Febbraio 2, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La terza newsletter sportiva – Prensa Latina

calcio

BRASILIA, 29 dic. (Prensa Latina) Il presidente eletto Luiz Inacio Lula da Silva ha considerato l’ex calciatore Edson Arantes do Nascimento (Pelé), scomparso oggi, uno dei pochi cittadini che finora hanno portato il nome del Brasile.

“Finora pochi brasiliani hanno portato il nome del nostro Paese. Non importa quanto la lingua fosse diversa dal portoghese, gli alieni provenienti dai quattro angoli del pianeta hanno trovato rapidamente un modo per pronunciare la parola magica: Pelé”, ha scritto l’ex sindacalista sul social network Twitter.

calcio

MADRID, 29 dic (Prensa Latina) L’Atletico Madrid ha battuto l’Elche 2-0 oggi nella Liga ed è riuscito in qualche modo a placare la tempesta in cui il club era sprofondato in una crisi sportiva.

Con questa vittoria, l’Atlético è salito al quinto posto in classifica generale, con 25 punti, mentre l’Elche è arrivato ultimo, con solo cinque punti su 45.

calcio

BRASILIA, 29 dic (Prensa Latina) Seppure attesa, la morte di Edson Arantes do Nascimento (Pelé) scuote il Brasile, dove da tutti i settori della società si sente dire che la scomparsa dell’odierno Re del Calcio ne ha riaffermato l’immortalità.

Giornata triste per il Brasile. Abbiamo lasciato Pelé oggi. Nel suo libro scrive della canzone Love Love Love che ho scritto ispirandomi alle sue parole: Ho fatto un discorso sul campo e ho finito per pronunciare queste parole in inglese”, il famoso musicista Caetano Veloso, uno degli ideatori del così -chiamato movimento tropicale.

calcio

Parigi, 29 dic (Prensa Latina) Personaggi della politica e dello sport francesi hanno espresso oggi il loro dolore e la loro tristezza per la scomparsa, all’età di 82 anni, del re del calcio brasiliano Pelé, tre volte campione del mondo.

READ  Cuba elimina la quarantena obbligatoria per i viaggiatori sudafricani

O Rei, ricoverato da diverse settimane in ospedale al San Paolo e considerato da molti il ​​più grande giocatore della storia, giovedì ha smesso di respirare per ingrossare una leggenda che vivrà per sempre, una visione espressa in terra francese sui social e il stampa.

L / Sì