Febbraio 5, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La RDC nega di aver violato lo spazio aereo ruandese dopo le accuse

Questo contenuto è stato pubblicato il 30/dic/2022 – 06:38

Kinshasa, 30 dicembre (EFE). – La Repubblica Democratica del Congo (RDC) ha negato di aver violato lo spazio aereo ruandese con aerei da combattimento, un giorno dopo che le autorità ruandesi l’hanno accusata di averlo fatto tra le crescenti tensioni sulla presunta cooperazione di Kigali con Marte. Il Movimento 23 (M23) è un gruppo ribelle.

“Il governo della Repubblica Democratica del Congo ha informato l’opinione pubblica nazionale e internazionale che, dopo diversi giorni di addestramento, mercoledì scorso due aerei Sukhoi hanno effettuato voli di routine seguendo una traiettoria prestabilita (…) nello spazio aereo congolese”, ha affermato il autorità congolesi. In una dichiarazione rilasciata giovedì scorso.

“Pertanto, il governo ruandese non può in alcun modo considerare questo movimento aereo delle FARDC all’interno dello spazio aereo nazionale come una provocazione”, aggiunge il documento.

Così, Kinshasa ha risposto a una dichiarazione rilasciata dal Ruanda questo mercoledì in cui Kigali accusava l’esercito congolese di violare il suo spazio aereo, definendola una “provocazione”.

“Questo incidente fa parte di una serie di provocazioni, inclusa una simile violazione dello spazio aereo che ha avuto luogo il 7 novembre quando un jet da combattimento della RDC è atterrato brevemente all’aeroporto (ruandese) di Rubavu”, ha affermato Rwanda.

Ciò sta avvenendo nel bel mezzo di un’intensa crisi diplomatica in cui Kinshasa accusa il Rwanda di collaborare con il movimento ribelle del 23 marzo, un punto che Kigali ha sempre negato, nonostante almeno due rapporti delle Nazioni Unite a cui EFE aveva accesso confermassero tale cooperazione.

READ  Il Portogallo terrà la 5a Fiera Nazionale dei Trasporti a luglio

Da parte loro, sia il Rwanda che l’M23 accusano l’esercito congolese di allearsi con i ribelli delle FDLR, fondati nel 2000 dai leader del genocidio del 1994 e da altri esuli ruandesi nella RDC. potere politico nel paese di origine.

Anche le Nazioni Unite hanno confermato questa collaborazione.

Dalla riattivazione dell’M23 che combatte contro le posizioni dell’esercito congolese, i ribelli hanno occupato vaste aree e posizioni strategiche nella RDC.

Allo stesso modo, la paura di queste battaglie ha costretto più di mezzo milione di persone a lasciare le proprie case, secondo gli ultimi dati delle Nazioni Unite.

Il Movimento 23 marzo è stato creato nel 2012 come una scissione del disciolto Congresso nazionale per la difesa del popolo (CNDP), un gruppo di ribelli per lo più ruandesi che hanno combattuto le FDLR sul suolo congolese e successivamente si sono uniti all’esercito della RDC. 23 marzo 2009, che dà il nome al gruppo.

Pertanto, i ribelli del Movimento 23 marzo, recentemente fondato, hanno disertato l’esercito per rinegoziare quell’accordo di pace e migliorare le loro condizioni.

L’est della RDC è stato impantanato in un conflitto alimentato dalle milizie ribelli e dall’esercito per più di due decenni, nonostante la presenza della missione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite (MONUSCO), con oltre 16.000 membri del personale in uniforme sul campo. EFE

py-pm/jac

� EFE 2022. La ridistribuzione e ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe è espressamente vietata, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA