Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia respinge l’attacco delle forze ucraine vicino alla centrale nucleare

MOSCA, 9 SETTEMBRE (PRINSA LATINA) Il capo del movimento We Together Russia, Vladimir Rogov, ha affermato che oggi le forze russe hanno sventato un tentativo di sbarco delle truppe ucraine nella città di Energodar, dove si trova la centrale nucleare di Zaporozhye.

Descrivendo altre due operazioni fallite per lo stesso scopo nelle ultime ore, Rogov ha detto che le unità di sbarco ucraine avevano cercato di raggiungere Energodar e creare una specie di ponte lì, ma in quel tentativo non sono riusciti, perché la sponda del fiume è sotto il nostro controllo.

Per Rogov, lo scopo del frustrante sbarco era catturare la centrale nucleare, situata nel territorio della provincia ucraina di Zaporozhye, controllata dalla Russia a sud del fiume Dnepr e fino alla costa del Mar d’Azov, ha affermato TV Capitale.

Secondo un membro del consiglio di amministrazione dell’amministrazione civile e militare russa, gli ucraini sono alla ricerca di un punto debole dove poter creare una testa di ponte che serva all’attacco alla suddetta struttura, la più grande d’Europa, dotata di sei reattori .

Almeno due blocchi dell’impianto sono stati parzialmente danneggiati, poiché il 5 agosto le forze ucraine hanno intensificato i bombardamenti sul territorio di quella struttura utilizzando artiglieria pesante, droni e missili guidati.

Una missione dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha visitato in primo luogo l’impianto di Zaporozhye, dove le autorità russe hanno dimostrato i danni causati dal fuoco dell’artiglieria ucraina. Anche i residenti di Energodar hanno testimoniato di questi attacchi.

Tuttavia, il rapporto dell’organizzazione internazionale pubblicato a Vienna evitava di fare riferimento alla responsabilità di Kiev per i suddetti attacchi e parlava solo della necessità di evitare ulteriori bombardamenti e di stabilire una zona di sicurezza intorno alla fabbrica, come denunciato da Mosca.

READ  Gli uffici del partito del presidente peruviano hanno fatto irruzione per un'indagine sul riciclaggio di denaro

Il 24 febbraio, il presidente Vladimir Putin ha annunciato l’inizio di un’operazione militare per difendere i residenti delle repubbliche di Donetsk e Lugansk, nonché per disarmare e screditare l’Ucraina.

rgh / a