Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La nuova Bottega Veneta continua a formarsi

Aver preso le redini della direzione creativa della maison il 15 novembre 2021, dopo l’improvvisa e improvvisa partenza del britannico Daniel Lee annunciata solo cinque giorni prima, e dopo aver già presentato la sua prima collezione alla guida della Azienda italiana, durante l’ultima edizione di marzo della Milano Fashion Week, il francese continua Matteo Blasi cercando di imprimere la propria essenza sul brand Bottega Veneta. House, attraverso la quale è stata presentata la prima campagna diretta sotto la guida del nuovo direttore creativo della storica azienda italiana di beni di lusso, campagna di cui Blazy sembra aver deciso di sfruttare per iniziare a presentare ed evidenziare la catena del valore che dominerà la casa durante questa nuova fase si apre sotto la sua supervisione.

Composta da un totale di 41 foto e una serie di vari brevi video della durata di pochi minuti, hanno partecipato alla campagna una varietà di modelli, fotografi e fotografi di generazione in generazione. Un team di professionisti tra i quali troviamo nomi come, nel campo delle modelle, Rene Alde, Emma Belfort, Mariacarla Boscono, Adamo Paulos, Leo Comanescu, Isabel Dantas, Dara Gui, Sangon Lee, Silas de Matt, Paula Manes, Aware Odhiang, Chu Wong e Anok Yai, i cui volti sono stati commissionati per l’immortalità da Malik Bodian a Solène Şahmaran Gün, attraverso Francois Halard, Sander Muylaert, Louise e Maria Thornfeldt. I fotografi selezionati tra loro sono professionisti junior senza precedenti esperienze nel campo della moda, in ciò che si rifletterà in un campione di quel contributo intergenerazionale che risulta dall’aggiunta di esperienza con il nuovo look delle generazioni più giovani, come parte di un stimolante discorso che è al centro e al centro della casa italiana, provare Blazy è ora da valorizzare insieme al suo indiscusso e più riconosciuto impegno per l’artigianato.

READ  I ragazzi condividono una nuova foto con Butcher e il suo team in stile Ghostbusters

“La Bottega Veneta è stata creata da un gruppo di artigiani”, ci spiega lo stesso Matthew Blasey, attraverso alcuni dati che ci sono stati inviati dalla stessa Bottega Veneta. Le origini che, come tali, fanno parte della storia della casa, appaiono qui e ora anche come “il modo in cui presentano la loro nuova campagna: insieme, attraverso diversi modi di osservazione”.

Fonte immagine: Collezione Bottega Veneta Inverno 2022, campagna fotografica.
Fonte immagine: Collezione Bottega Veneta Inverno 2022, campagna fotografica.
Fonte immagine: Collezione Bottega Veneta Inverno 2022, campagna fotografica.

Un viaggio duraturo intorno a un processo immortale

approfondire questo valore per il bene della collettività e per quel contatto intergenerazionale che chiamiamo i nuovi pilastri attorno ai quali la casa italiana sembra cominciare a gravitare in questa nuova fase, al contrario di quello che sarebbe stato il lavoro di realizzare un campagna come questa, la preparazione dei materiali è proseguita graficamente per diverse settimane. Un periodo che il team di professionisti, ci spiegano da Veneta, avrebbe sfruttato per instaurare un rapporto tra le due parti, esaltando così il dono di un’espressione e di uno ‘spirito’ unici per ciascuno dei capi ideati da Blazy, di cui fa parte di questa è la sua prima collezione per la stagione Winter 22 che partecipa alla campagna, di The lens di ciascuno dei diversi fotografi che hanno partecipato.

Si manifesta come un viaggio ad anello che parte dal dietro le quinte della sfilata realizzata da casa da Palazzo San Fedele a Milano, l’edificio che ospita la sede della Bottega Veneta, e da lì ci porta all’Horst Festival in Belgio e si conclude nelle coste del sud Italia, “La campagna offre una prospettiva nuova e diversa per osservare la collezione”, sottolineano dalla casa italiana. “È divertente e realistico allo stesso tempo”, dall'”intimità” nel filmato “alla composizione sottile”, sottolineano, “l’esplorazione dello spazio osservato” che si riferisce alla cattura di “un momento particolare”, mentre le “possibilità chimiche” dei diversi punti di vista sottolineano la collettività su cui si basano i pilastri dell’azienda.

“Bottega Veneta è essenzialmente pratica”, per via del suo carattere di “azienda focalizzata sugli accessori in pelle”, aggiunge ancora Blazy. Grazie a quella vasta “esperienza” nella fabbricazione di borse e pelletteria, in casa “tutto è movimento”, tutto nasce dall’idea di “andare in un certo posto”. È un viaggio duraturo che porta a quella “idea di base dell’artigianato in movimento”, che a sua volta si conclude con un legame con l'”senza tempo” che caratterizza l’azienda e le sue creazioni. “Fa parte del suo potere silenzioso”, aggiunge Blazy.

Fonte immagine: Collezione Bottega Veneta Inverno 2022, campagna fotografica.
Fonte immagine: Collezione Bottega Veneta Inverno 2022, campagna fotografica.
Fonte immagine: Collezione Bottega Veneta Inverno 2022, campagna fotografica.
Fonte immagine: Collezione Bottega Veneta Inverno 2022, campagna fotografica.
Potrebbe piacerti anche: