Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La People’s Bank of China (PBOC) continua a difendere la valuta con lo yuan che scende sotto i 7 contro il dollaro

La Cina ha mantenuto la sua difesa della valuta dopo che lo yuan si è indebolito oltre il livello chiave di 7 rispetto al dollaro per la prima volta dal 2020, una soglia che ha raramente superato nell’ultimo decennio.

La People’s Bank of China (PBOC) ha ancorato lo yuan a 6,9305 per dollaro, 456 punti sopra la stima mediana in un sondaggio di Bloomberg su analisti e trader, segnando il 17° giorno consecutivo di ancoraggi valutari più forti del previsto. La forte distorsione è stata inferiore al record di 598 punti visto mercoledì.

Mentre la People’s Bank of China ha avvertito gli investitori di non scommettere su un livello particolare, la People’s Bank of China (PBOC) ha messo il peg molto più forte di quanto gli analisti si aspettassero negli ultimi giorni poiché lo yuan ha continuato a scivolare. Questo è stato il segnale più visibile di Pechino che sta cercando la stabilità della valuta in vista della convention del partito del mese prossimo, dove si prevede che il presidente Xi Jinping vincerà un terzo mandato senza precedenti.

Lo slittamento della valuta arriva anche tra le preoccupazioni geopolitiche relative a un incontro tra il presidente russo Vladimir Putin e il presidente cinese Xi Jinping e l’approvazione del Taiwan Policy Act del 2022 negli Stati Uniti, secondo una nota di Morgan Stanley. Gli strateghi affermano che è improbabile che Pechino metta una linea dura al livello di 7 per dollaro, sebbene possa continuare a utilizzare l’ancoraggio valutario per arginare il suo declino rispetto alla valuta statunitense.

Non è una casa in fiamme”, ha affermato Brad Bechtel, global head of FX di Jefferies LLC. “La People’s Bank of China la sostiene tranquillamente con la stabilizzazione quotidiana, ma in realtà non fa nient’altro. Le banche centrali hanno capito che si tratta di un’operazione in dollari. Possono combatterla, ma non c’è molto che possono fare al riguardo .”

READ  La supremazia della flotta di Cabify è a rischio per Uber a Madrid, il suo mercato più grande

La valuta cinese è tra quelle sotto pressione a livello mondiale poiché il dollaro USA si sta riprendendo grazie agli aumenti dei tassi più aggressivi da parte della Federal Reserve degli ultimi decenni. Le azioni della Fed hanno attratto liquidità negli Stati Uniti allargando il divario tra i tassi negli Stati Uniti e altrove, in particolare in Cina e Giappone, dove i funzionari stanno mantenendo la politica monetaria libera per stimolare la crescita.

Giovedì, le più grandi banche cinesi hanno tagliato i tassi di deposito di riferimento su tutta la linea per la prima volta dal 2015 per sostenere un’economia colpita dalla politica di Pechino contro la diffusione del coronavirus e dal crollo immobiliare. I rendimenti delle obbligazioni cinesi a 10 anni sono inferiori di circa 80 punti base rispetto a titoli del Tesoro statunitensi simili, segnando il più grande divario di questo tipo dal 2009.

Giovedì lo yuan offshore è sceso dello 0,7% a 7,0186 per dollaro, il più basso da luglio 2020, mentre il tasso di cambio locale è riuscito a rimanere di poco inferiore a 7. La valuta ha perso più del 9% quest’anno, dirigendosi verso la più alta. Perdita annuale dal 1994.

Erik Nelson, analista valutario di Wells Fargo, ha previsto un altro “enorme” inasprimento, circa 500 punti in più rispetto alle attese degli analisti, tra le preoccupazioni dei politici sui deflussi di capitali. Ha detto che i venditori allo scoperto dello yuan potrebbero realizzare dei profitti, il che aiuterà la valuta a stabilizzarsi prima del congresso del partito.

“Quello che li spaventa è un altro giro di deflussi di capitali”, ha detto Nelson. “Gli investitori saranno riluttanti a seguirlo da qui”.

READ  Incontra DOGEY, la nuova criptovaluta che aiuterà i cani abbandonati

Pochi si aspettano che la valuta crolli. Le forti esportazioni cinesi, sebbene in rallentamento, forniscono ancora supporto alla valuta. I dati ufficiali hanno mostrato giovedì che il regolamento netto in valuta estera, una misura dei flussi transfrontalieri, è salito al livello più alto da gennaio.

L’analista di Jefferies Bechtel ha affermato che un calo a 7,2 per dollaro sarebbe una “serie più stretta nella sabbia” per la banca centrale. Lo yuan si è avvicinato a questo livello solo due volte, nel 2019 e nel 2020, ma non lo ha raggiunto dall’inizio del commercio estero nel 2010.

La People’s Bank of China (PBOC) ha ridotto la quantità di depositi in dollari che le banche devono accantonare come riserve per sostenere lo yuan. I politici hanno molto nella loro cassetta degli attrezzi per la gestione della valuta, incluso l’aumento dell’emissione di banconote per drenare la liquidità dello yuan nel mercato offshore e l’aumento dei costi per gli investitori per scommettere contro la valuta attraverso l’uso di contratti a tempo determinato.

Tuttavia, queste misure potrebbero solo rallentare il declino dello yuan e potrebbero non essere sufficienti per invertire la tendenza, secondo JPMorgan Chase & Co.

“La People’s Bank of China (PBOC) ha iniziato ed è probabile che continui a inclinarsi contro il deprezzamento della valuta, ma è improbabile che fermi completamente la debolezza dello yuan cinese”, hanno scritto in una nota gli strateghi di JPMorgan, tra cui Arindam Sandilya, utilizzando il simbolo della valuta per lo yuan. “L’assenza di misure rigorose per frenare il deprezzamento della valuta finora suggerisce che c’è più spazio per lo sviluppo della debolezza del CNY”.

READ  I prezzi del petrolio prolungano le perdite