Marzo 20, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La ricerca e la distruzione dei mercati mettono sotto pressione le banche centrali globali

Bloomberg – Questa settimana iniziano gli aumenti dei tassi di interesse della banca centrale.

Dopo un lungo dibattito sul motivo per cui la stretta monetaria più aggressiva degli ultimi decenni aveva mostrato pochi segni di stress finanziario, sono scoppiate le turbolenze. La volatilità dei Treasury ha raggiunto livelli senza precedenti quando il fallimento di Lehman Brothers ha innescato una crisi globale del credito.

La scomparsa di tre banche regionali statunitensi e la volatilità del Credit Suisse Group AG globale, insieme alle conseguenti turbolenze nei mercati dei capitali globali, rendono molto difficili le prossime mosse dei banchieri centrali. L’inflazione rimane ben al di sopra dei suoi obiettivi e alcuni dei dati recenti sono andati nella direzione sbagliata. Tuttavia, la crescita del credito risentirà delle turbolenze degli ultimi giorni, che influenzeranno seriamente le prospettive economiche.

Giovedì la Banca centrale europea ha dato il tono iniziale alla risposta, cercando di affrontare le due sfide su fronti separati. La presidente Christine Lagarde e i suoi colleghi sono rimasti fedeli al loro piano di aumentare i tassi di interesse di 50 punti base, ma hanno rifiutato di fornire indicazioni su dove sarebbe andata la politica d’ora in poi. La BCE si è detta pronta a rispondere sia alla stabilità finanziaria che al tasso.

Una sentenza simile della Federal Reserve significa un aumento di almeno 25 punti base la prossima settimana, Anche se starà più attenta a ciò che accadrà dopo. Il mercato obbligazionario da asporto: dovunque l’eventuale aumento dei tassi di interesse fosse per la Banca centrale europea, la Federal Reserve e altri all’inizio di questo mese, ora è più basso.

“Probabilmente il repricing della politica monetaria più aggressivo a livello globale, sicuramente dagli anni ’80”, ha dichiarato Ella Hoksha, chief investment officer di Pictet Asset Management, su Bloomberg TV. “Il mercato è in modalità cerca e distruggi”, ha affermato, quindi è molto difficile prevedere come si svilupperanno gli eventi.

La Silicon Valley è stato il primo segnale importante che l’inasprimento cumulativo della Fed di 4,5 punti percentuali nell’ultimo anno stava causando un fallimento finanziario. Il suo crollo, insieme all’acquisizione di Signature Bank da parte delle autorità di regolamentazione, si è rapidamente trasformato in svendite a banche regionali negli Stati Uniti e ha persino aumentato il controllo dei problemi del Credit Suisse, una banca globale di importanza sistemica.

READ  Nexo e Mastercard lanciano la prima carta di credito con supporto crittografico

L’improvvisa esplosione dei rischi per la stabilità finanziaria arriva dopo che i politici hanno insistito sulla necessità di aumentare i prezzi per garantire il contenimento delle crescenti pressioni sui costi. Ciò ha scatenato un dibattito tra economisti e investitori sulla possibilità che le banche centrali siano in grado di separare i due rischi.

I problemi bancari spingono i trader a scommettere su pivotsdfd

La Federal Reserve (la banca centrale degli Stati Uniti) ha creato domenica nuove strutture volte a garantire la fiducia nei depositi delle piccole banche. La Banca nazionale svizzera, che ha costantemente aumentato i tassi di interesse, ha iniettato liquidità nel Credit Suisse giovedì mattina presto. La BCE ha affermato che i suoi strumenti sono “completamente attrezzati per fornire liquidità” al sistema finanziario quando necessario.

Gli economisti di JPMorgan Chase & Co. E Bank of America Corp. è tra coloro che sostengono che nel caso della Federal Reserve, il principio del disaccoppiamento tra stabilità finanziaria e strumenti inflazionistici dovrebbe essere sostenuto.

“La nostra opinione è che il cordone stia finalmente funzionando e che la Fed stia nuovamente alzando i tassi di interesse”, ha detto in una nota Ethan Harris, capo della ricerca economica globale della Bank of America. su Bloomberg TV all’inizio di questa settimana, riferendosi alla risposta normativa ai fallimenti bancari. “Alla fine, la Fed finirà per combattere l’inflazione”.

Tuttavia, non tutti vedono una linea così netta. Jan Hatzius di Goldman Sachs Group Inc. Che la Federal Reserve annullerà un aumento dei tassi la prossima settimana tra le turbolenze in corso.

Da parte loro, gli economisti di Nomura Holdings Inc. Un ampio spostamento della politica della Fed verso il controllo dei danni, con un taglio dei tassi il 22 marzo.

I mercati dei futures mostrano che le scommesse sono divise sul fatto che il presidente Jerome Powell ei suoi colleghi alzeranno il loro benchmark di un quarto di punto la prossima settimana. Ma suggeriscono che i responsabili politici inizieranno a tagliare i tassi di interesse quest’estate. Gli investitori a reddito fisso sono stati nuovamente costretti a fare marcia indietro. I rendimenti a due anni statunitensi sono aumentati di 27 punti base, segnando il sesto giorno consecutivo di variazioni di almeno 20 punti base.

Il rendimento dei Treasury a due anni è stato colpito dall'incertezza sull'andamento dei tassi di interesse

I contratti di swap confermano l’enorme cambiamento di aspettative degli ultimi giorni. L’8 marzo la Fed avrebbe dovuto alzare i tassi di interesse di 1 punto percentuale per il mese di giugno; Ora, vedono una probabilità del 50% che la Fed inizi a tagliare i costi dei prestiti per allora. L’andamento è stato simile, anche se meno marcato, nelle principali economie avanzate, ad eccezione del Giappone. Anche dopo che la Banca centrale europea ha alzato i tassi di interesse durante la notte, i trader si aspettano che i tassi di interesse nell’Eurozona saranno molto più bassi tra sei mesi rispetto a quanto previsto la scorsa settimana.

READ  Come sfruttare al massimo le vendite di gennaio di EFE
I trader hanno abbassato le aspettative sui tassi di interesse al di fuori del Giappone

Ecco una carrellata della settimana in cui il passaggio dal denaro facile al credito costoso ha avuto il suo pedaggio e ha innescato il più grande rimbalzo del mercato obbligazionario degli ultimi decenni.

Parole di falco

Prima che il prestatore della West Coast SVB diventasse un nome familiare, Powell la scorsa settimana durante due giorni di apparizioni al Congresso ha avvertito che i forti dati statunitensi rendevano più probabile che il tasso massimo della Fed sarebbe stato più alto di quanto previsto dai funzionari a dicembre.

Ciò ha portato il rendimento dei titoli a due anni sopra il 5% per la prima volta dal 2007. Gli operatori prevedono guadagni più elevati. L’ex segretario al Tesoro Lawrence Summers, un collaboratore retribuito di Bloomberg Channel, ha affermato che ci sono scarse possibilità che la Fed alzi il tasso di interesse di riferimento al 6%.

Gli operatori stanno cambiando le loro aspettative sulla direzione della Fed nell'ultima settimana

Caduta dell’SVB

La debacle di SVB ha avuto un impatto maggiore nel contesto della Fed. Le notizie sui problemi della banca hanno alimentato un rally del reddito fisso che è iniziato quando alcuni dati economici hanno indicato che il mercato del lavoro statunitense potrebbe perdere slancio.

La liquidità è evaporata in alcuni settori dei mercati del tesoro e dei tassi di interesse, Mentre i cummins di scommesse con denaro veloce si sono affrettati a chiudere circa $ 300 miliardi di scommesse su rendimenti più elevati che ora erano completamente senza denaro.

Il calo dei rendimenti ha accelerato venerdì a un ritmo visto l’ultima volta quando Lehman Brothers è crollata nel 2008, mentre SVB si è avvicinata al proprio crollo. Il prestatore è stato posto in amministrazione controllata dalla Federal Deposit Insurance Corp.

READ  GAM torna in profitto con un utile di 2,4 milioni nel primo semestre | comp

Una nota di un trading desk di Goldman Sachs afferma che su una scala da 1 a 10, giovedì e venerdì scorso erano “8” in termini di quanto fossero pazzi i clienti. SSecondo quanto riferito, Brevan Howard Asset Management ha sospeso almeno tre trader di indici per contenere le perdite Dopo che il crollo di SVB ha innescato movimenti selvaggi nei mercati.

Gli organizzatori si mettono in gioco

Non è stato un fine settimana molto rilassante, anche dopo che la Federal Reserve e le autorità di regolamentazione statunitensi sono intervenute per assicurarsi che i depositanti presso SVB – e un altro prestatore fallito, Signature Bank – ricevessero indietro i loro soldi. I buoni del Tesoro hanno continuato la loro ripresa, raggiungendo il livello più alto dagli anni ’80. Con avvertimenti di recessione su tutti i tratti della curva dei rendimenti.

La crisi della SVB è come “il canarino nella miniera di carbone”, ha detto Ray Dalio, fondatore di Bridgewater Associates. Pensò il CEO di BlackRock Inc. Larry Fink, CEO di BlackRock Inc. , nella possibilità che altre tessere del domino cadano.

I problemi stanno peggiorando

Poiché l’ultima lettura dell’inflazione negli Stati Uniti – l’indice dei prezzi al consumo di febbraio – ha mostrato martedì che le pressioni sui prezzi rimangono troppo elevate per la Federal Reserve, i mercati sono stati ulteriormente scossi dai problemi legati al Credit Suisse.

“Il problema è che il Credit Suisse potrebbe, secondo alcuni standard, essere troppo grande per fallire, ma anche troppo grande per salvare”. Nouriel Roubini ha messo in guardia su Bloomberg Television mercoledì. L’economista noto come Dr. Daum ha aggiunto che non è chiaro se i regolatori della banca abbiano le risorse per progettare un piano di salvataggio adeguato.

Giovedì mattina a Wall Street, lo zeitgeist sembrava ben lontano dal livello di allarme provocato dalla crisi finanziaria globale. I rendimenti obbligazionari sono aumentati vertiginosamente dopo che la banca centrale svizzera ha concesso una linea di credito di CHF 50 miliardi ($ 54 miliardi) dalla banca centrale svizzera, e i rapporti suggeriscono che la Prima Repubblica – l’ultimo prestatore statunitense a dichiarare default – riceverà fino a $ 30 miliardi in depositi dal banche del paese. .

In Asia venerdì mattina, le azioni erano pronte a seguire il rally delle azioni statunitensi. Le azioni australiane sono aumentate, mentre i futures su azioni di riferimento in Giappone e Hong Kong hanno guadagnato almeno l’1%. Ma con l’avvicinarsi della riunione della Fed, i mercati rimarranno sull’orlo per qualche tempo.

“La rivelazione dello stress è solo un sintomo dell’aumento dei cicli e della contrazione della liquidità”, ha affermato Amy Zeh-Patrick, responsabile della strategia delle entrate presso Pendall Group Ltd. a Sydney. “Dovrebbe succedere così.”

– In collaborazione con Jonathan Ferro.