Maggio 17, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La polizia e i coloni israeliani hanno nuovamente preso d’assalto il luogo santo

L’agenzia di stampa ufficiale Wafa ha detto che la polizia ha sparato gas lacrimogeni e bombe sonore contro i fedeli riuniti all’interno del complesso religioso che ospita la moschea di Al-Aqsa, il terzo luogo sacro per i musulmani.

E venerdì scorso i soldati di occupazione hanno preso d’assalto la moschea, provocando lo scoppio di scontri con i palestinesi che hanno usato pietre per difenderli.

Centinaia di loro sono stati arrestati o feriti durante i disordini, che hanno suscitato una forte condanna da parte del mondo arabo e musulmano.

Secondo l’agenzia di stampa, lunedì gli agenti hanno usato di nuovo la forza per svuotare i cortili del complesso.

Nei giorni scorsi un’organizzazione ebraica ha offerto denaro ai seguaci di questa religione che entrano nel santuario e vi fanno offerte di animali nell’ambito delle celebrazioni pasquali, giorno che segna l’inizio dell’esodo di queste persone.

In base ad accordi presi decenni fa, solo gli ebrei possono visitare il complesso, con molte condizioni, ma non possono pregare.

Questa comunità compie le sue preghiere presso il muro occidentale, noto come Muro del Pianto o Muro occidentale, che forma una barriera esterna davanti al santuario e rappresenta l’unica reliquia del secondo tempio biblico fatto costruire dal re Erode.

Tuttavia, sotto la crescente pressione della destra e dei gruppi religiosi, è aumentato il numero di credenti ortodossi che cercano di pregare lì, cosa che i musulmani considerano una provocazione.

Lo scorso luglio, il primo ministro israeliano, Naftali Bennett, ha confermato che i suoi cittadini avevano il diritto di pregare lì, anche se il suo governo ha fatto marcia indietro alcuni giorni dopo tra un’ondata di critiche.

READ  I rappresentanti dei ministeri degli esteri di Russia e Stati Uniti si incontrano a Mosca

Il luogo sacro è venerato sia dai musulmani, che lo chiamano il cortile della moschea, sia dagli ebrei che lo conoscono come il Monte del Tempio.

Per il primo perché al suo interno si trova la Moschea di Al-Aqsa, e per l’ultimo perché vi sono stati costruiti i due templi biblici.

ac/rob