Dicembre 2, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Russia stabilisce un nuovo massimo giornaliero per i decessi per COVID-19, con 1.251 decessi

Mosca, 18 novembre (EFE). La Russia ha registrato oggi 1.251 morti a causa di Covid-19, che è il nuovo numero massimo di morti giornaliero dall’inizio dell’epidemia per il secondo giorno consecutivo, hanno riferito le autorità sanitarie del Paese.

Il maggior numero di decessi è stato segnalato a Mosca (94), seguita da San Pietroburgo (79) e dalla regione di Krasnodar (65).

Dall’inizio dell’epidemia in Russia, 260.335 persone sono morte in Russia a causa del virus Corona, sebbene le statistiche ufficiali sui decessi in eccesso nello stesso periodo siano quasi il doppio di questa cifra.

Inoltre, nelle ultime 24 ore sono stati identificati 37.374 nuovi casi di COVID-19 in tutto il Paese.

Mosca, epicentro dell’epidemia in Russia, ha registrato 4.062 nuovi contagi, davanti alla regione di San Pietroburgo (2645).

In totale, fino ad oggi nel Paese sono stati accumulati 9.182.538 casi di coronavirus.

La Russia è il quinto Paese al mondo dopo Stati Uniti, India, Brasile e Regno Unito per numero di contagi documentati.

Le autorità russe attribuiscono il forte aumento di nuovi contagi e decessi all’aggressività della variante delta, alla stretta non conformità di molti russi alle norme sanitarie e, soprattutto, al basso tasso di vaccinazione del Paese.

Secondo i dati ufficiali, nel paese che era leader quando si tratta di registrare un vaccino antivirale, solo 5.7961.578 cittadini hanno ricevuto il programma di vaccinazione completo, che pone l’immunità di gregge solo al 49% dell’80% che le autorità aspirare a.

A fronte dell’aggravarsi della situazione epidemiologica, il governo ha inviato al Parlamento un disegno di legge per introdurre dal 1° febbraio l’uso obbligatorio della tessera sanitaria nei luoghi e mezzi di trasporto pubblici.

READ  Barbados apre un'ambasciata nel Metaverse e apre la carriera diplomatica virtuale | Tecnica

Fino ad allora, le persone non vaccinate potranno accedere a strutture “esenti da coronavirus” e utilizzare altri servizi non essenziali con un test PCR negativo.

Il capo del Comitato per la protezione dei consumatori, Anna Popova, ha indicato che il governo sta valutando di concedere permessi sanitari alle persone che hanno un livello sufficiente di anticorpi, anche se non sono state vaccinate.

bsi / ig