nuvole e le missioni di superficie non possono sopravvivere al freddo estremo. Di conseguenza, non sono mai state scattate foto della neve che cade, ma gli scienziati sanno che sta accadendo grazie ad alcuni speciali strumenti scientifici.

READ  Cosmo. Un'incredibile immagine di galassie e un raro fenomeno catturato dal telescopio Hubble
glassa d
Gelo di anidride carbonica e ghiaccio sulle dune di sabbia di Marte.NASA/JPL-Caltech/Università dell’Arizona

Nello specifico, il Mars Reconnaissance Orbiter della NASA può guardare attraverso la copertura nuvolosa utilizzando il suo strumento Il clima marziano più sicuro, che rileva la luce in lunghezze d’onda impercettibili all’occhio umano. Questa capacità ha permesso agli scienziati di rilevare la neve di anidride carbonica che cade sulla Terra.

Nel 2008, la NASA ha inviato la sonda Fenice a circa 1.000 miglia dal polo nord marziano, dove ha utilizzato uno strumento laser per rilevare la neve ghiacciata sulla superficie.

A causa del modo in cui le molecole d’acqua si uniscono quando si congelano, i fiocchi di neve si formano sul ghiaccio la terra Hanno sei lati. Nel caso dell’anidride carbonica, le particelle di ghiaccio secco si attaccano sempre come quattro quando si congelano. “Poiché il ghiaccio di anidride carbonica ha una simmetria di quattro, sappiamo che i fiocchi di neve secchi saranno a forma di cubo”, ha detto Becchio, osservando che questi fiocchi di neve “sarebbero più piccoli della larghezza di un capello umano”.

Sia l’acqua che l’anidride carbonica possono formare brina su Marte, ed entrambi i tipi di gelo si verificano più ampiamente in tutto il pianeta rispetto alla neve. Veicoli da sbarco Vichingo Hanno visto l’acqua ghiacciata quando hanno studiato Marte negli anni ’70, mentre erano in orbita Epico La NASA ha osservato la formazione di brina.

Alla fine dell’inverno, quando il ghiaccio accumulato inizia a “scongelarsi”, assume forme bizzarre e belle che ricordano agli scienziati “ragni, macchie dalmate, uova fritte e formaggio svizzero”.

READ  Uno studio colombiano sulle ali di farfalla Scienza - scienza - copertina

Questo “scioglimento” provoca anche l’eruzione dei geyser: il ghiaccio trasparente consente alla luce solare di riscaldare il gas sottostante, e quel gas alla fine erutta, inviando ventagli di polvere in superficie. In effetti, gli scienziati hanno iniziato a studiare questi ventilatori come un modo per saperne di più sul modo in cui soffiano i venti marziani.

di serie

Progetto Fiducia

saperne di più