sabato, Giugno 22, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

La tempesta solare dell’11 maggio ha raggiunto anche le profondità dell’oceano

Mappa delle infrastrutture oceaniche in Canada -Università Vittoria

Madrid, 17 maggio. (Stampa europea) –

La potente tempesta solare che ha prodotto Le aurore si trovano a latitudini insolitamente basse Anche il funzionamento delle bussole nelle profondità dell’oceano è cambiato l’11 e il 13 maggio.

Osservatori subacquei ONC (Reti oceaniche canadesi) Sulle coste occidentali ed orientali del Canada, la distorsione temporale del campo magnetico terrestre è stata registrata su piattaforme strumentali dispiegate fino a 2,7 km sotto la superficie dell’oceano. Sono probabilmente alcuni dei documenti più remoti mai realizzati.

Le più importanti variazioni magnetiche Ho spostato la direzione della bussola nell’intervallo da +30 a -30 gradi È stato registrato a una profondità di 25 metri nel sito sottomarino Folger Passage, parte dell’osservatorio a filo ONC NEPTUNE al largo della costa dell’isola di Vancouver.

I disturbi geomagnetici possono comportare rischi per le reti elettriche, le reti satellitari e i sistemi di navigazione. Oltre a influenzare le capacità di navigazione degli animali.

Ha spiegato che l’entità di questi dati registrati miglia sotto la superficie dell’oceano evidenzia l’entità del brillamento solare e indica che i dati potrebbero essere utili per comprendere meglio l’estensione geografica e l’intensità di queste tempeste. È una dichiarazione Kate Moran, presidente dell’ONC e amministratore delegato della Victoria University.

La scoperta di questi disturbi magnetici alle tempeste solari è avvenuta durante i controlli di qualità dei dati. L’ONC utilizza principalmente bussole per guidare i profilatori di corrente Doppler acustici (ADCP) che misurano le correnti oceaniche.

READ  La famiglia Puma, che non ha scuse, inizia una serie internazionale contro la Francia che potrebbe essere artica: quali sono gli stimoli?

Alex Slonimer, uno specialista di dati scientifici presso l’ONC, stava completando un controllo quotidiano dei dati alla fine di marzo Quando notò per la prima volta un’anomalia nei numeri In primo piano nel portale dati Ocean 3.0.

“Ho verificato se si trattasse probabilmente di un terremoto, ma non aveva molto senso perché i cambiamenti nei dati sono avvenuti per molto tempo e contemporaneamente in luoghi diversi”, spiega Slonimer. “Poi ho controllato se si trattava di un brillamento solare, Dato che il sole è stato recentemente attivo“.

Aggiunge che la tempesta solare dell’11 maggio ha migliorato il processo di osservazione, poiché i picchi nelle direzioni della bussola sono strettamente collegati ai picchi di attività visibile nell’aurora boreale.

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles