Settembre 29, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia ha chiuso lo spazio aereo ai voli britannici in risposta a una mossa simile del Regno Unito

Venerdì 25 febbraio, le autorità russe hanno annunciato che la Russia aveva chiuso il suo spazio aereo alle compagnie aeree britanniche, compresi i voli di transito.

La mossa arriva in risposta al divieto del Regno Unito sui voli russi nel suo spazio aereo e al rifiuto di Londra di intrattenere colloqui con Mosca per risolvere le divergenze.

Rosaviation, l’agenzia federale russa per il trasporto aereo, ha dichiarato in una dichiarazione di aver cercato consultazioni con le autorità britanniche sulle restrizioni di giovedì sui voli russi nello spazio aereo del Regno Unito, come parte delle sanzioni dopo che la Russia ha iniziato il suo intervento militare in Ucraina, ma la richiesta è stata respinta . .

Il divieto di volo britannico si applica ai “voli di aeromobili di proprietà, noleggiato o operato da una persona associata al Regno Unito o registrato nel Regno Unito verso punti nel territorio della Federazione Russa, compresi i voli di transito attraverso lo spazio aereo dell’Unione, ed è entrato in vigore a Venerdì alle 11:00 ora di Mosca (08:00 ora locale).

Giovedì la Gran Bretagna ha notificato alla Russia di imporre restrizioni ai voli della Russian Airlines nello spazio aereo britannico, come parte di un nuovo pacchetto di sanzioni.

Guarda anche: La UEFA ha spostato la finale di Champions League da San Pietroburgo a Parigi

Rosaviation ha criticato la decisione e ha osservato che violava un accordo tra Russia e Regno Unito che prevedeva la cooperazione “su tutte le questioni necessarie per garantire il funzionamento sicuro ed efficace delle rotte contrattuali” e la consulenza “in caso di difficoltà nell’esercizio di queste rotte”.

READ  Lo Spazio della Gioventù Valencia de Don Juan estende i suoi orari per Pasqua

L’accordo prevedeva inoltre che le compagnie aeree dei due paesi “ottengano diritti equi e uguali per operare rotte contrattuali”.

A dispetto delle minacce di sanzioni provenienti dall’Occidente, Mosca ha formalmente riconosciuto Donetsk e Luhansk come stati indipendenti all’inizio di questa settimana, seguiti dall’inizio di un’operazione militare su larga scala in Ucraina giovedì.

Il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che l’operazione mirava a proteggere le persone “che sono state sottoposte al genocidio” di Kiev e a “disarmare e screditare” l’Ucraina, mentre invitava l’esercito ucraino a deporre le armi. L’attacco è stato accolto con la condanna internazionale e l’annuncio di nuove sanzioni imposte dai paesi occidentali a Mosca.

* Camilo Hernandez ha contribuito a questa nota

Il sito web dell’Agenzia Anadolu contiene solo una parte delle notizie presentate agli abbonati sull’AA News Broadcasting System (HAS) e in sintesi.