Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La navicella spaziale Voyager festeggia 45 anni nello spazio

Dopo aver lasciato la Terra nel 1977, la sonda spaziale Voyager è la missione più longeva della NASA e l’unica navicella spaziale ad esplorare lo spazio interstellare.

Le due sonde Voyager della NASA sono, in un certo senso, diventate le capsule del tempo della loro epoca… Ciascuna trasporta un registratore a otto tracce per registrare i dati, ha una memoria circa 3 milioni di volte inferiore rispetto ai moderni telefoni cellulari e trasmette dati circa 38.000 volte più lentamente rispetto a una connessione Internet 5G.

Tuttavia, Voyager rimane in prima linea nell’esplorazione spaziale. Operando dal Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California, sono le uniche sonde umane ad aver esplorato lo spazio interstellare (lo spazio interstellare o la galassia, oltre lo spazio interplanetario o interplanetario).

Il Sole ei pianeti si trovano nell’eliosfera, che è una bolla protettiva causata dal campo magnetico solare e dal flusso del vento solare (particelle caricate dal Sole). I ricercatori, alcuni dei quali sono più piccoli delle due sonde spaziali lontane, stanno combinando le osservazioni Voyager con i dati di missioni più recenti per ottenere una comprensione più completa del nostro sole e di come l’eliosfera interagisce con lo spazio interstellare.

I viaggiatori sono anche ambasciatori dell’umanità per potenziali civiltà aliene, ognuna con un disco d’oro contenente immagini della vita sulla Terra, diagrammi di principi scientifici di base, un audio che include suoni della natura, saluti in varie lingue e musica. I dischi d’oro sono come una specie di messaggio in una bottiglia cosmica che galleggia nell’oceano cosmico, il cui destinatario è chiunque possa essere trovato in un lontano futuro dalle sonde spaziali. Nonostante siano stati erosi dalle radiazioni cosmiche e da altri fattori, i dischi dureranno per più di un miliardo di anni.

READ  Come controlli una TV da Amazon Alexa?

Voyager 2 è stato lanciato il 20 agosto 1977, seguito da Voyager 1 il 5 settembre. Entrambe le sonde hanno viaggiato su Giove e Saturno, con la Voyager 1 che volava più velocemente e arrivava per prima. Entrambe le sonde hanno rivelato molto sui due pianeti più grandi del sistema solare e sulle loro lune. La Voyager 2 è diventata anche la prima e unica navicella spaziale a volare vicino a Urano (nel 1986) e Nettuno (nel 1989), offrendo all’umanità visioni insolite di questi mondi lontani e rivelando dati su di essi.

La Terra è vista dall’esterno del sistema planetario, cioè la più lontana dal sole e la più lontana da tutti i pianeti del nostro sistema solare. La foto è stata scattata da Voyager 1 nel 1990. Questo è stato l’ultimo sguardo del veicolo spaziale al nostro mondo che ha lasciato nel 1977. La foto è stata scattata prima che la Terra fosse certamente troppo tardi, troppo lontana per essere vista. Oggi, Voyager 1 viaggia attraverso lo spazio interstellare. Nell’immagine, la Terra è il pixel luminoso che abbiamo indicato con la freccia. (Foto: NASA JPL/Caltech/Kevin M. Gill/Candy Hansen/William Kosmann)

Mentre la Voyager 2 effettuava i suoi voli verso Urano e Nettuno, la Voyager 1 si dirigeva verso il confine dell’atmosfera solare. Dopo aver lasciato nel 2012 ed essere entrato nello spazio interstellare, Voyager 1 ha scoperto che l’eliosfera blocca il 70% dei raggi cosmici, o particelle energetiche, dalle stelle che esplodono. Dopo aver completato le sue esplorazioni planetarie, Voyager 2 ha anche continuato fino al bordo dell’eliosfera, espellendosi nello spazio interstellare nel 2018. I dati raccolti dalle sonde spaziali a questo bordo hanno sfidato le teorie precedenti sulla forma esatta dell’eliosfera.

READ  Il design di Realme GT 2 Pro è stato completamente liquidato a pochi giorni dalla sua introduzione

Ogni Voyager trae energia per i suoi sistemi di bordo da un generatore termoelettrico a radioisotopi contenente plutonio, che emette calore che viene convertito in elettricità. Quando la carica del plutonio decade, la produzione di calore diminuisce e i viaggiatori ottengono meno elettricità. Per compensare la graduale carenza di energia elettrica, il team della missione ha spento tutti i sistemi non essenziali e alcuni precedentemente considerati essenziali, compresi i riscaldatori che proteggevano dal freddo gli strumenti ancora attivi. Tutti e cinque gli elettrodomestici a cui sono stati spenti i riscaldatori dal 2019 funzionano ancora, nonostante siano ben al di sotto delle temperature più basse che hanno testato.

Oggi, mentre entrambi i Voyager esplorano lo spazio interstellare, forniscono all’umanità osservazioni di prima mano della vasta Terra mai visitata da nessun veicolo spaziale umano che sia lo spazio interstellare. (Linea: NCYT di Amazings)

https://www.youtube.com/watch?v=STyx4AWetIA