Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La parata contro l’intolleranza religiosa vince il Carnevale di Rio de Janeiro

Lo spettacolo è stato pensato “in difesa di ciò in cui crediamo, contro il razzismo religioso e il processo storico che l’ha demonizzato, per cantare alla vita”. Foto: il giornale di oggi.

Questo martedì la Scuola Grand Rio Samba è stata incoronata campionessa del Carnevale di Rio de Janeiro grazie alla sua sfilata contro l’intolleranza religiosain un comunicato che ha visto il tanto atteso ritorno al Sambodromo dopo l’arresto della pandemia.

Grande Rio ha il primo titolo nella sua storia a demistificare una divinità di origine africana, Exú, un personaggio che spesso affronta i pregiudizi di alcuni gruppi cristiani che la associano a Satana.

Imponendo macchine allegoriche, coreografie e costumi sviluppati per mesi, “escola” si è avvicinata ai vari aspetti di Exú e “orixá” (divinità afrobrasiliane) di crocevia e movimento, responsabili della comunicazione tra umani e divinità in religioni come Candomble e Umbanda.

Lo spettacolo è stato progettato “in difesa di ciò in cui crediamo, contro il razzismo religioso e il processo storico demonizzato da Exú, per cantare alla vita”, ha detto dopo la vittoria il “carnavalesque” di Grand Rio (direttore artistico), Leandro Bora.

Dopo che i loro comizi sono stati sospesi nel 2021 e rinviati di due mesi quest’anno a causa della pandemia, i Dodici “Esculas” sono tornati in tutto il loro splendore e hanno scosso il Sambodromo per Due serate lo scorso fine settimana davanti a un pubblico di 70.000 persone.

A differenza di altri gruppi tradizionali come Mangueira e Portela, fondati negli anni ’20, il Grande Río è emerso nel 1988 e non ha mai vinto il primo posto nella competizione.

E tra i primi sei quest’anno, che si presenteranno anche sabato prossimo alla Parade of Champions, sono quasi tutti Sono stati sollevati contro il razzismo e l’intolleranza religiosa, bandiere che sono diventate più importanti durante il governo del presidente di estrema destra Jair Bolsonaro.

READ  Il vertice del G20 tra proteste e dubbi (+ foto)

Il tradizionale Beija-Flor ha vinto il secondo posto per aver glorificato filosofi e pensatori neri con il loro spettacolo “Blacken Thought”. Villa Isabel quarta ha onorato Samista Martinho da Villa. Portela, che ha ottenuto il quinto posto, ha parlato dell’origine africana e del suo impatto sulla cultura brasiliana. Saljiro, che si è classificato sesto, è stato ispirato dalle proteste contro il razzismo avvenute dopo la morte dell’americano George Floyd e dal movimento Black Lives Matter.

Ferradoro, terzo, al Carnevale del 1919, quando la carioca si riversò pesantemente nelle strade per celebrare la fine della cosiddetta influenza spagnola, simile all’attuale epidemiaChe ha causato la morte di oltre 660mila persone in Brasile.

(tratto da AFP)