Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia condanna le minacce della NATO e l’avvicinamento ai suoi confini

Mercoledì scorso, Shoigu ha messo in guardia contro un aumento del volo degli aerei del blocco militare vicino ai confini territoriali del Paese. Foto: Prensa Latina

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha avvertito che mentre il suo Paese chiede deterrenza militare, l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) sta avvicinando le sue forze ai confini della Russia.

Nel contesto delle richieste di contenimento militare della Russia, la NATO continua ad avvicinare le sue forze ai nostri confini. Il comandante militare, in un chiaro riferimento alla vittoria sovietica sul fascismo, ha affermato che il ministro della Difesa tedesco dovrebbe sapere molto bene come sia andata a finire una cosa simile per la Germania e l’Europa.

La dichiarazione ufficiale affermava che “l’attuazione del piano di deterrenza della NATO in Afghanistan si è conclusa con una catastrofe che il mondo intero sta affrontando ora”.

Così, il ministro della Difesa russo ha risposto alla dichiarazione del suo omologo tedesco, Annegret Kramp-Karrenbauer, che ha detto giovedì alla radio del suo paese che la NATO deve chiarire alla Russia la sua disponibilità a utilizzare armi nucleari per un effetto deterrente.

Kramp-Karrenbauer ha sottolineato che in questo modo nessuno prenderebbe in considerazione di attaccare gli stati baltici oi partner della NATO nel Mar Nero.

Mercoledì scorso, Shoigu ha avvertito che i voli degli aerei del blocco militare vicino ai confini territoriali del Paese sono aumentati del 30% rispetto allo scorso anno.

In un incontro con la sua controparte militare bielorussa, ha affermato che è stata segnalata un’elevata intensità della prontezza operativa e di combattimento della NATO.

READ  Migliaia manifestano in diverse città americane per il diritto di voto - Telemundo San Antonio (60).

Ogni anno si tengono più di 30 esercitazioni ai confini occidentali dello stato sindacale, il cui scenario si basa sullo scontro armato contro la Russia. Ha affermato che paesi non alleati come Georgia, Ucraina, Svezia e Finlandia stanno partecipando sempre di più.

(tratto da Prensa Latina)