Ottobre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Turchia continua le sue operazioni militari nel nord della Siria

Il quotidiano Al-Watan ha citato le notizie di attivisti locali di violenti scontri tra l’esercito turco e le sue milizie locali da un lato e le cosiddette Forze Democratiche Siriane dall’altro.

Hanno notato che tre forze armate fedeli alla Turchia hanno perso la vita nei combattimenti, mentre Ankara ha annunciato di aver neutralizzato 13 elementi della milizia separatista delle forze di difesa e di sicurezza.

Allo stesso modo, un siriano è stato ucciso dal fuoco delle guardie di frontiera turche vicino alla città di Mabadeh, a nord di Hasaka.

Secondo i media locali, l’esercito di Ankara al confine ha sparato ai contadini siriani impedendo loro di avvicinarsi ai loro terreni agricoli vicino alla recinzione di confine.

Il giorno precedente, almeno quattro civili sono stati uccisi, tra cui due donne, e altri nove sono rimasti feriti dai bombardamenti dell’esercito turco e dei relativi gruppi estremisti nella stessa zona.

Questi attacchi si ripetono contro i centri abitati che circondano le aree sotto il controllo dell’esercito turco, e sono commessi con il pretesto di distruggere obiettivi delle Forze Democratiche Siriane, una milizia a maggioranza curda alleata con gli Stati Uniti, che Ankara classifica come terroristica .

Dal 2018, l’esercito turco e i gruppi armati illegali controllano vaste aree nei governatorati di Idlib, Aleppo, Raqqa e Hasaka nel nord della Siria.

Damasco ha denunciato più volte questa presenza, definendola occupazione, e ha sottolineato che i continui attacchi della Turchia cercano il cambiamento demografico attraverso lo sfollamento dei civili.

READ  Negli Stati Uniti, prima del furto del tosaerba, ha tagliato l'erba ai proprietari