martedì, Luglio 23, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

La siccità colpisce 62 comuni nello stato brasiliano di Amazonas

Il rapporto, riportato dall’agenzia di stampa statale brasiliana, indica che le zone di Presidente Figueiredo e Apoé, che prima si trovavano in una situazione normale, sono ora ancora in uno stato di preoccupazione, e finora sono colpite 608.000 persone e 152.000 famiglie. dalla siccità. .

Secondo il bollettino, da gennaio al 25 ottobre, nella divisione regionale sono state registrate 18.170 fonti di calore, di cui 2,5mila nell’area urbana di Manaus, capitale dello stato.

Nel solo mese di ottobre si contavano 3.368 fonti di calore, più del doppio rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, quando si contavano 1.335 fonti di calore.

La Protezione civile ha inoltre indicato che tra il 12 luglio e il 25 ottobre i vigili del fuoco hanno combattuto 2.482 incendi, di cui 710 a Manaus e 1.772 all’interno dello Stato.

A Manaus, la siccità è la peggiore degli ultimi 121 anni, e venerdì il fiume Negro è rimasto a 12,7 metri, il livello più basso mai registrato dal 1902, quando iniziarono le misurazioni del flusso nell’affluente.

Il punteggio più alto misurato è stato di 30,02 metri il 16 giugno 2021.

Tale scenario si verifica in un momento in cui si sta intensificando il fenomeno El Niño, caratterizzato da un indebolimento degli alisei (che soffiano da est verso ovest) e da un riscaldamento anomalo delle acque superficiali nella parte orientale della regione equatoriale del oceano. . Tranquillo.

A seconda della fonte, questi cambiamenti nell’interazione tra la superficie dell’oceano e la bassa atmosfera si verificano su scale temporali comprese tra tre e sette anni e hanno conseguenze sul clima in diverse parti del pianeta.

Questo perché la dinamica delle masse d’aria nell’Oceano Pacifico adotta nuovi modelli di trasporto dell’umidità, che influenzano la temperatura e la distribuzione delle precipitazioni.

READ  🔴 Live Blog World Oceans Action Day - IT

A causa del prosciugamento del fiume Madeira, che alimenta la diga in Amazzonia, il 2 ottobre le operazioni della centrale idroelettrica di Santo Antonio, il quarto generatore di energia più grande del Brasile, sono state sospese.

Lo ha annunciato Santo Antonio Energia, gestore dell’unità che porta il nome della società.

Questa centrale fornisce energia idroelettrica a diverse regioni del paese. Con 50 turbine, la capacità installata è di 3.568 MW.

Santo Antonio ha affermato che l’interruzione era intesa a “preservare l’integrità dei gruppi idroelettrici”, perché la quantità d’acqua era troppo poca per far funzionare le turbine.

rgh/ocs

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles