Maggio 19, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La nuova scoperta mette in luce un grave malinteso sull’energia oscura

La nuova scoperta mette in luce un grave malinteso sull’energia oscura

Questo mese, gli astronomi stanno facendo quello che descrivono come… La più grande indagine nella storia dell'universo Annunciarono che avrebbero potuto scoprire A Un grave difetto nella comprensione dell’energia oscura, La forza che accelera l'espansione dell'universo. Si supponeva che l’energia oscura fosse una forza costante. Ma nuovi dati suggeriscono che potrebbero avere maggiori probabilità di cambiare, rafforzarsi o indebolirsi nel tempo, invertirsi o addirittura svanire.

“Questa potrebbe essere la prima vera prova che abbiamo in 25 anni sulla natura dell'energia oscura”, ha affermato Adam Rees, astronomo della Johns Hopkins University e dello Space Telescope Science Institute di Baltimora, nel Maryland, che ha condiviso il premio. Ha vinto il Premio Nobel per la fisica nel 2011 insieme ad altri due per la scoperta dell'energia oscura, ma non è stato coinvolto in questo nuovo studio.

Se la scoperta fosse confermata, potrebbe liberare gli astronomi da una cupa previsione a lungo mantenuta sul destino finale dell’universo. Se l’azione dell’energia oscura fosse costante, nel tempo spingerebbe tutte le stelle e le galassie così distanti che persino gli atomi potrebbero separarsi, estinguendo tutta la vita, la luce e l’energia nell’universo. Questo risultato ha una probabilità su 400 di essere solo un colpo di fortuna statistico.

La notizia appare nel primo rapporto sullo stato di avanzamento di una collaborazione chiamata Dark Energy Analysis Instrument, o DESI. Il gruppo ha appena iniziato uno sforzo quinquennale per creare una mappa 3D delle posizioni e delle velocità di 40 milioni di galassie in 11 miliardi di anni di tempo cosmico. La loro mappa iniziale, basata sul primo anno di osservazioni, comprende solo 6 milioni di galassie.

READ  Il design del Samsung Galaxy Z Flip5 è esposto, a conferma della presenza di un display esterno più grande smartphone

“Finora stiamo vedendo una corrispondenza fondamentale con il nostro miglior modello dell'universo, ma stiamo anche vedendo alcune differenze interessanti che potrebbero indicare che l'energia oscura si sta evolvendo nel tempo”, ha detto Michael Levy, direttore del DESI Institute, in un comunicato diffuso dichiarazione. A cura del Lawrence Berkeley National Laboratory in California, che gestisce il progetto.

Nel 1998, due gruppi di astronomi in competizione tra loro scoprirono che l’espansione dell’universo stava accelerando anziché rallentando, come la maggior parte degli astronomi si aspettava. Ciò sembrava indicare che questa energia oscura si comportasse come la famosa costante cosmologica (indicata con la lettera greca Lambda) che Einstein introdusse nelle sue equazioni per spiegarla. Perché l'universo non è collassato a causa della sua stessa gravità? Come la formulò Einstein, lambda era una proprietà dello spazio stesso: man mano che lo spazio aumentava con l’espansione dell’universo, aumentava l’energia oscura, spingendosi sempre più forte e portando infine a un futuro indisciplinato e senza luce.

Il progetto DESI è progettato per testare la stabilità dell’energia oscura misurando la velocità con cui l’universo si è espanso in momenti diversi nel passato. Per fare ciò, gli scienziati hanno equipaggiato un telescopio presso l’Osservatorio nazionale di Kitt Peak in Arizona con 5.000 rilevatori a fibra ottica in grado di eseguire analisi spettroscopiche su quante galassie contemporaneamente e rilevare la velocità con cui si stanno allontanando dalla Terra.

Gli scienziati hanno diviso gli ultimi 11 miliardi di anni di storia cosmica in sette periodi di tempo. Per ciascuno di essi, hanno misurato la velocità con cui le galassie al loro interno si allontanavano da noi e le une dalle altre. Hanno scoperto che le galassie delle ultime tre epoche apparivano più vicine di quanto dovrebbero.Il che suggerisce che l’energia oscura potrebbe evolversi.

READ  Il nuovo MacBook Air di Apple ha già una data di uscita

Michael Turner, uno scienziato dell’Università della California, a San Francisco, ha dichiarato: “Sebbene la raccolta di set di dati sia complessa, e questi siano i primi risultati del DESI, la potenziale prova che l’energia oscura non è costante è la migliore notizia che ho sentito da allora. è stata stabilita l'accelerazione.” “L'universo è forte da più di 20 anni.” Professore emerito dell'Università di Chicago che ha coniato il termine “energia oscura”.