Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia può utilizzare criptovalute come Bitcoin per evitare sanzioni? | internazionale | Notizia

Con il progredire dell’invasione russa dell’Ucraina e l’aumento delle sanzioni economiche occidentali contro il regime di Vladimir Putin, Molti osservatori sono preoccupati per la possibilità che Mosca utilizzi la criptovaluta per aggirarla.

I volumi di acquisto di criptovaluta in rublo sono ai massimi storici e Il prezzo del bitcoin è aumentato negli ultimi giorni (15% da domenica a quasi $ 44.000)guidato dall’idea che la crisi ucraina dimostri l’utilità di una valuta decentralizzata non controllata dal governo.

Ma la Russia può davvero fidarsi delle criptovalute per evitare sanzioni internazionali? Perché i russi sono tentati dalle criptovalute?

Fare pressione sulla Russia e sulle sue istituzioni bancarie e finanziarie Escluso da Swift International Interbank System L’Unione Europea e gli Stati Uniti hanno annunciato il blocco degli asset della Banca centrale russa.

Di conseguenza, il rublo è sceso (-27% dall’inizio del 2022) E vengono scambiati a più di 100 rubli per dollaro, un livello senza precedenti.

D’altra parte, le criptovalute come Bitcoin operano attraverso una rete decentralizzata: Nessuna entità centrale può essere penalizzata e l’accesso dell’utente negato.

Di conseguenza, i russi si sono rivolti al bitcoin, con volumi record di acquisti di rubli in corso, secondo il fornitore di dati sulle risorse digitali Kaiko.

Un’altra criptovaluta che sta guadagnando terreno in Russia è Tether, una stablecoin. Cioè, è emesso da una società privata che garantisce il possesso dei beni equivalenti da emettere per garantire che il Tether valga un dollaro.

Le stablecoin, che sono state fortemente criticate dalle autorità di regolamentazione occidentali, sono popolari nei paesi in cui la valuta locale sta subendo una forte svalutazione. Per valutare se gli acquisti russi provengono da pochi conti particolarmente ricchi o da un segmento più ampio della popolazione, Kaiko esamina il volume medio delle transazioni.

READ  Le e-mail IBM mostrano che i millennial sono più favoriti dei "ragazzini"

“Siamo stati in grado di vedere che la transazione media in Tether è aumentata ma è ancora relativamente bassa, il che mostra un interesse comune tra investitori istituzionali e piccoli acquirenti”, ha detto all’AFP Clara Medali, responsabile della ricerca presso KAICO.

Le criptovalute sono una soluzione a lungo termine contro le sanzioni?

I governi possono richiedere alle piattaforme di limitare l’accesso a determinati utenti, Come ha fatto di recente l’Ucraina per quanto riguarda i conti russi, e poiché le autorità statunitensi stanno valutando la possibilità di imporlo.

Chainalysis afferma che è “ottimista che l’industria delle criptovalute sarà in grado di resistere alle azioni russe per usarla come mezzo per eludere le sanzioni” e Osserva che l’analisi della blockchain, i record che convalidano tutte le transazioni di criptovaluta, consente anche ai governi occidentali di identificare potenziali violazioni..

Paesi come la Corea del Nord e l’Iran hanno utilizzato le criptovalute per resistere alle sanzioni economiche: eIn primo luogo attraverso attacchi informatici che gli hanno fatto guadagnare miliardi di dollari. Il secondo usa la sua energia a basso costo per “estrarre” – o produrre – bitcoinosserva Carolyn Malcolm di Chainalysis.

Ma l’uso diretto di criptovalute, ad esempio, per la vendita di grano, petrolio o gas, di cui la Russia è la principale fonte, è improbabile: Nonostante l’esplosione del mercato delle criptovalute, i volumi non sono ancora sufficientiPensa a un broker bitcoin che opera da molto tempo nel settore delle materie prime.

Qual è l’impatto della guerra sul mercato delle criptovalute?

Da lunedì, il prezzo di Bitcoin è salito alle stelle, portando alcuni appassionati di criptovalute a considerare la crisi ucraina come una prova della sua utilità. Il ruolo delle criptovalute non si limita alla parte russa: in Ucraina, sabato, il governo ha aperto indirizzi per ricevere donazioni e ha ricevuto oltre 17,1 milioni di dollariSecondo la società di analisi Elliptic.

READ  Wall Street chiude in positivo e il Dow Jones sale dello 0,68% dopo il discorso di Biden

“Non abbiamo scelto quando o come la nostra piccola industria è diventata geopoliticamente significativa, ma ci siamo”, ha azzardato su Twitter Nick Carter, partner del Castle Island Specialist Fund.

L’impennata di Bitcoin non è dovuta solo agli acquisti russi, in quanto è un “piccolo mercato senza un grande impatto”, avverte Medalie.

Ipek Ozkardeskaya, analista di mercato di SwissQuote, avverte che “i russi valgono il rischio con la criptovaluta” ma “le autorità occidentali potrebbero non tollerare tale interferenza con bitcoin, il che aumenta il rischio di una regolamentazione più severa” e potrebbe influenzare il suo prezzo in futuro. (me)