sabato, Giugno 22, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

La navicella spaziale OSIRIS-APEX è passata con successo vicino al Sole

La sonda spaziale Osiris Apex continua il suo viaggio attraverso il sistema solare dopo essere passata vicino al sole
Francisco Martin Leon

Francisco Martin Leon 7 minuti

Come hai menzionato NASA in spagnoloGli ingegneri di missione ne erano fiduciosi Veicolo spaziale OSIRIS-APEX La NASA può resistere Il suo passaggio più vicino al sole Il 2 gennaio 2024. I loro modelli lo avevano previsto, nonostante il viaggio 40 milioni di chilometri più vicini al calore cocente del sole Per quello per cui è stato originariamente progettato, OSIRIS-APEX e i suoi componenti saranno comunque sicuri.

Il team della missione lo ha confermato L’astronave è fuggita illesa dall’esperimento dopo aver scaricato i dati telemetrici memorizzati a metà marzo 2024. Il team ha anche testato gli strumenti OSIRIS-APEX all’inizio di aprile, una volta che la sonda era abbastanza lontana dal Sole per tornare alle normali operazioni. Tra dicembre 2023 e marzo, OSIRIS-APEX è stato inattivo e per il team sulla Terra erano disponibili solo dati telemetrici limitati.

La buona salute della navicella spaziale è dovuta all’ingegneria creativa. Gli ingegneri hanno posizionato OSIRIS-APEX con un orientamento fisso rispetto al sole e hanno riposizionato uno dei suoi due pannelli solari per ombreggiare i componenti più sensibili della navicella durante il passaggio.

Entrambe le immagini, scattate da una fotocamera chiamata StowCam a bordo di OSIRIS-APEX, mostrano la stessa immagine scattata a sei mesi di distanza, prima (a sinistra) e dopo (a destra) il perielio il 2 gennaio 2024. In particolare, non ci sono differenze evidenti nella superficie di la navicella, che è un indicatore. Fortunatamente, le alte temperature incontrate durante il perielio non hanno alterato la navicella. Un altro indizio tratto dall’esposizione identica nelle due immagini è che anche le prestazioni della fotocamera non sono state influenzate dal perielio. StowCam, un dispositivo di imaging a colori, è una delle tre telecamere che compongono TAGCAMS (Touch and Go Camera System), parte del sistema di guida, navigazione e controllo OSIRIS-APEX. Fonte: NASA/Università dell’Arizona/Lockheed Martin

La navicella spaziale si trova in un’orbita ellittica attorno al sole Ciò lo avvicina al sole, chiamato perielio, circa ogni nove mesi. Per seguire un percorso che le permetterà di raggiungere il suo nuovo obiettivo, Apophis, nel 2029, il percorso della navicella include diversi perieli più vicini al Sole di quanto i componenti della navicella fossero stati originariamente progettati per contenere.

È straordinario quanto bene la configurazione della nostra navicella protegga OSIRIS-APEX, quindi sono davvero incoraggiato da questo primo passaggio al perielio.“, Egli ha detto Ron visoneingegnere di sistemi di missione per OSIRIS-APEX, con sede presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland.

READ  La NASA lancia la sua nuova missione spaziale, IXPE, per misurare gli oggetti estremi nell'universo

Oltre a confermare che il perielio di gennaio si è sviluppato come previsto, gli ingegneri hanno trovato sorprese durante i test sui componenti della navicella. Alcuni strumenti hanno funzionato meglio del previsto Dopo averli esposti a temperature più elevate.

La fotocamera che ha contribuito a mappare l’asteroide Bennu e che farà lo stesso su Apophis ha registrato un calo del 70%”Pixel caldiDal 13 aprile 2023, l’ultima volta che è stato testato. I pixel caldi, comuni nelle fotocamere spaziali più utilizzate, appaiono come punti bianchi nelle immagini quando i rilevatori accumulano esposizione a radiazioni ad alta energia, principalmente dal nostro Sole.

Crediamo che il calore del sole resetti i pixel attraverso la ricottura“, Egli ha detto Amy Simon, scienziato del progetto OSIRIS-APEX, con sede a Goddard. La ricottura è un processo termico in grado di ripristinare il funzionamento del dispositivo e viene spesso eseguito intenzionalmente utilizzando riscaldatori integrati in alcuni veicoli spaziali.

Un’altra piacevole sorpresa è arrivata dagli spettrometri nel visibile e nel vicino infrarosso della navicella, ha detto Simon. Prima del perielio, lo spettrografo, che ha mappato la composizione della superficie di Bennu e farà lo stesso su Apophis, sembrava avere una roccia di Bennu intrappolata all’interno della porta di calibrazione. Gli scienziati sospettano che ciò impedisca a parte della luce solare di filtrare attraverso lo strumento dopo che la navicella spaziale, allora chiamata OSIRIS-REx, ha prelevato un campione dell’asteroide Bennu il 20 ottobre 2020. Raccogliendo il campione e quindi accendendo i motori per allontanarsi da Bennu, la navicella spaziale prese a calci Polvere e ghiaia vi si attaccarono.

Tuttavia, con sufficienti manovre del veicolo spaziale e funzionamento del motore dopo la raccolta del campioneSembra che la roccia nella porta di calibrazione si sia rotta, ha detto Simon. Gli scienziati controlleranno nuovamente lo spettrometro quando OSIRIS-APEX passerà vicino alla Terra il 25 settembre 2025, alla ricerca di una spinta gravitazionale.

READ  Questa sarà la sonda Europa Clipper
ID video di YouTube=ESj18xz_b2s

OSIRIS-APEX ora funziona normalmente Mentre continua il suo viaggio verso l’asteroide Apophis per raggiungere il suo appuntamento nel 2029. Le sue prestazioni migliori del previsto durante il primo quasi perielio sono una buona notizia. Ma gli ingegneri avvertono che ciò non significa che sia il momento di rilassarsi. OSIRIS-APEX dovrebbe eseguire altri cinque passaggi eccezionalmente vicini al Sole, insieme a tre assist gravitazionali dalla Terra, per raggiungere la sua destinazione. Non è chiaro come l’effetto cumulativo di sei perieli a una distanza inferiore a quella prevista influenzerebbe il veicolo spaziale e i suoi componenti.

Il secondo perielio di OSIRIS-APEX è previsto per il 1 settembre 2024. La navicella spaziale si troverà a 74,83 milioni di chilometri dal Sole, circa la metà della distanza tra la Terra e il Sole, e si troverà nell’orbita di Venere.

Questa voce è stata pubblicata in Notizie il 30 maggio 2024 da Francisco Martin Leon

Nevio Buratti
Nevio Buratti
"Evangelista di zombie dilettante. Creatore incurabile. Orgoglioso pioniere di Twitter. Appassionato di cibo. Internetaholic. Hardcore introverso."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles