Dicembre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“La ruta”: Perché siamo invasi dalla nostalgia dell'”oltre” | Televisione

Gli edonisti tendono a cadere meglio se appartengono a un’altra generazione. Ecco come difende la regola non scritta del ritiro nostalgico: i frequentatori di feste prima sapevano divertirsi; Non come quelli di oggi, egocentrici e pigri, tutti assuefatti al vuoto, che girano su se stessi. È questa convinzione che sarà entusiasta di quanto sia vero quando uno di loro svanisce all’altro. cassette E non c’era TikTok, ma ignorerebbe coloro che vogliono ballare tutto nello stesso programma per nichilismo egoista. Questi sono alcuni uccelli.

Dà l’impressione che la nostra sia sempre stata quella sbagliata, quella che non sa mai godere di niente. Sarà perché la fase va quasi sempre chiusa per poter rivendicare l’autenticità di quanto vissuto. perdere La stradaUna produzione imperdibile di Borja Soler e Roberto Martín Maeztegui – Un capitolo settimanale in Atresplayer Premium mentre sono al terzo – che racconta a ritroso la scena valenciana degli anni ’80 e la cultura del bacaló degli anni ’90. E hanno ragione a cominciare da quest’ultimo, raccontando tutto attraverso un gruppo di amici destinato a sciogliersi. Nel primo episodio, dopo aver ottenuto alcune serie nei bagni del nightclub Puzzle nel 1993, il personaggio Nuria (Elizabeth Casanovas) spiega a Cento (Ricardo Gomez) cosa ha preparato dallo spettacolo su questa scena che hanno vissuto insieme per circa un decennio. Dietro ciò che lo spettatore deve ancora vedere: “È un viaggio attraverso la rivoluzione della danza. Una rivoluzione che è iniziata dal nulla, ha combattuto contro il nulla ed è andata alla deriva verso il nulla. L’unica rivoluzione possibile nella generazione post-rivoluzionaria”, racconta lui eccitato; Ciò rafforza l’idea che solo quando capisci che qualcosa è finito può ergersi davanti al resto come qualcosa di reale, un lampo di unicità e diversità.

READ  Perché il 2023 sarà l'anno dei lustrini
Il parcheggio, un’enclave importante a La Ruta.Atreus Player Premium

Il passato legittima sempre

Quanta più fantasia imprenditoriale deve tornare indietro perché la voglia di ballare e lasciare persistere de abusi Visto come un lavoro culturalmente rispettoso e liberatorio? Sembra che tu debba sempre riavvolgere e allontanarti dal presente per celebrare senza intensità, quel percorso sfuggente in cui la chimica e il ritmo si fondono affinché il corpo possa assorbire.

Perché non solo l’assunzione di ecstasy è decentrata in questa sequenza non ricorrente La strada Dal secondo episodio in cui Jesus (Gonzalo Caps), un ragazzo diventato lanciatore di dischi olimpico che si reca a Barcellona nel 1992, finisce sul tetto di un’auto e fugge walkman In una posizione elevata per rivendicare il suo desiderio di libertà parcheggio Da NOD, la discoteca dove la festa era sempre fuori dal locale piuttosto che dentro.

Anche Mia Hansen Love ha applicato quel look romantico ed evocativo Eden (2014)Il suo film parla degli alti e bassi della scena Pagina iniziale L’esplosione del suono dei francesi e dei Daft Punk negli anni ’90 che ha vissuto DJ Suo fratello Sven. Ha spazzato via Michael Winterbotton 24 ore per le persone (2002)Dove ha rubato il titolo alla canzone Happy Mondays per difendere tutto ciò che ribolliva nell’Hacienda Club fino alla sua chiusura nel 1992. E nel 2019 la pellicola batte glorificare la scena Raver La donna scozzese degli anni ’90, la donna criminalizzata dal panico morale istigato dalle istituzioni e dai media per sradicare la cultura di una società. Concerti gratuiti (Feste libere). Paradossi della vita Emoticonquei volti sorridenti su sfondo giallo circolare, il logo hippie che si è ripreso Raver divenuto simbolo della tossicodipendenza e del teppismo anarchico tra l’estate del 1989 e del 1996, ora appartiene a un marchio, la Smiley Company, Una delle 100 più grandi società di licenze al mondo, con 458 licenziatari in 158 paesi. La ribellione, alla fine, vende sempre.

READ  Novità su Netflix 2022/2023: la sesta stagione di "Elite" e una nuova serie dal creatore di "Patria" - Notizie sulla serie
Nel cast Elisabet Casanovas, Ricardo Gomez, Claudia Salas e Alex Monnier
Elisabet Casanovas, Ricardo Gomez, Claudia Salas e Alex Monnier sono i protagonisti di “La Rota”.Atreus Player Premium

Ricorda Luis Costa – l’autore già sobrio Cosa sta succedendo dentro La strada in merluzzo! (contro, 2016)-, alla sua ultima prova, balla tu Affari di danza (Nuovi quaderni anagrammi, 2022). Un breve copione che scava nell’oscurità del club per scoprire cosa rappresentano e come viviamo la voglia di ballare. e come li abbiamo incriminati in ogni epoca fino ad un tempo successivo, e sempre, per invocarli come i loro più veri.

Come quel “Dance or Die” (trad delirio o morte comune in Inghilterra) dipinto nei bagni dello Psicódromo, il circolo Dopo ore Il più difficile è a Barcellona prima delle Olimpiadi. La stessa cosa che è stata raccolta in esso balla tuJoan M. Olek V. descriverà trance (Barlin Liberos, 2004) come “quel luogo dove ogni tipo di persona può andare […] Dove puoi fare quello che vuoi. Il masso si lancerà a terra, colpirà le pareti e finirà per esplodere. Perché è di questo che si tratta: far esplodere tutto là fuori. “

Lo Psicodromo è stato chiuso il 5 maggio 1992, a seguito di una nuova legge che ne vietava l’apertura distanza A meno di 500 metri dal Villaggio Olimpico. erano 492. Il colpo di grazia sarebbe arrivato nel 2009, quando fu approvato un regolamento che inaspriva le sanzioni per i liberi partiti e le imprese organizzatrici. distanza. Ha iniziato a scriverlo nel 2007, dopo la morte di un cittadino francese dopo essere stato investito alla periferia di A Storico Delirio particella Dopo Capodanno 2006 (Quelli che hanno concentrato 2.000 persone in a campeggio Polyña, a Barcellona). Qualcuno, di sicuro, sta preparando una sceneggiatura o un documentario sul significato di quella scena.

READ  Il baritono spagnolo Carles Passion vince il concorso Neue Stimmen
Berta Prieto e Belen Barenes recitano in un film
Berta Prieto e Belen Barenes sono le protagoniste di Arti marziali.Jordi Diaz/Filmmen

Qualche giorno fa, in un incontro con la stampa, Berta Prieto, ideatrice e coprotagonista della serie, ha dichiarato: Difesa personale che i due film saranno presentati in anteprima il 29 novembre, che “sembra che le ragazze di oggi, per sballarsi e festeggiare in una serie, debbano subire un trauma per giustificare a tutti il ​​motivo per cui l’hanno fatto”.

Nel loro romanzo autobiografico di 10 episodi, due ragazze di 20 anni si sballano (tanto), cercate Delirio Sul Montjuïc a metà del 2022 abbracciano il divertimento e le feste come meccanismo di sopravvivenza. La serie deve ancora essere rilasciata e, come ha detto la stessa Prieto dopo aver rilasciato il suo trailer prequel alle reti: “Ci odiano già su Twitter”. C’è un motivo, pare, per cui affinché la lezione di ballo appaia sui nostri schermi senza doversi sentire in colpa, deve sempre essere fatta al passato o in bische che non sono più aperte. Questa rivoluzione danzante, anche se “ti porta nel nulla e fuori dal nulla stesso”, per essere celebrata, deve passare attraverso un difficile filtro di nostalgia. de abusi.

Puoi seguire EL PAÍS TELEVISIÓN su Cinguettio Oppure registrati qui per ricevere Notiziario settimanale.

Ricevi il bollettino televisivo

Tutte le notizie da canali e piattaforme, interviste, notizie e analisi, oltre a raccomandazioni e critiche dei nostri giornalisti

Partecipazione